ROME - ITALY
info@asilonelbosco@gmail.com

Calmare un bambino col cellulare gli impedisce di apprendere a calmarsi da solo

Calmare un bambino col cellulare gli impedisce di apprendere a calmarsi da solo

Il titolo dice quasi tutto ma è bene ribadire un po ‘quello che sta succedendo. Ci sono padri e madri che si sentono così incapaci di calmare il proprio bambino da usare caramelle elettroniche: il cellulare. È un modo di dire al bambino: “Crediamo che tu non possa fare altro che prendere il trattamento per essere calmo. In questo modo ci lasci soli e ti mostriamo di nuovo che non puoi intrattenere o calmarti. ”
Il bambino potrebbe rispondere: “Non mi hai insegnato”. Immagina che questo ragazzo si chiama Pepe, ha 4 anni e va dal medico per un mal di pancia. Ricordiamo tutti, forse quelli con meno di 25 anni, non come i bambini di un paio di decenni fa che prendevano un paio di auto molto piccole, che si adattavano alle loro mani, per giocare continuamente con loro nell’ufficio del dentista.

Sotto lo sguardo di mamma o papà
La madre, che non aveva preso il cellulare perché non era molto diffuso come oggi, lo guardava più o meno attentamente ma le sorrideva ogni volta che il bambino cercava l’approvazione nei suoi occhi. La madre, con un’espressione di acquiescenza, applaudì il gioco e il bambino continuò a giocare nel mare della contentezza. Quindi il bambino è entrato nell’ufficio del pediatra e così tante novità lo hanno lasciato estasiato.

I passeggini in miniatura tornarono alla borsa della madre e il bambino lasciò l’ufficio  felice.  E se i passeggini lo stancavano, prendeva un foglio e alcune matite dalla borsa (un po ‘come Mary Poppins) e metteva il bambino a disegnare.

Ali all’immaginazione
Attualmente, al bambino non viene insegnato a casa a fare alcune cose vitali. A Pepe non viene insegnato a giocare, a raccontarsi storie da raccontare.Il ragazzo due decenni fa era in grado di raccontarsi molte cose. E in quel discorso interno il ragazzo è stato in grado di darsi ordini: “Ora devo giocare che mi piace molto”. E quello stesso discorso interno serviva a disegnare storie autentiche su un foglio bianco.
Cosa è successo Bene, la madre, il padre, avevano proposto diverse volte molti giochi a casa, edifici, varie bambole che erano popolate o libri di belle illustrazioni che il bambino guardava o leggeva numerose volte per dare alla storia una versione ogni volta nuova.

Ora il ragazzo è a casa e non sa giocare. Non ha imparato. Ma Pepe sa che gli piacciono i disegni accelerati di SpongeBob o le canzoni orecchiabili fino alla fine di Baby Shark. È quello che ci si aspetta da questo bambino? È quello che ci si aspetta da un bambino che, tra i 2 e i 6 anni, svilupperà la sua conoscenza del mondo, della realtà, dell’ambiente attraverso il gioco, per orientarsi nell’aula della scuola elementare?

Questo bambino non gioca: è uno spettatore passivo che senza quelle chicche non sa come fare – mi permetta di essere un po ‘crudo – quasi nulla. Cosa faceva quella madre indolente – mi scusi l’aggettivo – o stanca che aveva anche la televisione accesa a tutte le ore quando Pepe giocava con 2 anni con le bambole il mare di simpatia che i suoi nonni le avevano regalato? Bene, quello che ha fatto, senza cattive intenzioni, senza saperlo, è stato quello di interrompere un gioco incipiente che con un po ‘di sforzo familiare Pepe avrebbe potuto far piacere a Lego.

I benefici del gioco
(E faccio pubblicità consapevolmente perché questo marchio universale dimostra che oggi è ancora possibile giocare. Fai sapere al lettore che Lego è un gioco che prevede una grande conoscenza dello spazio, delle sue dimensioni, degli equilibri delle forze e quindi del calcolo e della matematica) .

Il bambino di due anni stava ancora manipolando quelle bambole, ma dopo così tante ore di televisione a casa, il ragazzo abbandonò quello che ormai reputava come giocattoli insipidi e si piantò sul divano davanti alla TV guardando tutto ciò che veniva proposto rannicchiato accanto a sua madre O forse da solo. E così ha rinunciato ai primi eventi di gioco.

La madre o il padre non hanno spento la TV e il bambino è diventato un personaggio fermo e sbalordito a tre anni. Quando dovette mangiare i suoi genitori gli diedero contemporaneamente cellulare e mela per “facilitare” l’assunzione e quando dovette andare a dormire Pepe si rifiutò di farlo e cadde come un sasso in TV alle 11 di sera o forse prima il tablet “Mi è stato detto che è interattivo e che educa molto”. Il bambino è affascinato ma non impara a calmarsi Il tablet non educa, affascina, tiene impegnati e il bambino non impara ad autoregolarsi. A meno che non sia usato molto occasionalmente con i genitori che eseguono le app più appropriate e limitano il tempo totale dello schermo a non più di un’ora al giorno da tre anni. E quando esce a mangiare o va dal pediatra Pepito sa già che quando si annoia, la madre estrae il cioccolato dalla borsa. E i due nuoteranno con i loro rispettivi telefoni cellulari in un altro mondo. L’autoregolamentazione del bambino è per dopo. Naturalmente, le lezioni elementari di Pepe, se sei diventato davvero un grande consumatore di telefoni cellulari, TV e tablet, saranno piatte e stancanti. E forse sarà confuso perché la sua capacità di fissare l’attenzione è diminuita al minimo. L’insegnante dirà che è un bambino movidito e che forse ha l’ADHD. Ma non ha nulla di tutto ciò. Forse devi educarlo. Amico lettore, ti prego di prendere questo articolo come una storia che potrebbe metterti in evidenza. Il tono non è stato morbido, ma forse era necessario esprimere in questo modo per spiegarsi meglio.

articolo pubblicato su

Nessun commento

Aggiungi il tuo commento