fbpx
ROME - ITALY
info@asilonelbosco.com

Come si sviluppa la motivazione?

Come si sviluppa la motivazione?

Un recente testo ha studiato la stretta relazione tra alcuni cambiamenti neurofisiologici e la motivazione ad apprendere evidenziando alcuni indizi per aumentare l’interesse degli studenti per il loro apprendimento. Da queste conclusioni empiriche, riflettiamo sul buon lavoro dell’insegnante  .

1. I circuiti cerebrali svolgono un ruolo chiave nella motivazione delle persone. Il suo sviluppo equilibrato dipende dalla dotazione genetica attivata di ogni persona in base alle sue esperienze sociali e ambientali.

2. Esistono due tipi di motivazione: quella che ci spinge a ottenere la ricompensa e quelle che ci spingono a evitare il pericolo.

3. I segnali chimici inviati dal cervello, che sono potenti neurotrasmettitori come la dopamina o la serotonina, creano progressivamente una rete di connessioni che mettono in relazione il ricordo di queste situazioni, l’emozione che provocano e la ricompensa ottenuta. Quando l’organismo anticipa di poter ottenere questa piacevole sensazione, si attiva questo circuito e si innescano le azioni necessarie che ci muovono (motivano) a raggiungerla.

4. La motivazione all’evitamento nasce quando il corpo percepisce una situazione minacciosa, che innesca l’attivazione degli ormoni dello stress. La solita risposta è la preparazione per il combattimento o la fuga.

5. A volte, il corpo avvia processi di autoregolazione cognitiva che posticipano la ricompensa immediata per ottenerne altre più distanti nel tempo o controllano gli impulsi di lotta o fuga per affrontare la situazione scatenante in modo più riflessivo.

6. Fin dai primi mesi, i bambini sviluppano una motivazione intrinseca per esplorare, svolgere un compito, giocare o entrare in contatto con gli altri. Questo gli dà soddisfazione e lo spinge a rimanere attivo e interessato. La motivazione intrinseca accompagnata da informazioni positive è più efficace e duratura nel mobilitare il comportamento rispetto alla motivazione estrinseca basata su ricompense esterne.

7. Gli adulti svolgono un ruolo fondamentale nella motivazione dei bambini. Facilitare il gioco e la scoperta liberi, instaurare un interessante scambio comunicativo per il bambino e adattarlo al suo sviluppo, e accompagnarlo in situazioni che generano insicurezza favoriscono il desiderio di esplorazione e riducono l’evitamento.  

8. La diversità nel campo della motivazione è enorme. A seconda delle esperienze accumulate da ogni persona, alcuni considerano le nuove situazioni interessanti e motivanti, mentre altri considerano queste stesse situazioni minacciose o potenzialmente frustranti.

9. Nell’adolescenza, il ruolo dei compagni e dell’accettazione sociale aumenta di importanza come rinforzo del comportamento.

10. La maturazione cognitiva nell’adolescenza è più lenta della maturazione emotiva, rendendo più difficile l’attivazione dei meccanismi di autoregolazione che controllano la ricerca di soddisfazioni immediate o fughe impulsive.

11. Le aspettative di successo sono altamente motivanti. Quando il bambino percepisce che un obiettivo può essere raggiunto e che vale lo sforzo per poterlo raggiungere, c’è una maggiore possibilità che ci provi.

12. La motivazione è importante per raggiungere un obiettivo, ma devono essere prese in considerazione anche altre condizioni, come le competenze richieste, il tempo richiesto e il supporto disponibile per raggiungerlo. L’affermazione tradizionale che “volere è potere” non è sempre corretta e può portare alla frustrazione.

13. Motivare è mettere in moto qualcuno perché è interessato all’attività che gli viene proposta. Ed è interessato ad attivarsi perché trova soddisfacente raggiungere l’obiettivo proposto.

14. Le situazioni nuove sono interessanti, ma non se sono troppo nuove. La stessa cosa accade con lo sforzo per raggiungere un obiettivo: la motivazione si riduce se il compito è troppo facile o troppo difficile.

15. La motivazione aumenta quando i compiti sono ampiamente scelti dallo studente e sono interessanti e significativi per lui.

16. Essere in grado di comprendere e gestire emotivamente errori e fallimenti nello svolgimento di un’attività è un fattore importante per continuare ad apprendere. La sensazione di impotenza di fronte all’incarico e la paura della squalifica provocano la fuga dall’apprendimento (vedi punto 4).

17. Motivare tutti gli studenti di una classe è un compito enormemente complesso perché i loro interessi, le loro emozioni, le loro aspettative, le loro competenze e le loro esperienze precedenti sono differenti.

18. Un insegnante eccellente è colui che conosce ciascuno dei suoi studenti, sceglie i compiti di apprendimento connessi ai loro interessi e li propone principalmente individualmente o in un piccolo gruppo.

19. Uno degli obiettivi dell’insegnante è che ciascuno degli studenti percepisca di poter risolvere il compito proposto e si senta soddisfatto e riconosciuto per lo sforzo fatto e per il successo raggiunto , anche se piccolo.

20. È anche compito dell’insegnante aiutare i suoi studenti ad analizzare gli errori commessi, evitando squalifiche sociali e incoraggiarli a continuare il processo di apprendimento che hanno iniziato.

Nessun commento

Aggiungi il tuo commento