fbpx
ROME - ITALY
info@asilonelbosco.com

Tutto ciò che il tuo cervello perde interrompendo la scrittura a mano

Tutto ciò che il tuo cervello perde interrompendo la scrittura a mano

Non dobbiamo andare molto indietro nel tempo per parlare del tempo in cui i computer non erano uno dei pilastri della nostra vita. Prima che esistessero uno o più computer in ogni casa, prima che esistessero le e-mail e l’uso di Internet fosse diffuso, usavamo carta e penna per tutto.

La corrispondenza veniva mantenuta regolarmente, i piccoli di casa facevano a mano i compiti scolastici e inviavano comunque cartoline ogni volta che si viaggiava, per ricordare ai loro cari che erano ancora sani e salvi, dato che non c’era WhatsApp.

Ma la scrittura a mano , una pratica precedentemente comune che ora abbiamo lasciato in secondo piano a favore di tastiere, schermi e corrispondenza virtuale, è un’attività che ci porta infiniti benefici per il nostro corpo e la nostra mente.

La scrittura a mano attiva tre regioni del cervello : l’area motoria, l’area visiva e l’area cognitiva. La dott.ssa Marta Ochoa, responsabile del servizio di neurologia dell’HM Hospitales di Madrid, spiega che così facendo si attivano molte reti neurali e di conseguenza si migliorano le nostre capacità cognitive. Sottolinea l’importanza di questa attività nei bambini, poiché per loro costituisce un «apprendimento fondamentale per lo sviluppo a livello pratico della gestione della motricità, della coordinazione occhio-mano , dello sviluppo della pinza e del controllo motorio». Nel caso degli adulti, questa attività incoraggia “la memoria prospettica e di lavoro”, oltre a stimolare ulteriormente il cervello attivando altre aree come l’olfatto di fronte alla carta o il suo tocco”.

La psicologa del Centta Institute Silvia Cintrano sottolinea che, a livello psicologico, la scrittura “è un grande canale emotivo , facilitando l’espressione senza alcun tipo di limite, giudizio o restrizione”, oltre a sottolineare che può aiutarci a sviluppare “Creatività e l’organizzazione delle idee “. Il professionista commenta addirittura che grazie alla grafia “si chiariscono sentimenti e dubbi” anche uno è incoraggiato a conoscersi meglio e prendere decisioni da un luogo più amichevole e consapevole.

Memoria di elefante

L’attivazione della memoria è uno dei vantaggi più importanti della scrittura a mano. Il dottor Ochoa afferma che questa attività stimola la memoria semantica , “il magazzino in cui immagazziniamo tutta la conoscenza del mondo”. Questo perché quando trascrivi, non pensi solo alla parola in sé, ma anche a tutta la conoscenza di come scriverla, dove è accentata e come si muove la mano per scriverla.

“Stimola diverse funzioni esecutive come la pianificazione, dovendo anticipare quello che stai per scrivere; flessibilità, doversi tenere in disparte o commettere errori; la memoria di lavoro , per mantenere un’idea nella sua testa”

La psicologa Silvia Cintrano parla invece di come scrivere a mano possa giovare a persone nervose o ansiose. Questo perché, dato che l’ansia si manifesta perché si presta troppa attenzione a un fattore esterno, cioè i pensieri ambientali o interni, concentrare la nostra attenzione su qualcos’altro ci aiuta. “Scrivere a mano è di solito un buon modo per distogliere la tua attenzione da questi sintomi e concentrarti su ciò che c’è dietro. Il contenuto aiuta a prendere coscienza di cosa ha causato l’ansia (o l’emozione che stiamo vivendo) ”, spiega il professionista.

Sebbene sia completamente diverso, anche digitare su una tastiera è un pugno. Il dottor Ochoa osserva che la digitazione ci consente di scrivere rapidamente un testo lungo, nonché di archiviarlo, copiarlo e inviarlo immediatamente in modi che la scrittura manuale non consente. Da parte sua, Silvia Cintrano sostiene che tutto ciò che aiuta ad esprimere e organizzare le idee ha un vantaggio, ma anche così scrivere con una tastiera non ha la stessa forza o impatto della scrittura a mano.

In questo caso, il dottor Ochoa commenta che sebbene le attività che riducono il nostro lavoro mentale ci rendano la vita più facile, a lungo termine sono controproducenti, soprattutto nelle persone anziane o con deficit cognitivo. «Avendo i telefoni non si memorizzano più numeri o indirizzi. Avere una carta che contribuisca con l’importo necessario non è più necessario il calcolo per piccoli pagamenti o con monete. È lo stesso con la scrittura. Avendo un computer o un tablet che scrive per noi, perdiamo una serie di capacità cognitive , motorie e visive che non vengono più esercitate “, spiega l’esperta.

Queste abilità possono essere compensate semplicemente trascorrendo alcuni minuti al giorno a scrivere pensieri, frasi o organizzare a mano e scrivere lettere. Dice anche che qualsiasi attività che stimola la memoria , l’uso della lingua e la conoscenza delle parole, come i cruciverba, la ricerca di parole e altri hobby, aiuta.

fonte: www.abc.es/bienestar/psicologia-sexo/psicologia/abci-todo-pierde-cerebro-dejar-escribir-mano-201912230124_noticia.html?fbclid=IwAR2uDH3HIZgsFX0twf_9AXESv2gODHPUM5bp1UpIFMKs8m4gHuD9PmE0MV0#vca=rrss-inducido&vmc=abc-es&vso=fb&vli=noticia-foto&ref=https:%2F%2Fl.facebook.com%2F&ref=

Nessun commento

Aggiungi il tuo commento