fbpx
ROME - ITALY
info@asilonelbosco.com

Perché i bambini devono stare all’aperto

Perché i bambini devono stare all’aperto

Dall’inizio dell’anno scolastico, la polemica generata dal funzionamento delle aule per ridurre il contagio da covid-19 non ha smesso di crescere. A ciò si aggiunge la polemica generata dalla chiusura di parchi e spazi aperti a causa dell’applicazione di nuove restrizioni.

Prima che il coronavirus mettesse sotto controllo il mondo intero, l’Università di Oviedo, stava già studiando gli effetti dell’esposizione ambientale sulla salute dei bambini.

In altre parole, c’era già un dibattito in cui era necessario valutare se i più piccoli dovevano trascorrere più tempo in spazi aperti o, al contrario, in luoghi chiusi.

Le dieci sostanze chimiche che interessano la salute pubblica includono composti organici persistenti (POP), metalli e pesticidi, insetticidi o pesticidi che possono causare effetti tossici acuti o cronici e che creano rischi specifici in infanzia .

Questi composti, di origine antropica, tendono a concentrarsi dal mezzo acquoso verso l’organismo. Successivamente vengono amplificati attraverso le catene alimentari.

Prodotti chimici con effetti tossici

In primo luogo, i POP sono stati utilizzati intensamente nell’agricoltura e nell’industria durante la seconda metà del XX secolo. Il suo effetto sull’uomo può alterare l’equilibrio ormonale, provocando effetti negativi sulla salute delle persone, degli animali o dei loro discendenti.

Da parte loro, i metalli pesanti rappresentano una minaccia per la salute umana perché non sono biodegradabili. Possono essere depositati nei tessuti o negli organi del corpo per causare danni anche molti anni dopo l’esposizione iniziale.

Nello studio dell’Università di Oviedo sono state analizzate anche le fonti di POP e metalli e sono state associate ad alcuni componenti della dieta. Tra questi, il consumo di caramelle lavorate, la presenza di tappeti o moquette di plastica, l’uso di detergenti aggressivi in ​​casa, insetticidi o deodoranti per ambienti, l’assenza di ventilazione naturale e il traffico.

Tutti erano significativamente associati a concentrazioni più elevate di cobalto (Co) o solfito di piombo (PBD). Pertanto, se non viene eseguita un’adeguata ventilazione naturale forzata periodica in spazi chiusi, si accumulano inquinanti ambientali dall’interno.

Effetti tossici che si fanno sentire

Il suddetto studio della Coorte INMA Asturias ha effettuato dal 2004 il follow-up di 494 madri e dei loro bambini fino a 14 anni di età. Tutti vivono in una zona industrializzata con un forte potenziale di esposizione all inquinamento.
Nello specifico, è stato riscontrato che, a 4 anni di età, esiste già un’elevata prevalenza di metalli pesanti nelle urine nei bambini. Inoltre, è stato osservato che l’esposizione a miscele metalliche contenenti cobalto, zinco o piombo può influenzare la crescita e lo sviluppo dei bambini.

Ciò potrebbe influenzare l’indice di massa corporea o la circonferenza addominale e l’altezza fisica.

L’esposizione ambientale dei bambini è la sfida più grande che dobbiamo affrontare in questo secolo. Ciò accade perché è onnipresente, altamente diffuso e ha conseguenze molto negative per la salute delle generazioni future se non agiamo in tempo. Pertanto, camminare all’aria aperta sarà la scelta più salutare, purché lo facciamo in luoghi lontani dalle aree industriali.

Carenza di ferro e vitamina D.

È stato anche riscontrato che i bambini con carenza di ferro (anemia da carenza di ferro) hanno concentrazioni di Co significativamente più elevate rispetto a quelli senza anemia da carenza di ferro .

D’altra parte, nelle analisi si è anche visto che, a 4 anni, i bambini hanno un’alta prevalenza di carenza di vitamina D nel sangue, che causa un grande problema al sistema immunitario. Il motivo potrebbe essere la mancanza di passeggiate o giochi all’aperto, nonché una dieta povera di vitamine .

Allo stesso tempo, i bambini in sovrappeso o obesi a questa età hanno profili di rischio lipidico più elevati, che possono avere conseguenze per le malattie cardiovascolari precoci .

Pertanto, si raccomanda vivamente che i bambini camminino all’aperto il più possibile e che ci sia ventilazione forzata nelle case. Questo potrebbe avere grandi vantaggi per i più piccoli, poiché eviterebbero l’inquinamento ambientale degli spazi chiusi associato all’ubiquità di esposizione. Inoltre, favorirebbe l’assorbimento della vitamina D e ridurrebbe l’obesità.

Trasmissione placentare

Infine, secondo i risultati della coorte INMA Asturias, la concentrazione di POP che i bambini presentano durante i primi anni di vita dipende in gran parte dalla concentrazione nella madre e dalla trasmissione placentare durante l’esposizione prenatale.

Nello specifico, è stato riscontrato che tra il 65 e il 93% della concentrazione di POP che i bambini hanno a 4 anni di età dipende dalla concentrazione della madre durante la gravidanza.

Di conseguenza, se includessimo la misurazione di routine dei POP nel programma di monitoraggio della gravidanza, l’educazione sanitaria sulla prevenzione potrebbe essere svolta in quelle donne con alte concentrazioni di inquinanti nel loro corpo. Ciò avrebbe un forte impatto sulla salute futura dei bambini.

Nel complesso, di seguito sono elencate alcune raccomandazioni per la vita quotidiana che sarebbero molto utili per lo sviluppo dei nostri figli:

  • Gli alimenti freschi dovrebbero essere scelti rispetto ai prodotti trasformati che non hanno lunghi elenchi di ingredienti sull’etichetta (più lungo è l’elenco, più è probabile che il prodotto contenga POP).
  • Acquista frutta e verdura prodotte senza pesticidi, oltre a prodotti certificati biologici, ecologici o di prossimità.
  • Elimina l’uso della plastica, soprattutto quando riscaldi o conservi il cibo. Utilizzare invece contenitori di vetro o alluminio per cibi e bevande, soprattutto nei bambini e soprattutto nei neonati.
  • Rimuovere o ridurre al minimo la presenza di tappeti di plastica in casa.
  • Evita prodotti per la pulizia aggressivi con un lungo elenco di componenti chimici.
  • Camminare o giocare all’aperto, quando possibile in aree verdi del parco o in montagna. Evita comunque di camminare in aree industrializzate o con aziende che emettono sostanze inquinanti o particolato.
  • Svolgere una dieta varia e ricca di vitamina D, soprattutto durante l’inverno.

Nessun commento

Aggiungi il tuo commento