fbpx
ROME - ITALY
info@asilonelbosco.com

David Sousa: “Nessuna tecnologia può sostituire il ruolo dell’insegnante”

David Sousa: “Nessuna tecnologia può sostituire il ruolo dell’insegnante”

La neuroscienza educativa è un nuovo campo di ricerca scientifica che sviluppiamo da 5 o 6 anni. Alcuni dei ricercatori in questo campo si sono concentrati sulla capacità di rispondere a come la neuroscienza potrebbe contribuire all’istruzione e come potremmo chiamare questo nuovo campo di studio. In molte occasioni il concetto di mente, cervello ed educazione sono correlati, così abbiamo inventato il termine “neuroscienze educative”, che altro non è che l’intersezione tra neuroscienza, pedagogia e psicologia.

David Sousa
Consulente e ricercatore in neuroscienze educative.

In che modo le neuroscienze educative contribuiscono al processo di apprendimento?
Con le neuroscienze stiamo imparando a conoscere la crescita e lo sviluppo del cervello. Possiamo osservare quali sono i periodi in cui il cervello sta imparando qualcosa di speciale, come le lingue native, le fasi in cui sviluppa abilità informatiche … Tutte queste informazioni possono aiutarci a determinare come dovremmo agire nelle diverse fasi educative, da dalla scuola materna alla scuola elementare.

Dove e perché l’apprendimento avviene nel cervello?
Diverse parti del cervello sono responsabili di diversi tipi di apprendimento, ad esempio lo sviluppo della lingua madre avviene nella parte sinistra del cervello, nella corteccia uditiva, situata proprio dietro le orecchie. Esistono altri tipi di apprendimento che avvengono nella parte anteriore del cervello, che chiamiamo lobo frontale.

Quali sono le principali cose che gli insegnanti dovrebbero sapere sulla funzione cerebrale?
Prima di tutto, devono essere consapevoli delle ragioni che ci portano a studiare questo nuovo campo. Molti insegnanti stanno iniziando a mostrare interesse per le neuroscienze, ma in molti casi si basano ancora su teorie sul funzionamento del cervello di 20 o 30 anni fa, quella che chiamiamo psicologia comportamentale di autori come Pavlov o Piaget. Alcune di queste teorie sono ancora in circolazione, ma da allora abbiamo imparato molto e le neuroscienze si sono evolute. Secondo, devono essere consapevoli che tutto ciò su cui stiamo indagando può aiutarli a essere insegnanti migliori.

Gli insegnanti sono preparati ad applicare la neuroeducazione in classe per migliorare l’apprendimento dei loro studenti?
L’ostacolo principale è che negli studi sull’istruzione non danno ancora troppa importanza alle neuroscienze, ma ritengo che sia un argomento essenziale per un buon sviluppo professionale. Per gli insegnanti è molto importante acquisire questa conoscenza per crescere e apprendere, poiché consentirà loro di lavorare in modo più intelligente e ottenere risultati migliori con i loro studenti.

In molte occasioni hai parlato di emozioni, che ruolo giocano nell’apprendimento?
Esistono due tipi di emozioni, le preme che chiamiamo “clima emotivo”, che sono quelle correlate all’ambiente che circonda una classe e una scuola e che determinano come si sente uno studente. Questo clima deve essere positivo, poiché per l’apprendimento è essenziale che i bambini si sentano a proprio agio a scuola. Il secondo è legato al collegamento delle emozioni con l’apprendimento. Il cervello ricorda le cose migliori e peggiori che ci accadono e, normalmente, dimentica quelle a cui non diamo importanza. Quindi, se un’emozione è collegata a ciò che viene insegnato, le possibilità dello studente di ricordarla sono molto più alte.

Quale pensi che sia il problema con l’istruzione oggi?
Troppo spesso gli insegnanti sono ancora i principali protagonisti quando svolgono una lezione, si concentrano sullo svolgimento di masterclass in cui gli studenti sono semplici spettatori. Quello che abbiamo scoperto è che, nell’era della tecnologia, gli studenti vogliono essere e sentirsi coinvolti nel loro apprendimento, non sono motivati ​​a sedersi e ascoltare e annoiarsi, vogliono partecipare.

Dche spessp che è molto importante risvegliare i sensi per l’apprendimento, potresti farci un esempio su come metterlo in pratica in una classe?
La reattività degli studenti aumenta se gli insegnanti cambiano il focus delle loro classi e promuovono una maggiore interazione. Si tratta di parlare tra di loro, lavorare in team e scambiare esperienze di apprendimento. Consideriamo il dialogo uno dei dispositivi di memoria più potenti che abbiamo, quindi quando lo studente può verbalizzare e condividere ciò che apprende, è più probabile che lo capisca, veda come applicarlo e, soprattutto, lo ricordi. Pertanto, per migliorare i sensi, è essenziale che gli studenti partecipino attivamente.

Come si può rendere rilevante o significativo l’apprendimento a scuola?
Faccio un esempio. Se hai a che fare con la seconda guerra mondiale, avvenuta 70 anni fa, dobbiamo collegarla con l’impatto che ha ancora oggi. È rilevante capire come gli attuali limiti di alcuni paesi siano una conseguenza di quel conflitto, come in alcuni territori possano ancora sorgere problemi tra le persone a causa di quanto accaduto, ecc. Il lavoro dell’insegnante è cercare di trovare modi per collegare l’apprendimento con lo studente e generare interesse per motivarlo. Un’altra strategia che può essere messa in pratica è sviluppare quelle che chiamiamo capacità di pensiero di ordine superiore. Invece di dire cosa sta succedendo, devi sforzarti trovare altri modi per risolvere un problema.

In che modo la tecnologia influenza il cervello degli studenti?
Dobbiamo stare attenti con l’uso della tecnologia. Recentemente ho scritto un libro intitolato “Coinvolgere il cervello ricablato”, in cui vediamo che la tecnologia sta trasformando il nostro cervello e, soprattutto, quello dei più giovani, poiché in tenera età è più facile che si verifichi questa riconnessione. La tecnologia sta influenzando l’attenzione dei nostri studenti, la loro memoria, il modo in cui pensano e il modo in cui interagiscono con le persone. Pertanto, in termini di sviluppo personale e processo di apprendimento, non è una cosa positiva.

E come influisce tutto questo sulla scuola?
La tecnologia sta producendo un ritmo di vita vertiginoso, in cui gli studenti vogliono cambiare le cose rapidamente, nello stesso modo in cui cambiano i “siti” in cui cercano informazioni. Abbiamo chiamato questa realtà “la regola degli 8 secondi”, poiché gli studenti prendono una decisione in soli 8 secondi, se prestare attenzione o disconnettersi da un argomento. Questa situazione rappresenta un grosso problema nelle scuole, poiché gli insegnanti non possono cambiare le cose ogni 8 secondi e, per adattarsi a questa realtà, devono cercare modi più creativi per mantenere l’attenzione dei loro studenti.

Aggiungereste altri fattori?
Abbiamo individuato un altro grosso problema di cui gli insegnanti sono sicuramente già molto consapevoli. Attualmente, gli studenti prestano più attenzione ai loro telefoni che alle persone. Le scuole devono contribuire a correggere questa situazione sottolineando l’importanza della comunicazione diretta tra le persone. Anche il materiale mostrato in classe dovrebbe suscitare l’interesse degli studenti e gli insegnanti dovrebbero tenere conto del fatto che alcune cose che potrebbero non essere rilevanti per loro, potrebbero essere per i loro studenti.

Come possiamo combattere questa realtà?
È molto importante divertirsi, divertirsi in classe. L’umorismo è un dispositivo di memoria molto importante perché quando ti piace quello che impari e ti impegni, cerchi di ricordarlo perché genera un sentimento positivo.

Infine, come immagina il futuro dell’istruzione?
Negli ultimi 40 anni abbiamo svolto molte ricerche su quali sono le cose più importanti che influenzano i risultati degli studenti e abbiamo trovato fino a duecento variabili. Concludiamo che uno dei fattori più importanti è la competenza dell’insegnante. Dobbiamo valorizzare il potere di questa figura e il suo significato, poiché nessuna tecnologia può sostituire l’interazione e il ruolo degli insegnanti. Prendono decisioni istintive nelle loro classi, un’abilità che la tecnologia non può ancora giocare. È molto importante che ci abituiamo a rispettare e valorizzare il lavoro che fanno gli insegnanti.

fonte:http://blog.tiching.com/david-sousa-ninguna-tecnologia-puede-sustituir-papel-del-docente/?fbclid=IwAR1jEpRsAeBYLHp5hqhpPkRjyzzl8Q-N1QVLXdEKLU8AlpwnVfmVwHP5gHE

Nessun commento

Aggiungi il tuo commento