fbpx
ROME - ITALY
info@asilonelbosco.com

SVILUPPO DEL CERVELLO NEI PRIMI ANNI DI VITA

SVILUPPO DEL CERVELLO NEI PRIMI ANNI DI VITA

Come sappiamo, il processo di sviluppo del cervello continua dopo la nascita del bambino. Tra i principali processi attivi ci sono la formazione e l’organizzazione del cervello . Allo stesso modo si rafforzano le connessioni e si sviluppano processi fisici e cognitivi che sono alla base dello svolgimento di molteplici attività. Pertanto, è interessante capire come avviene il processo di sviluppo neurologico dopo la nascita.

ASIMMETRIA CEREBRALE

Nei primi anni si forma l’architettura del cervello . In questa costruzione giocano un ruolo fondamentale sia gli aspetti genetici che l’ambiente in cui si sviluppa la persona . Pertanto, è fondamentale stimolare i bambini attraverso diverse attività. Tutto questo, affinché il tuo cervello possa generare connessioni sinaptiche e svilupparsi nel miglior modo possibile .

Uno di quei processi che si verificano è l’asimmetria cerebrale, che può essere definita come una differenza funzionale tra i due emisferi cerebrali . Questo processo avviene progressivamente durante lo sviluppo, a partire dalla nascita e termina nell’età adulta. Queste asimmetrie si osservano principalmente nelle aree di associazione del cervello e corrispondono a funzioni cognitive complesse (Meza, 2017).

Pertanto, è importante indicare che una delle principali asimmetrie nel cervello è legata al linguaggio . Nel caso di questa funzione, è stato osservato che il 95% della popolazione ha una predominanza dell’emisfero sinistro se svolge attività ad esso correlate.

D’altra parte, l’ emisfero destro è stato principalmente correlato alle attività spaziali e non verbali . Si può ritenere che abbia un’influenza sugli aspetti percettivi e quindi aiuta l’orientamento nello spazio e il riconoscimento degli elementi.

Nonostante l’esistenza di queste “preferenze emisferiche”, il cervello funziona in modo dinamico e interattivo tra i due emisferi. Quindi, quando viene eseguita qualsiasi tipo di attività, il cervello utilizzerà entrambi gli emisferi. Tuttavia, è possibile utilizzare più risorse da un emisfero che da un altro, a seconda delle esigenze e dei compiti da svolgere.

PERIODO CRITICO E PERIODO SENSIBILE NELLO SVILUPPO DEL CERVELLO

Durante lo sviluppo del cervello ci sono due periodi che si ripetono nelle aree motorie, linguistiche e sociali. Innanzitutto, c’è il periodo critico, che si riferisce a una finestra temporale che consente lo sviluppo di un’abilità . Un esempio di questo periodo è lo sviluppo dell’acuità visiva e uditiva, che è compresa dalla nascita ai cinque mesi di vita. È fondamentale che queste funzioni siano adeguatamente sviluppate poiché sono alla base dello sviluppo di abilità come il linguaggio, ad esempio.

Dall’altro c’è il “periodo delicato”. È una finestra temporale molto più ampia che consente all’apprendimento di determinate abilità ed il poter incorporarne di nuove . Questa finestra temporale si verifica approssimativamente fino a tre anni, quando il cervello raggiunge il 90% di sviluppo (Tudela, 2017).

Questo periodo dipende soprattutto dalla neuroplasticità, dove vengono create nuove sinapsi che daranno forma alla funzionalità del cervello in futuro. Anche così, è importante chiarire che questa neuroplasticità rimane per tutta la vita, ma fino a tre anni si verifica più rapidamente.

COME SI ATTIVA IL CERVELLO NEI PRIMI ANNI DI VITA?

Nel neonato, l’area di maggiore attività cerebrale è la corteccia sensoriale e motoria . Gli stimoli vengono ricevuti principalmente attraverso la pelle, per questo è importante il contatto fisico dei genitori nei confronti del bambino. Tra il secondo e il terzo mese cominciano ad assumere importanza gli stimoli legati alla vista e all’udito. Di conseguenza, diventa necessaria una corretta stimolazione in queste aree.

A circa otto mesi, l’attivazione del lobo frontale aumenta notevolmente . Soprattutto nelle aree responsabili della regolazione delle emozioni e dell’inizio dei pensieri con una fine.

Dopo il primo anno, questa attivazione nel cervello avviene simultaneamente in varie parti del cervello, raggiungendo gradualmente i valori degli adulti. Anche così, va sottolineato che questa attivazione e metabolizzazione rimane elevata fino all’età di nove anni, poiché viene seguito un processo costante di costruzione della funzionalità cerebrale. Da questa età in poi, il processo inizia a rallentare.

In sintesi, l’importanza di avere una stimolazione esterna costante è evidente , poiché i processi durante questi periodi sono molto più veloci. Questa è una conseguenza del processo di apprendimento delle abilità di base in cui il bambino si trova e che sono vitali per lo sviluppo della conoscenza della persona. Influenzando così non solo il presente, ma anche il futuro.
Esistono diversi processi fondamentali per un corretto sviluppo. In questo articolo ci concentreremo principalmente su tre processi: motore, linguaggio e sociale.

SVILUPPO MOTORIO

Questo tipo di sviluppo è legato alle capacità motorie che consentono di mantenere aspetti quali: controllo posturale, movimento e manualità .

In questo processo, l’aspetto dei riflessi necessari per sopravvivere è incluso all’inizio. Dopo questo, si verifica una scomparsa di questi riflessi per lasciare il posto a movimenti propositivi e più complessi. Questo tipo di sviluppo ha due varianti: sviluppo motorio grossolano e fine.

Lo sviluppo motorio in generale si riferisce alla postura e al posizionamento del corpo. Da questo processo si apprende il controllo del proprio corpo, riuscendo a sviluppare aspetti come postura, movimento ed equilibrio. Qui sono contemplate abilità come: sostenere la testa, sedersi, camminare, saltare e salire le scale, ecc.. (Medina Alva et al., 2015).

D’altra parte, troviamo uno sviluppo motorio fine . È correlato all’uso di singole parti del corpo, in particolare le mani. Richiede un adeguato coordinamento tra la mano e l’occhio per svolgere attività come prendere oggetti, manipolarli, afferrarli. Una delle attività più complesse che si ottiene attraverso lo sviluppo di questo tipo di capacità motorie è la scrittura. Questa attività richiede movimenti precisi e consecutivi.

SVILUPPO DEL LINGUAGGIO

Per iniziare, è importante indicare che la lingua è uno degli strumenti più importanti che gli esseri umani hanno per comunicare . Pertanto, non è solo un aspetto rilevante nello sviluppo, ma è anche un fenomeno culturale e sociale.

Il processo di apprendimento della lingua inizia dalla nascita e termina durante lo sviluppo della fase scolastica. Questo processo è diviso in due fasi, la prima che troviamo è il preverbale . In questo caso, i bambini capiscono il linguaggio molto di più attraverso i gesti. Cioè, hanno bisogno di adulti quando comunicano con loro per esprimere la parola insieme a un gesto. Allo stesso modo, il bambino emette solo alcuni suoni onomatopeici che sono legati a descrizioni o imitazioni di essi.

La seconda fase è la linguistica , che inizia nel momento in cui viene pronunciata la prima parola. Questo processo è correlato alla maturazione delle aree cerebrali corticali anteriori (Rosselli, 2003). Lo sviluppo di questa fase dipende da diversi fattori, tra i quali:

  • Relazioni affettive e intellettuali.
  • Sicurezza per sviluppare il linguaggio.
  • Sii stimolato linguisticamente.
  • Maturazione biologica.

L’unione di tutti questi fattori è ciò che influenzerà lo sviluppo del linguaggio comunicativo. Questo processo inizia con l’espressione di parole semplici fino allo sviluppo delle capacità di lettura e scrittura.

SVILUPPO SOCIALE

Si parte dalla nascita poiché un bimbo di pochi giorni riesce a fissare il suo sguardo sugli occhi di un adulto, soprattutto sua madre. Il processo continua con il sorriso sociale che si manifesta a circa tre mesi. A sei mesi, i bambini riescono a ridere spontaneamente in presenza di persone familiari e alzano le braccia per essere trasportati.

Già a nove mesi può imitare i gesti ed eseguire semplici movimenti come salutare con le mani. Allo stesso modo, capisce il no, riconosce la sua immagine nello specchio e può manifestare ansia davanti a uno sconosciuto.

Entro il primo anno, è in grado di indicare ciò che vuole e stabilire un contatto visivo con gli oggetti. Allo stesso modo, risponde al suo nome e inizia a mostrare affetto attraverso il contatto fisico con la persona.

A diciotto mesi indica le parti del corpo, porta gli oggetti che gli vengono richiesti e ride spontaneamente a gesti e commenti. A ventiquattro mesi, la sua ansia di stare con estranei diminuisce e inizia a interagire più strettamente con gli altri bambini per giocare con loro. Inizia a sviluppare l’immaginazione e il gioco simbolico.

Tutti questi gesti sviluppati tendono a essere mantenuti per tutta la vita in misura minore o maggiore . Questo aiuta a relazionarsi con altre persone ed è la base per plasmare i tuoi rapporti sociali.

CONCLUSIONE

Per concludere, è importante chiarire che il processo di sviluppo del cervello delle persone è individuale e, quindi, non sempre si verifica nell’intervallo di tempo comune . E’ anche vero però che i periodi critici e sensibili devono essere presi in considerazione, poiché il cervello ha bisogno di generare sinapsi in modo che i processi successivi possano svolgersi correttamente.

Questi influenzano direttamente la creazione di sinapsi, che generano una maggiore integrità di queste funzioni cerebrali. Pertanto, è importante non solo insegnare le cose ai bambini, ma anche giocare con loro e dare loro amore e fiducia in modo che il processo avvenga nel miglior modo possibile.

Fonte: https://neuro-class.com/desarrollo-cerebral-en-los-primeros-anos-de-vida/?fbclid=IwAR3hbXFWphKue_KniwB3by5Vca7AtwIIEIXYsdHIOvhAzpNMGaIqEn8Rctc

Nessun commento

Aggiungi il tuo commento