fbpx
ROME - ITALY
info@asilonelbosco@gmail.com

LE DONNE SONO MENO PORTATE PER LA MATEMATICA ? UNA ”NEUROMINCHIATA”

LE DONNE SONO MENO PORTATE PER LA MATEMATICA ? UNA ”NEUROMINCHIATA”

Di seguito vi proponiamo un’ intervista di Laura Romana per il fantastico blog  educacionetrespuntozero.com . Le neuroscienze stanno sfatando tutta una serie di ‘neuromiti’tra cui le differenze cerebrali di genere e alcuni miti che ne derivano. Uno dei piu’ diffusi è che le donne siano meno portate per la matematica. Una vera e propria ‘ neurominchiata’ , perdonateci il termine, e questa supposizione infondata, diventata convinzione culturale ,ha fatto si che non poche donne si approcciassero alla matematica convinte di non essere portate. Questo il semplice motivo, si chiama effetto pigmalione, per cui in alcuni test i maschi ottengono migliori risultati. Buona lettura

Nel suo libro “Il genere e il nostro
cervello. La nuova neuroscienza che spezza il mito del cervello femminile
“, Gina Rippon, professore di Neuroimaging all’Università di Aston (Regno
Unito), cerca di smantellare l’idea che il cervello femminile è diverso dal
cervello maschile semplicemente per il genere
.

Gina Rippon è docente di Neuroimaging presso la
Aston University (Regno Unito) e anche autore di’
Gender and Our Brains. La nuova
neuroscienza che spezza il mito del cervello femminile ‘(Gutenberg Galaxy), un
saggio che è accompagnato da dati neuroscientifici per dimostrare che non vi è
alcuna presunta differenza tra il cervello di una donna e quello di un uomo per
ragioni di genere . L’esperto analizza in che modo miti e preconcetti su
come il cervello funziona in base al genere hanno influito sul ruolo delle
donne nella società o, persino, su come continua a influenzare l’ambiente
educativo. 

Domanda: Qual è stata la
ragione per cui il mito secondo cui il cervello di un uomo è diverso dal
cervello di una donna è stato mantenuto per così tanto tempo?

Risposta: L’origine di
questa domanda è iniziata quando gli scienziati (uomini) hanno accettato lo
“status quo” della società, per  cui uomini e donne non erano solo
anatomicamente diversi, ma diverse dovevano essere anche le loro funzioni
sociali e le aspettative. E questi scienziati hanno iniziato a dimostrare
che questi due elementi di differenziazione erano collegati in modo causale:
ciò che rendeva anatomicamente uomini e donne diversi faceva sì che il loro
cervello fosse diverso, e ciò significava che anche le loro capacità,
temperamenti e personalità erano diversi. Questa
“ricerca della differenza” ha alimentato potentemente la ricerca
scientifica sin dal suo inizio, e potrebbe ancora promuoverla oggi, anche se in
un modo forse più sfumato. 

D: Questa convinzione
“cerebrale” ha influenzato il ruolo che le donne hanno giocato nella
società? 

Assolutamente. È
abbastanza evidente se si guardano i dati globali relativi al divario di
genere. Credo che il “posto” delle donne nella scienza, sia
storicamente che oggi, sia un ottimo caso di studio sugli stereotipi di genere
e che permea tutti i livelli di una professione, disciplina o istituzione.

D:  C’è una differenza neurologica che differenzia il
cervello di una donna da quello di un uomo? Oppure possono essere considerati
uguali
?

Al momento non
esiste una struttura cerebrale identificata o un modello di connettività, aree
di sosta o attività correlate al compito che identifichi un cervello in modo
coerente e affidabile come maschio (di un uomo) o femmina (di una donna). 

Esistono algoritmi
di apprendimento automatico che hanno raggiunto un tasso di successo dell’85%,
ma parliamo ancora di dati a livello di gruppo, ovvero medie. Il problema
è l’enorme quantità di variabilità dei dati dal cervello femminile o maschile e
che vi è un’enorme quantità di sovrapposizioni in questi set di dati, che
rendono le differenze sempre più piccole. 

“Di che sesso
è questo cervello?” Questa non è una domanda utile!

Sebbene non
possiamo trovare differenze tra il cervello maschile e quello femminile, ciò non
significa che siano uguali. Credo che ogni cervello sia diverso da tutti
gli altri cervelli, ma queste differenze non sono interamente determinate dal
sesso dei loro proprietari.

D: Nel tuo libro parli di concetti come il neurosexismo. Qual è il
suo significato?

È un termine
coniato dalla filosofa, psicologa e scrittrice Cordelia Fine con cui si
riferisce alle pratiche di neuroimaging  che
servono a creare “una letteratura distorta sulla presentazione delle
differenze sessuali nel cervello.   Fine dice esplicitamente: “Il
neurosessismo promuove stereotipi dannosi e limitanti “.

D: Analizzi anche il
cervello sociale, che include informazioni come gli stereotipi, che sono quelli
associati al cervello delle donne e a quello degli uomini? Pensi che le
ragazze vengano trattate diversamente a scuola rispetto ai ragazzi a causa
dell’idea preconcetta del cervello “diverso”?

Il cervello
sociale elabora le regole esterne della società in un individuo, il contesto
sociale in cui vive la sua vita. Ciò può includere le diverse regole
associate ai diversi sessi, le aspettative della società, gli atteggiamenti …
e che un individuo interiorizzerà. Questi possono e influenzano le
pratiche educative (quindi sì, ai ragazzi viene insegnato diversamente dalle
ragazze!). 
Per capire quest’ultimo, c’è una frase di Reshma Saujani ,
fondatrice di ‘Girls Who Code’, che penso dice tutto: “Insegniamo ai
nostri ragazzi ad essere coraggiosi e le nostre ragazze ad essere
perfette”.

Introduzione e
traduzione

Di Paolo Mai

Articolo originale su

https://www.educaciontrespuntocero.com/entrevistas/no-hay-diferencias-cerebro-femenino-masculino/?fbclid=IwAR3iYp2pZ0K2jkFVA3Z7J8DPvFNcHZJsbpVgs7hTToLJkeqMNE7uYxF_W50

 

Nessun commento

Aggiungi il tuo commento