ROME - ITALY
info@asilonelbosco@gmail.com

La voce e il tono creano un’impronta emotiva nel cervello del bambino

La voce e il tono creano un’impronta emotiva nel cervello del bambino


 

La voce è uno strumento di potere nella maturazione di un bambino, è il canale attraverso il quale stabilirà non solo la lingua, ma anche il suo mondo emotivo.

Mamma, parlami piano per darmi calma, così posso crescere con il tuo affetto, con il tuo buon lavoro. Mamma, parlami meravigliosamente in modo che io possa iniziare il prima possibile nel mondo delle emozioni, in modo che la paura non faccia parte di me e che io possa scoprire il mondo sentendomi sempre amato.

 

Queste idee riassumono senza dubbio molti dei tuoi scopi di madre, di padre e di chiunque si occupi di assicurare il buon sviluppo di un bambino. Perché ci crediate o no, la voce è uno strumento di potere nella maturazione di un bambino, è il canale attraverso il quale stabilirà non solo la lingua, ma anche il suo mondo emotivo.

 

Voce e gesti sono aspetti chiave per stabilire una connessione adeguata con i nostri figli. Tanto che non possiamo dimenticarlo, che i bambini capiscono concetti, idee e parole molto prima che inizino a comunicare. Le emozioni che trasmettiamo con il nostro tono di voce a volte hanno più potere di una parola. Basta alzare il tono perché un bambino abbia paura e si inneschi il pianto.

 

Tuttavia, parlare tra sussurri, in un modo affettuoso e affettuoso e saper “accarezzare” con la voce, genera nei bambini una meravigliosa calma che ha un impatto molto positivo sul loro sviluppo. Questi sono dati importanti che vogliamo condividere con te in «Sei una madre».
 
Siamo sicuri che saranno di tuo interesse e che li hai già messi in pratica con i tuoi figli.
 
Mamma, parla con me dolcemente, parla con me ogni volta che puoi
 

Se ti diciamo che un bambino preferisce la voce di sua madre a quella di qualsiasi altra persona, non dovresti stupirti. Durante il suo sviluppo nell’utero e man mano che si sviluppano le vie uditive del feto, è la voce della madre che percepirà in ogni momento.
 
In effetti, e come diversi studi hanno dimostrato, dopo la nascita un bambino, pur essendo prematuro, può identificare la voce di sua madre e persino discriminare da altre voci. Tanto che è stato persino dimostrato che quando un neonato si sente vestito dalla voce di sua madre, anche la sua alimentazione orale è migliore migliorando il movimento di suzione.
 
È certamente qualcosa di meraviglioso.
 
La voce della mamma ha un grande potere
 
La voce della mamma ha il potere di calmare lo stress riducendo i livelli di cortisolo nel sangue. Ora, è importante ricordare ancora una volta che questa influenza terapeutica e rilassante ha effetto solo se il tono della voce è rilassato, affettuoso e caldo.
 
Le urla generano allarme e paura. Un bambino che cresce in un contesto familiare in cui abbondano le urla sviluppa comportamenti disadattivi e una disconnessione emotiva nei confronti dei genitori. Li vedrai con paura o sentirai rifiuto nei loro confronti.
Inoltre, non possiamo dimenticare che molti di quei comportamenti che circondano un bambino sono gli stessi che lui stesso metterà in pratica in futuro. Se un bambino gli viene gridato, prima o poi risponderà con grida.
Se la mamma ha un potere, dovrebbe usarlo bene. La tua voce è quel canale familiare per il neonato che dovrebbe fungere da guida in ogni momento da quando raggiunge il mondo.
Parla piano, all’orecchio, digli quanto lo ami e quanto è speciale. Non importa che non ti capisca, perché ciò che ogni bambino capisce è il linguaggio delle emozioni. Un sussurro affettuoso è come cibo per il tuo cuore. Un urlo è come una ferita nel tuo cervello. Dobbiamo prenderci molta cura di questi aspetti.
 
La voce e il tono creano un’impronta emotiva nel cervello del bambino
 
Secondo uno studio pubblicato sulla rivista «Knowing Neurons«, la voce delle madri attiva la corteccia prefrontale anteriore dei bambini, nonché la regione temporale posteriore sinistra. Tutto ciò favorisce la specializzazione nella lingua dei bambini per imparare a parlare.
 
Daniel Abrams, neurobiologo della Stanford University School of Medicine, ha dimostrato come i bambini sono in grado di reagire positivamente alla voce della madre contro quella di una donna sconosciuta in meno di un secondo. È qualcosa di magico, qualcosa che lascia un segno nel cervello del bambino e che lo accompagnerà per tutta la vita: è un grande legame.
 
In effetti, gli scienziati osano dire che la maggior parte di noi porta la voce di nostra madre negli schemi neuronali del nostro cervello. Proviamo, quindi, che i nostri figli abbiano quell’impronta associata alle emozioni positive, legata a quella forza e a quell’affetto sempre presente con cui, crescere ogni giorno con maturità, autostima e saggezza.
Parla con lui dolcemente, parla con lui con il linguaggio dell’infinito affetto, dove non fai mai ricorso alle urla, a quella voce stanca che non apprezzi, che non ascolti e che trascuri. Sii come sei, una persona piena di felicità che si prende cura ogni giorno di offrire il meglio a tuo figlio.

di Veronica Sabater

tratto da 

 

Nessun commento

Aggiungi il tuo commento