ROME - ITALY
info@asilonelbosco@gmail.com

Il “check in” della salute emotiva: la brillante strategia di un’insegnante diventato virale

Il “check in” della salute emotiva: la brillante strategia di un’insegnante diventato virale

Erin Castillo, un’ insegnante di educazione differenziale, ha sviluppato una grande dinamica di comunicazione efficace che potrebbe essere replicata nelle aule di qualsiasi parte del mondo.

Erin ha deciso di trasformare la sua classe in uno spazio sicuro per supportare ed educare i suoi studenti sui disturbi mentali. Lo ha fatto attraverso una strategia molto semplice ma potente: un check-in di salute mentale non verbale e semi-anonimo in modo che i suoi studenti potessero comunicare le loro emozioni. Ogni giorno, in questo disco, i giovani possono identificare come si sentono su una scala che include le seguenti frasi: “Sto benissimo”, “Sto bene”, “Sto più o meno”, “Sto avendo problemi”, “Sono su un brutto momento, non mi interessa la tabella di registrazione “e” Sono in un posto molto buio “.
 
Per identificarsi con una qualsiasi di queste frasi, gli studenti prendono un Post-it, scrivono il loro nome sul retro e quindi incollano il foglio con la frase con cui si identificano maggiormente. In questo modo, solo Erin può leggere i nomi per rilevare chi sta attraversando un brutto momento. L’idea gli è venuta dopo aver visto che un altro insegnante ha progettato questa attività, ma in formato digitale e rivolto agli insegnanti.
Negli ultimi cinque anni ci sono stati diversi casi di tentativi di suicidio a San Francisco, in California, dove l’insegnante lavora. Inoltre, diversi studi hanno evidenziato la correlazione tra difficoltà di apprendimento e comportamenti suicidari, in particolare nelle donne e nelle persone con autismo.
 
Come educatrice differenziale, Erin credeva che questo record di salute mentale fosse perfetto per costruire legami di comunicazione e fiducia nei suoi studenti. “I bambini hanno bisogno di sapere che non sono soli e devono visualizzare cosa significa avere supporto”, ha detto l’insegnante in un’intervista con Insider. “Il liceo a volte è difficile, ma sono contento che abbiano uno spazio sicuro per comunicare e lavorare su alcune delle loro emozioni”, ha aggiunto.

La cosa migliore dell’iniziativa di Erin è che molti altri insegnanti sono stati ispirati.
Dopo aver pubblicato la loro attività in un gruppo chiamato “Suicide Awareness / Prevention”, l’attività è diventata virale negli Stati Uniti e molti insegnanti hanno replicato le dinamiche e condiviso le loro versioni di check-in. Inoltre, molte persone nelle reti hanno sottolineato il valore di questa potente iniziativa. Per Erin è stato toccante e inaspettato. “Ho iniziato a piangere. Mio marito mi ha chiesto perché stavo piangendo e io ho detto: “perché i bambini vengono salvati ovunque”, ha detto il professore in un’intervista. Per continuare a generare un impatto, ha persino creato uno strumento digitale gratuito per altri insegnanti interessati a introdurre questa metodologia nelle loro classi.

 

tratto da 

https://eligeeducar.cl/check-in-salud-mental-la-brillante-estrategia-una-profesora-se-volvio-viral?fbclid=IwAR0IHOLBb3iH8ApO58xQz_P4rmUzeLtIWAtYKiSkhS3Wi-SO2IpxFGTcu4I

Nessun commento

Aggiungi il tuo commento