ROME - ITALY
info@asilonelbosco@gmail.com

Tutoraggio tra pari: uno strumento per migliorare il rendimento e il benessere degli alunni

Tutoraggio tra pari: uno strumento per migliorare il rendimento e il benessere degli alunni

Personalizzare l’educazione è possibile, bisogna solo cercare le giuste strategie che si adattano alle caratteristiche della tua scuola e della tua classe. Se hai un gran numero di studenti in classe, vuoi che si sentano protagonisti del loro apprendimento e imparino in modo significativo, con responsabilità e motivazione abbiamo diverse possibilità, una di queste è

Tutoraggio tra pari
Sappiamo che l’apprendimento non dipende esclusivamente dall’insegnante.  L’apprendimento non consiste in un flusso unidirezionale di conoscenza, ma piuttosto nella capacità dell’insegnante di creare situazioni di apprendimento in cui gli studenti cooperano con i loro compagni di classe e imparano gli uni dagli altri. Per fare questo il tutoraggio   tra pari è una buona strategia da svolgere in classe.

Il tutoraggio tra pari è un metodo di apprendimento cooperativo basato sulla creazione di coppie di studenti, con una relazione asimmetrica e con un obiettivo comune, conosciuto e condiviso che viene raggiunto attraverso una relazione pianificata dall’insegnante.

Puoi trovare due diversi tipi di tutoraggio tra pari:

Tutorato di età incrociata: le coppie di studenti comprendono età diverse. Il più anziano di loro assume il ruolo di tutor, mentre il più giovane sarà l’allievo
Tutorato della stessa età: le coppie di studenti hanno la stessa età e fanno parte dello stesso gruppo o classe. I tutorial possono essere fissi o reciproci. Nel primo, i ruoli sono stabili, cioè lo stesso studente è sempre un tutor e lo stesso studente è allievo; invece in quest’ultimo, i ruoli vengono scambiati periodicamente.
Con questa strategia educativa il ruolo dei docenti cambia e le sue funzioni principali si basano sull’ incentivare alla collaborazione , il supporto all’attenzione individuale e la guida e supervisione dell’azione educativa esercitata dallo studente tutor.
Vantaggi del Tutoraggio tra pari 
Miglioramento accademico sia per il tutor che per l’allievo.
-Permette diversi livelli di realizzazione: mentre per il tutor le attività possono essere rinforzanti, per chi riceve possono essere approfondite.
-Sviluppo delle abilità psicosociali: empatia, rispetto, comunicazione assertiva, relazioni interpersonali, risoluzione dei conflitti …
-Maggiore coinvolgimento nei compiti accademici di entrambe le parti.
-Maggiore senso di responsabilità e autostima, soprattutto per il tutor.
-Soddisfazione e orgoglio da parte del tutor dei progressi dell’allievo e quest’ultimo per il proprio apprendimento.
-Permette di frequentare la diversità della classe o della scuola.
-Migliora il clima in classe, sia tra compagni di classe che insegnanti.
-Ti permette di perdere la paura di fare domande, di fare errori, di correttezza …
-Migliora la convivenza nell’aula, andando dal tutor per risolvere conflitti, dubbi, condividere sentimenti ed emozioni …
-Riduce il bullismo, poiché il tutor può anche aiutare a risolvere un conflitto.
Le pratiche di sostegno alla pari sono molto interessanti perché danno valore educativo alle interazioni degli studenti, offrono opportunità di apprendimento e sviluppano valori come la solidarietà e la socialità. Tuttavia, possiamo anche riscontrare alcuni inconvenienti come il fatto che le informazioni che il tutor spiega all’allievo  non sono corrette o che alcune parti non sono sufficientemente coinvolte nel loro ruolo. Per questo, è importante che l’insegnante eserciti correttamente il suo ruolo.

Se ti piace l’idea del tutoraggio tra pari non perdere altro tempo e inizia a metterlo in pratica nella tua classe per migliorare la convivenza e il rendimento accademico dei tuoi studenti!

tratto da

Nessun commento

Aggiungi il tuo commento