ROME - ITALY
info@asilonelbosco@gmail.com

II CONGRESSO INTERNAZIONALE DI NEUROEDUCAZIONE : LA SCUOLA DEVE ESSERE UN LUOGO PIACEVOLE

II CONGRESSO INTERNAZIONALE DI NEUROEDUCAZIONE : LA SCUOLA DEVE ESSERE UN LUOGO PIACEVOLE

Rendiamo ogni giorno di scuola qualcosa di piacevole. I circuiti di ricompensa sono modulatori essenziali della plasticità cerebrale. Usiamoli premiando ogni sforzo e rendendo ogni ora della lezione un momento divertente.

Stanislas Dehaene

SI è appena concluso il II Congresso Internazionale di Neuroeducazione  e i messaggi che arrivano al mondo della scuola sono incentivanti e preziosi. Lo studio dei meccanismi celebrali per l’apprendimento disegnano una scuola dove il piacere sia di casa, dove ogni bambino viene trattato per la sua unicità e dove il gioco, il movimento e l’esercizio fisico rivestono un ruolo centrale per facilitare apprendimento e benessere. Di seguito una prima sintesi in cinque punti degli atti del congresso estratta dal blog ” Escuela con cerebro ” curato dal grande Jesus Guillen

  1. L’imperfezione ci rende umani

La progressiva crescita del cervello umano, accompagnato da un enorme sviluppo delle capacità intellettuali, è stato il prodotto di un’evoluzione disarmonica che ci rende complessi e imperfetti. Consideriamo un qualcosa di naturale gli errori nell’istruzione? Perché a livello cerebrale, per aggiornare i modelli mentali, le nostre regioni cerebrali devono scambiarsi messaggi di errore. Tutti sbagliamo, anche noi adulti.

Per quanto riguarda l’apprendimento degli studenti, è stato visto che è essenziale un adeguato feedback degli insegnanti che dovrebbe essere chiaro, specifico, focalizzato sul compito e fornito frequentemente e immediatamente dopo lo sviluppo del compito, riconoscendo entrambi i punti di forza , come gli aspetti che dovrebbero essere migliorati.

2. Lo sviluppo di funzioni esecutive richiede apprendimenti socio-emotivi

Le funzioni esecutive del cervello costituiscono una sorta di sistema di guida che coordina le azioni e facilita l’esecuzione di compiti, specialmente quando sono nuovi o richiedono una maggiore complessità e sono fondamentali per il benessere personale: il rendimento scolastico e il successo nella vita. . Sono collegati al processo di maturazione della corteccia prefrontale, una regione del cervello che non è maturata fino a dopo vent’anni. Prendiamo in considerazione i ritmi di maturazione del cervello nell’educazione? Ad esempio, il divario tra la maturazione del sistema limbico e la corteccia prefrontale spiegherebbe comportamenti tipici dell’adolescente legati al rischio e alla novità. In pratica, sembrano essere necessari programmi socio-emotivi volti a migliorare l’autoregolazione.

3. L’arte e l’esercizio sono essenziali

Le funzioni esecutive considerate di base sono il controllo inibitorio, la memoria di lavoro e la flessibilità cognitiva, che consentono lo sviluppo di altre funzioni complesse come ragionamento, risoluzione dei problemi e pianificazione. Sebbene le risorse digitali siano state utilizzate nella ricerca per valutare il loro  effettivo miglioramento nell’acquisizione di queste competenze (in particolare il software ludico), ci sono chiare indicazioni che l’approccio globale (è così che funziona il nostro cervello) che va oltre il cognitivo e tiene conto delle esigenze emotive e sociali e fisico degli studenti costituisce una potente strategia per svolgere le funzioni esecutive. E come si fa in pratica? Bene, per esempio, attraverso l’arte (teatro, musica, pittura, ecc.), Lo sport (specialmente la squadra e quelli con la più grande sfida cognitiva) o il gioco (nell’infanzia, simbolico, per esempio ).

  1. È necessario adattarsi alle esigenze di ogni studente

E’ nostra responsabilità educativa  costruire cervelli migliori. Dobbiamo aspettarci che tutti gli studenti imparino le stesse cose, allo stesso ritmo e allo stesso modo? Ovviamente no. Ciò richiede diventare giardinieri e non carpentieri, cioè scegliere la terra conoscendo la persona, avvicinandola e invitandola ad entrare. È necessario tempo e non ci sono pillole miracolose che, ovviamente, possono essere adatte a patologie specifiche. L’ambiente educativo è fondamentale e ne facciamo parte, quindi è necessario evitare di ragionare per stereotipi o mettendo etichette

5. L’insegnamento non sta trasmettendo conoscenza In molte occasioni l’insegnante non è in grado di percepire il successo di un’azione educativa. Nell’apprendimento sia procedurale che concettuale, la pratica deve essere adeguata. In molte occasioni, sia l’insegnante che lo studente credono che un argomento ben delineato si consoliderà senza difficoltà. Ma è un’illusione. Una cosa è l’assimilazione della conoscenza in sé e un’altra l’assimilazione per esprimerla. In pratica, ci possono essere strategie di insegnamento gratificanti che non hanno un impatto positivo sull’apprendimento degli studenti perché non hanno lavorato adeguatamente sulle conoscenze acquisite o perché l’attenzione è stata posta sui piccoli dettagli già noti e non su come combinali per generare nuove conoscenze. Pertanto, domande come “Come pensi che questa operazione sia stata risolta?” O “Da dove inizieresti?” sono tanto preziose e potenti. Portare gli studenti fuori dalla loro zona di comfort, indagare su qualcosa che non conoscono, portarli a lottare e, infine, a fare errori. Cosi’ progrediamo e impariamo.

Alcuni video per approfondire:

Nessun commento

Aggiungi il tuo commento