fbpx
ROME - ITALY
info@asilonelbosco.com

Nei cortili delle scuole spesso viene escluso chi non gioca a Calcio, questo lo rende uno spazio che educa al “maschilismo”.

Nei cortili delle scuole spesso viene escluso chi non gioca a Calcio, questo lo rende uno spazio che educa al “maschilismo”.

In questi spazi per il tempo libero e l’attività fisica, il calcio tende a regnare. Ciò implica che quella parte del corpo studentesco che è brava in questo sport, tende a sentirsi più proprietaria di queste aree rispetto al resto

La ricreazione è il tempo e lo spazio per l’aspetto ludico , che non è esclusivo dell’aspetto pedagogico perché è un gioco. Durante la ricreazione, non solo si riposa, una domanda essenziale per avere un processo di insegnamento di qualità, ma anche, come considera uno dei grandi padri della psicologia dello sviluppo, Jean Piaget, il gioco consente direttamente l’apprendimento: “Ragazzi e ragazze non giocano per imparare, ma imparano perché giocano ”. Nel cortile, i ragazzi e le ragazze sviluppano anche le loro abilità sociali, come l’empatia, il dialogo e l’affetto. Il gioco durante la ricreazione è l’ideale per l’immaginazione e la creatività: assemblano e smontano le regole, interpretano personaggi e ruoli, negoziano e concordano, sorgono conflitti e tutto viene attuato collettivamente.

Sandra Molines è professore alla Florida Universitària e membro dell’Association for Coeducatione considera lo spazio aperto in comune fondamentale. “L’apprendimento e le abilità che vengono praticate lì sono molto importanti. Le interazioni e le relazioni che si verificano sono molto apprezzate da ragazze e ragazzi. La presunta libertà degli studenti nella scelta di un gioco può essere un errore se ci sono usi di potere e sottomissione che vengono praticati quotidianamente “, dice l’insegnante. Il patio potrebbe essere la migliore delle aule della scuola, e dovrebbe essere concepito per questo. “È essenziale che il team di gestione e il personale docente del centro abbiano una formazione in coeducazione. Quando non ti istruisci consapevolmente all’uguaglianza, inconsciamente istruisci te stesso alla disuguaglianza. La formazione è lo strumento necessario per rilevare il sessismo nelle scuole ”, afferma Sandra Molines.

Ma come sono questi spazi, chi li domina? Dove sono le ragazze, cosa stanno facendo i ragazzi? Equel Saree è un’ associazione di tre donne esperte di genere, che dal 2010 ripensano spazi e città all’insegna del femminismo e della partecipazione della comunità. Dafne Saldaña è una di loro: Se osserviamo un parco giochi durante la ricreazione, troviamo generalmente un’attività protagonista, svolta da un gruppo dominante che occupa lo spazio privilegiato: i bambini più grandi che giocano a calcio. In generale, le ragazze, e anche i ragazzi che preferiscono altre forme di gioco o che non rientrano nel modello egemonico, sono relegate in spazi periferici, con meno possibilità di gioco. Uno dei problemi identificati principalmente dagli insegnanti è la segregazione di genere nei giochi (ragazzi e ragazze non giocano insieme) e lo stile di vita sedentario della maggior parte delle ragazze che chiacchierano e camminano in pista, con conseguenze negative per la loro salute, la loro autostima e la loro sviluppo fisico e cognitivo. Gran parte degli studenti non trova alternative per il gioco attivo

Sandra Molines afferma che i cortili della scuola tendono ad essere campi di calcio . Ciò implica che quella parte del corpo studentesco a cui piace praticare ed è brava in questo sport, tende a sentirsi più padrona di queste aree rispetto al resto. “I campi da calcio e da basket potrebbero essere campi multisport, ma di solito si tende a concedere il privilegio del gioco a quel singolo sport, favorendo, in questo modo, un piccolo numero di studenti, generalmente ragazzi. Non ho mai visto un patio che concedesse la stessa quantità di spazio ad attività stereotipicamente maschili come a quelle stereotipicamente femminili. Circa il 50% degli studenti sono ragazze, ma i loro interessi, gusti o preferenze raramente vengono presi in considerazione. Ci confondiamo pensando che l’uguaglianza implichi rendere più facile per le ragazze giocare ai giochi tipici dei ragazzi; pertanto, la proposta inversa è raramente posta. Ma non sono solo loro, ci sono anche molti ragazzi che non amano questo tipo di attività e la cui socializzazione è influenzata negativamente dal non parteciparvi. Per tutto questo diciamo che la dinamica dei cortili è, in molte occasioni, androcentrica e maschilista ”.

Sandra Molines ritiene, dopo aver effettuato una rigorosa diagnosi dell’uso e dell’occupazione degli spazi, che è molto comune trovare ragazze, e anche una parte di ragazzi, occupano i margini del patio, senza alcuna dotazione di risorse e giocare a tutto ciò che non interferisce mai nello sviluppo dei giochi centrali dei cortili. “Se chiediamo agli studenti, noteremo che hanno molte cose da dire e che nemmeno lo stato di certi giochi e attività li soddisfa ”.

Dafne Saldaña ci dice che i cortili egualitari sarebbero spazi con una distribuzione non gerarchica e più equo tra le diverse attività, offrendo spazi di relazione, intimità, creatività e varie forme di gioco attivo e movimento per rispondere alle preferenze di un corpo studentesco pluralistico e promuovere un gioco più condiviso tra ragazzi e ragazze, più cooperativo e meno stereotipato . Patii che favoriscono il rapporto con la natura e l’ambiente, adattati al clima locale per poter essere utilizzati comodamente durante tutto l’anno scolastico. Per Sandra Molines, potrebbero avere spazi per il gioco tranquillo, come la pittura, il canto, il gioco simbolico e fantasioso, la musica, la lettura, i giochi da tavolo, ecc. Potrebbero anche avere spazi per il gioco attivo, come corsa, pattinaggio, ciclismo, colpbol, danza, ping-pong, pareti da arrampicata, badminton, ecc. E naturalmente, aree in cui gli studenti possono godere del contatto con la natura. La proposta di giochi potrebbe essere concepita per incoraggiare la convivenza piuttosto che la segregazione. Un patio dove le differenze e le preferenze individuali sonopiù importanti delle differenze di genere e dove ognuno aveva il suo posto.

“La scuola non è l’unico ambiente in cui vengono trasmessi i valori sociali, ma, vista la quantità di tempo che i ragazzi trascorrono in questo luogo, non possiamo sprecare il suo grande potenziale come attivatore del cambiamento. Un’educazione che integri la dimensione spaziale da una prospettiva femminista è essenziale per capire come si articolano le disuguaglianze di genere e per avere strumenti per prevenirle e impedire che continuino a riprodursi in diversi ambiti della vita ”, conclude Dafne Saldaña.

Nessun commento

Aggiungi il tuo commento