fbpx
ROME - ITALY
info@asilonelbosco.com

L’esercizio fisico stimola la memoria.

L’esercizio fisico stimola la memoria.

Uno studio pubblicato sulla rivista Neuroscience , nell’aprile 2012, non solo conferma questi benefici, ma evidenzia anche i fattori ei meccanismi coinvolti nel miglioramento di alcune funzioni cognitive.


I ricercatori del dipartimento di psicologia e neuroscienze del Dartmouth College, ad Hanover, nel New Hampshire, hanno reclutato 54 adulti sani di età compresa tra i 18 ei 36 anni. Tutti sono stati classificati come sedentari, poiché non eseguivano regolarmente esercizio fisico. I partecipanti hanno risposto, all’inizio dello studio, a una serie di questionari dettagliati relativi alla loro salute fisica e mentale. Allo stesso modo, hanno riportato il grado di ansia che hanno sperimentato durante il processo di raccolta dei dati.

Sono stati eseguiti test di memoria su tutti i membri dello studio per valutare la loro capacità di riconoscere e identificare oggetti familiari e nuovi sia all’inizio che alla fine dell’indagine. Studi precedenti hanno dimostrato che l’esercizio è associato a livelli aumentati di una proteina chiamata fattore neurotropico derivato dal cervello (BDNF).

Questa proteina viene prodotta nelle aree del cervello che sono coinvolte nei processi di apprendimento, memoria e neurogenesi (formazione di nuovi neuroni). Il suo aumento è stato correlato a una migliore prestazione di alcune funzioni cognitive. I ricercatori hanno analizzato in ciascuno dei partecipanti il ​​gene BDNF, la cui espressione produce la proteina che porta lo stesso nome.

Alcune persone producono meno proteina BDNF di altre dopo l’allenamento perché portano una variante del gene, chiamata Val66Met. Questa variante del gene si verifica nel 30% della popolazione di discendenza europea-caucasica. Uno degli obiettivi dello studio era determinare se l’esercizio fisico fornisse meno benefici cognitivi ai portatori di Val66Met.

Precedenti studi hanno analizzato l’effetto che l’esercizio ha su un’area del cervello chiamata ippocampo, considerata il principale centro della memoria, tuttavia il compito di riconoscere e identificare immagini e oggetti, sia noti che nuovi, coinvolge un’altra area chiamata corteccia perirrinale, che si trova nel lobo temporale. L’ippocampo ci permette, ad esempio, di ricordare dove teniamo le nostre chiavi, mentre l’area perirrinale ci permette di identificare e riconoscere quale particolare chiave stiamo cercando.

Oggetti smarriti e ritrovati

Per valutare la memoria relativa all’identificazione di oggetti familiari e nuovi, i partecipanti hanno prima guardato una serie di immagini sullo schermo del computer, poi è stata mostrata loro un’altra sequenza di foto. In questa occasione, i soggetti dovevano premere un certo tasto se l’immagine che vedevano era nuova e un altro tasto se l’avevano vista nella serie precedente.

Infine, dopo aver completato tutti i test, i partecipanti sono stati randomizzati in due gruppi di studio. La metà dei soggetti ha ricevuto un esercizio aerobico supervisionato di intensità moderata come camminare 30 minuti quattro volte a settimana per un mese, mentre il resto dei partecipanti non ha partecipato ad alcun tipo di attività fisica programmata. Dopo un mese i partecipanti sono tornati in laboratorio ed hanno eseguito, ancora una volta, dei test per identificare immagini e oggetti familiari e nuovi, proprio come all’inizio dello studio.

Il giorno della valutazione finale, prima del test di memoria, metà dei soggetti del gruppo che si erano allenati per un mese camminava o faceva jogging, mentre l’altra metà no. Allo stesso modo, alla metà dei partecipanti che erano rimasti sedentari sono stati dati 30 minuti di esercizio per la prima volta, mentre il resto del gruppo è rimasto inattivo.

La maggior parte dei soggetti che hanno svolto esercizio aerobico per un mese e il giorno del test hanno ottenuto i risultati migliori nei test di memoria e hanno riportato i livelli più bassi di ansia. Quei soggetti che si sono esercitati per un mese, ma non l’hanno fatto il giorno della valutazione, generalmente hanno ottenuto risultati migliori di quelli che erano rimasti sedentari, ma non hanno raggiunto lo stesso punteggio nei test di memoria ottenuti da coloro che l’avevano fatto per un mese e, inoltre, lo stesso giorno della valutazione.

I partecipanti che non si erano allenati per un mese, ma erano stati scelti per farlo il giorno della valutazione, non hanno migliorato i loro punteggi nei test di memoria, inoltre, quel giorno hanno segnalato un aumento del livello di ansia.

Uno dei risultati più interessanti è stato osservato in quei partecipanti che avevano la variante del gene (Val66Met), poiché non miglioravano i punteggi dei test di memoria, anche se si erano esercitati regolarmente per un mese. Ciò significa che in alcune persone la capacità di riconoscere e identificare sia oggetti familiari che nuovi, ad esempio, non migliora dopo l’esercizio, poiché non viene prodotta abbastanza proteina BDNF. Il punteggio più alto nei nuovi test di riconoscimento degli oggetti è stato osservato esclusivamente nei partecipanti che erano omozigoti per il gene BDNF (Val-Val), cioè che avevano ereditato lo stesso gene dalla madre e dal padre. I cambiamenti indotti nelle funzioni cognitive non erano correlati a cambiamenti di umore e ansia,

Conclusioni e Raccomandazioni.

L’interazione tra attività fisica e memoria è più complessa di quanto si pensasse in precedenza. Tuttavia, gli autori dello studio osservano che l’esercizio generalmente aumenta la capacità di ricordare. Le persone che hanno migliorato i loro punteggi nei test di memoria sono state invariabilmente quelle che si sono esercitate per un mese e lo stesso giorno del test, suggerendo un effetto cumulativo molto significativo delle sessioni di esercizio.

I risultati di questo studio suggeriscono che le persone dovrebbero essere fisicamente attive, impegnarsi in esercizi di intensità moderata come camminare a ritmo sostenuto o fare jogging se vogliono mantenere una solida memoria a lungo termine.

fonte:https://lmneurocoach.blogspot.com/2021/02/el-ejercicio-fisico-estimula-la-memoria.html

Nessun commento

Aggiungi il tuo commento