fbpx
ROME - ITALY
info@asilonelbosco@gmail.com

L’insegnamento è l’opera più importante del nostro secolo.L’unica risorsa illimitata che abbiamo è l’intelligenza umana, la nostra capacità di risolvere i problemi e gli insegnanti sono quelli che coltivano quel potenziale umano “.

L’insegnamento è l’opera più importante del nostro secolo.L’unica risorsa illimitata che abbiamo è l’intelligenza umana, la nostra capacità di risolvere i problemi e gli insegnanti sono quelli che coltivano quel potenziale umano “.

Alex Beard è stato
insegnante in una scuola nel sud di Londra fino a quando, ha deciso di partire
alla ricerca di nuove alternative.

E quel viaggio, che ha
coinvolto più di 20 paesi, è servito a Beard per incontrare scuole che incubano
i principali metodi per affrontare le sfide del 21 ° secolo.

Il suo tour si è
concluso nel libro “Altri modi di apprendere” (Natural Born
Learners), in cui non solo ha raccolto gli esempi più importanti, ma ha anche
riflettuto su quali siano le questioni più importanti che l’educazione dovrà
affrontare nei prossimi decenni.

La creatività, la capacità di risolvere i
problemi e l’importanza degli insegnanti sono le grandi sfide delle scuole. E tutto
ciò, avvolto dalla grande domanda su come gestire le nuove tecnologie e
l’intelligenza artificiale
“, ha affermato.

Questa è l’intervista
di Beard alla BBC Mundo in occasione dell’Hay Festival a Cartagena.

Quali sono i peggiori errori che si stanno facendo nell’istruzione
in questi giorni?

È una buona domanda, che dobbiamo porci urgentemente. Senti,
ho iniziato come insegnante in una scuola di South London in Kent Road – che,
per darti un’idea, nel gioco Monopoly è la proprietà più economica – e lì sono
stato colpito dal fatto che ho insegnato con i metodi che Socrate usava nell’agorà
circa 2000 anni fa per  bambini che
avevano i loro telefoni cellulari e vivevano proiettati verso futuro.

Penso che sia l’errore più grande che stiamo attualmente
facendo: le scuole sono rimaste ancorate al  passato e, questi metodi obsoleti si sono
radicati in moltissimi anni diventando una prassi educativa consolidata, quindi
è molto difficile cambiare le nostre idee su come dovrebbe essere la scuola. .

La seconda sfida che l’istruzione deve affrontare oggi è che non
sa chiaramente su cosa concentrarsi, su cosa concentrarsi tenendo conto del
futuro. Quando mi vedo di nuovo in classe, mi vedo come un insegnante che
insegna ai bambini a superare un esame.

In modo che ottengano un voto accettabile, che è ciò di cui
hanno bisogno, se parliamo in termini pratici, per passare il voto a scuola.E questo non ha nulla a che fare con la formazione dei
professionisti del futuro …

Esattamente, li stiamo addestrando per lavori e mestieri che i
robot saranno in grado di fare in futuro.  
L’errore che stiamo facendo è che attribuiamo la colpa quasi
esclusivamente agli insegnanti.

Quello che penso che dovremmo fare è rendere l’insegnante una
delle persone più importanti della società. Perché alla fine saranno loro
a dare forma alla nostra creatività, alla nostra coesione sociale, a gettare le
basi che portano alla creazione di un’economia forte e sostenibile.

Dovremmo sforzarci di potenziarli e rafforzare la loro
professionalità, piuttosto che incolparli perché le generazioni più giovani non
riescono.

In questo senso, quali abilità
dovrebbero insegnare gli insegnanti in classe per affrontare il futuro?

Penso che i bambini richiedano tre cose. Il primo è
imparare a pensare, ma in modo coerente con le sfide del futuro. Devono
pensare in modo critico al mondo, al ruolo che vogliono svolgere sulla base di
una profonda conoscenza di se stessi.

Il secondo è imparare ad agire, ma soprattutto come essere
creativi. Ora stiamo affrontando immense sfide in materia ambientale,
l’aumento della disuguaglianza, uno scenario in cui i lavori attuali saranno
sostituiti da macchine … Quindi lì avremo bisogno di bambini per sviluppare
pienamente la loro creatività.

Ciò significa che i bambini non devono solo imparare a essere
creativi, ma anche a lavorare, con l’aiuto delle nuove tecnologie, in
collaborazione con altre persone.

E il
terzo, applicare quella creatività nel risolvere i problemi che il mondo
moderno deve affrontare. Prendersi cura di se stessi e delle persone che
li circondano.

Man mano che la società diventa sempre più polarizzata, gli
studenti devono sviluppare la loro intelligenza emotiva per essere in grado di
connettersi e entrare in empatia con altre persone, sia nella loro comunità che
a livello globale.

Ma soprattutto che imparano a comprendere il proprio sviluppo
emotivo, in modo da poter gestire il proprio benessere in un mondo in cui ogni
giorno è più difficile vivere.

C’è un tema presente nel suo
libro “Nuovi modi di apprendere” , il ruolo dell’educazione
nel contribuire a trovare “significato nelle cose che stiamo facendo” .

Una delle cose che sta trasformando il modo in cui comprendiamo
l’educazione è la ricerca su come funzionano i nostri cervelli, nel campo della
psicologia, dello sviluppo iniziale e persino delle neuroscienze.

E una delle cose che gli scienziati cognitivi hanno scoperto è
che esiste una gerarchia nelle nostre esperienze i cui risultati ci portano a
imparare. Se insistiamo nel ripetere e nel memorizzare, allora manterrai
una certa quantità di conoscenza e imparerai in una certa misura.

Ma, se le cose che stai imparando causano una reazione emotiva –
cioè ti fanno sentire eccitati, tristi, confusi, ti fanno rabbrividire e così via
– potresti conservare più conoscenza che attraverso la memorizzazione.

Soprattutto,
sia i ricercatori che gli psicologi sono giunti alla stessa conclusione: se
quell’apprendimento ha senso per gli studenti, allora apprendono davvero.

E cosa significa che l’apprendimento ha un senso?

 Può avere molto senso per te perché è qualcosa che ami
fare. È importante per te come persona. Forse ami la matematica,
l’apprendimento di nuove lingue, la musica.

E, quando inizi a fare queste cose che ami, le cose cominciano
ad avere  un senso per te perché hanno a
che fare con la tua identità e il tuo modo di esprimerti.

Le persone possono persino trovare la propria espressione personale
nella creazione di codici, se questa idea diventa una ricerca creativa che
abbia  un significato in quello che stai
vivendo e che aiuta a risolvere un problema su cose che ti interessano nel
mondo.

Pertanto, potresti essere interessato ai cambiamenti climatici,
al fatto che ti preoccupi della crescente disuguaglianza all’interno della
società e se puoi applicare l’apprendimento che sta avvenendo in classe per
cercare di risolvere i problemi relativi a quei problemi che reputi importanti,
allora troverai significato nell’apprendimento e nell’applicazione di
quell’apprendimento

Il libro parla della connessione tra apprendimento,
tecnologia e intelligenza artificiale: è possibile che essere un insegnante
possa essere considerato una professione obsoleta in futuro?

Bene … uno dei motivi per cui ho iniziato questo viaggio è che
quando lavoravo come insegnante a Londra mi sentivo bloccato.

Ho
visto come le nuove tecnologie, i social network e l’emergere di big data lo stavano
prendendo in giro e, da un momento all’altro, il mio interesse principale era
sapere come queste nuove tecnologie, compresa l’intelligenza artificiale,
venivano applicate nel campo di insegnamento e se davvero nuove tecnologie
potessero trasformare il modo in cui impariamo.

Quindi visto che la premessa era che i robot avrebbero portato
via il nostro lavoro, la mia prima destinazione è stata la Silicon Valley. Pensavo
che, dopo la clamorosa sconfitta di Gary Kasparov su Deep Blue nel 1997,
l’intelligenza artificiale avrebbe distrutto tutto.

Ma
la mia visita nella Silicon Valley mi ha insegnato qualcos’altro. E lì ho
visto un insegnante di robot per la prima volta. E non era un androide che
si trovava di fronte a un’aula: era, invece, un software di intelligenza
artificiale all’interno di un ambiente di apprendimento di Internet.

Come ha funzionato?

Avevano un laboratorio didattico in cui c’erano un insegnante e
una decina di bambini di 5 anni, ciascuno davanti a un computer, con le cuffie. Tutti
i bambini erano silenziosi, concentrati sui loro computer, dove c’erano
programmi progettati per aiutarli nell’apprendimento delle lingue o nella
risoluzione di problemi matematici.

La cosa interessante è stata che mentre il programma ha aiutato
gli studenti, allo stesso tempo con i dati ottenuti in ogni sessione su quali fossero
i punti deboli e i punti di forza di quei bambini , ha adattato automaticamente
quell’esperienza per la sessione successiva.

Quindi, alla fine, è stato offerto un lavoro di apprendimento
quasi personalizzato e allo stesso tempo questi dati sono stati trasmessi agli
insegnanti, che quindi avevano maggiori informazioni su ciascuno dei loro
studenti.

Questo è un esempio di ciò che è accaduto: l’intelligenza
artificiale non ha superato gli insegnanti, ma è diventata uno strumento utile,
un complemento tanto necessario.

Un altro esempio: nel 2013, uno studio condotto dalla Oxford
Martin School ha rivelato che c’erano 700 professioni che potrebbero essere
sostituite da robot in futuro, ma nessuno dei lavori relativi all’insegnamento. Ed
è vero. E ciò accade perché l’insegnamento è l’ultimo processo umano.E non ci sono rischi in questa convivenza con i dati e
l’intelligenza artificiale?

Anche se ci sono intelligenze artificiali o robot, l’educazione
dipende dall’interazione umana. Impariamo naturalmente, ma siamo nati per
imparare nella società. Conosciamo le cose degli altri. E in futuro
vedremo molti progressi tecnologici, ma saranno incorporati e utilizzati dagli
insegnanti.

Il grande rischio è che questa intelligenza artificiale sia
migliore dei peggiori insegnanti in alcune aree del mondo. E il rischio
esiste perché l’intelligenza artificiale è economica. E potrebbe non
essere la migliore educazione che un insegnante possa dare, ma almeno sarà più
economico. E questo è un grande pericolo.

Ma questa è la mia versione pessimistica del futuro. Credo
che possiamo evitarlo se investiamo di più negli insegnanti, nella loro
formazione, il che si traduce in insegnanti più esperti e molto più capaci di
gestire adeguatamente gli strumenti tecnologici.

Ma a proposito di ciò, hai
detto più volte che gli insegnanti sono abbastanza riluttanti ad
accettare questi nuovi modi di insegnare, perché sta accadendo e come può
essere risolto?

Penso che, prima di tutto, l’insegnamento sarà il lavoro più importante
del 21 ° secolo.

Viviamo in un’era in cui le risorse della Terra si stanno
esaurendo ma l’unica cosa che è illimitata, l’unica risorsa illimitata che
abbiamo, è l’intelligenza umana, l’ingegno umano, la nostra capacità di
risolvere i problemi. Gli insegnanti sono quelli che coltivano quel
potenziale umano.

Pertanto,
sostengo che l’insegnamento è l’opera più importante del nostro secolo. Nel mio
mondo ideale, formerei gli insegnanti nello stesso modo in cui viene insegnato
ai dottori. Cioè, gli insegnanti si diplomerebbero all’università e quindi
dovrebbero trascorrere tre anni combinando l’insegnamento con l’apprendimento
di altri insegnanti più esperti.

In questo modo, nel loro primo giorno come insegnanti, non solo avrebbero applicato ciò che avevano ricevuto all’università, ma avrebbero anche continuato il loro processo in compagnia di un altro insegnante che li avrebbe aiutati a migliorare le loro abilità.

traduzione dell’intervista comparsa su

 

Nessun commento

Aggiungi il tuo commento