fbpx
ROME - ITALY
info@asilonelbosco@gmail.com

Sono gli elogi e non i rimproveri a migliorare il rendimento a scuola. Lo afferma una ricerca della Brigham Young University

Sono gli elogi e non i rimproveri a migliorare il rendimento a scuola. Lo afferma una ricerca della Brigham Young University

Le parole lodevoli hanno ricadute migliori sulle prestazioni degli studenti rispetto al rimprovero costante. Un team guidato dallo psicologo Paul Caldarella, della Brigham Young University, ha evidenziato che i bambini nelle classi in cui il professore ha pronunciato spesso parole di elogio riuscivano a concentrarsi maggiormente nell’attività che dovevano svolgere. La capacità di attenzione e  concentrazione degli scolari è aumentata fino al 30%, affermano gli autori di Educational Psychology.

In tre anni, i ricercatori hanno analizzato le prestazioni di oltre 2.500 studenti di età compresa tra 5 e 12 anni in 19 scuole negli Stati Uniti. I ricercatori hanno definito la lode come un’indicazione verbale di approvazione per il comportamento degli studenti, piuttosto che il riconoscimento di una risposta corretta. Il rimprovero è stato definito come disapprovazione verbale (un rimprovero o una minaccia) in risposta a comportamenti inappropriati.

 

Feedback positivo

 

Usando un cronometro, hanno registrato per quanto tempo i bambini hanno lavorato in un’attività senza interruzioni. Successivamente, hanno collegato lodi e rimproveri alla capacità dei bambini di concentrarsi. Il risultato? Più spesso un insegnante ha elogiato gli studenti, più tempo si sono concentrati sui compiti. In particolare, nelle classi in cui la quantità di lode era stata superiore a quella dei rimproveri, gli scolari hanno trascorso tra il 20 e il 30 percento in più del tempo ascoltando le spiegazioni dell’insegnante o concentrandosi su un’attività rispetto agli studenti in le classi in cui la percentuale di lode era inferiore a quella dei rimproveri.

“L’elogio è una forma di feedback e gli studenti hanno bisogno di quel feedback dell’insegnante per capire quale comportamento viene valutato e atteso da loro”, ha detto Caldarella in un comunicato stampa. E aggiunge: “Il comportamento rafforzato tende ad aumentare, quindi se gli insegnanti lodano gli studenti per il loro buon comportamento, come relazionarsi con l’insegnante, chiedere aiuto correttamente e così via, è logico che questo comportamento aumenti e l’apprendimento migliori”. . Precedenti studi dimostrano che i rimproveri costanti possono avere un impatto negativo sul comportamento degli studenti, sia a livello di gruppo che individuale. Questi risultati rivelano che la lode è uno strumento importante per motivare i bambini a studiare e apprendere, concludono gli autori. Tuttavia, ricordano i ricercatori che sicuramente  le abilità pedagogiche degli insegnanti sono fattori essenziali per garantire buone prestazioni e buoni risultati degli studenti.

traduzione di un articolo di Annika Rocker dal blog Investigacion y ciencia

Nessun commento

Aggiungi il tuo commento