fbpx
ROME - ITALY
info@asilonelbosco@gmail.com

USO ECCESSIVO DI SCHERMI: CONSEGUENZE PER LO SVILUPPO DEL BAMBINO

USO ECCESSIVO DI SCHERMI: CONSEGUENZE PER LO SVILUPPO DEL BAMBINO

Oggi, la tecnologia e gli schermi (compresa la televisione) fanno parte della nostra quotidianità. Pertanto, sono presenti anche nella vita delle persone in età precoce. Nell’ultimo decennio, diversi studi hanno rivelato le conseguenze di un uso eccessivo dello schermo sullo sviluppo del bambino.

Il consumo di media digitali da parte dei bambini è aumentato notevolmente negli ultimi anni. È sempre più comune vedere gruppi di bambini che utilizzano un cellulare o un tablet.

Ma stiamo riflettendo su come la tecnologia influisce sullo sviluppo dei più piccoli? Conosciamo davvero le conseguenze che gli schermi hanno sul cervello dei bambini? Conosciamo gli effetti che i dispositivi mobili hanno sulle diverse aree della salute? Che dire dell’uso della tecnologia e delle interazioni familiari e personali? Se vuoi conoscere le risposte a queste domande, continua a leggere.

COME STA CAMBIANDO L’USO DEI MEDIA DIGITALI?
I cambiamenti avvenuti in termini di utilizzo dei media digitali hanno a che fare, soprattutto, con l’età della prima esposizione agli schermi e le ore investite davanti a loro. L’età del primo contatto con gli schermi è cambiata radicalmente. Mentre nel 1970 i bambini hanno iniziato a guardare la televisione a 4 anni , oggi iniziano a interagire con i media digitali a 4 mesi di età (Radesky e Christakis, 2016).

Anche l’uso degli schermi nelle famiglie è aumentato. Di conseguenza, il tempo di utilizzo da parte dei bambini è aumentato. È noto che, in media, i bambini di età compresa tra 0 e 8 anni utilizzano 3 ore al giorno gli schermi (Madigan et al., 2019).

Dobbiamo ancora rispondere a una domanda fondamentale, gli schermi sono davvero efficaci? Nei primi anni di vita, i bambini non sono in grado di comprendere la realtà in 2D. Capiscono la vita in tre dimensioni. In questo senso, hanno bisogno di un caregiver che funga da intermediario tra la realtà e la propria. Cioè, hanno bisogno di un intermediario che li guardi, li tocchi, parli con loro e mantenga il contatto.

Il tempo davanti ai media digitali (inclusa la televisione in sottofondo) non richiede sforzi attivi come la lettura , la scrittura e il gioco creativo.

CONSEGUENZE SULLO SVILUPPO DEL BAMBINO DOVUTE ALL’USO DI SCHERMI
Gli studi hanno scoperto che la visualizzazione eccessiva di schermi nella prima infanzia è correlata a ritardi a livello cognitivo, a livello linguistico , socio-emotivo e in contesti accademici e fisici (Madigan, 2020). È stato anche dimostrato che il tempo trascorso davanti allo schermo è collegato all’aumento dei tassi di depressione infantile.

In relazione al linguaggio, le prove suggeriscono che un aumento della quantità di esposizione allo schermo è correlato all’acquisizione tardiva del linguaggio (Madigan et al., 2020). Questo perché, quando il bambino è esposto agli schermi, non partecipa a scambi verbali. Questi scambi verbali sono ciò che promuove la comunicazione e l’acquisizione del linguaggio.

LO SVILUPPO DEL CERVELLO È INFLUENZATO DALL’USO DEGLI SCHERMI
Il cervello è l’ultimo organo del corpo a svilupparsi. In effetti, il lobo frontale (situato dietro la fronte) è l’ultima area a svilupparsi. Si stima che siano circa 25 anni quando questa regione finisce di maturare.

Perché queste informazioni sono rilevanti? Proprio perché quest’area ospita le funzioni esecutive , competenze vitali per i processi di apprendimento e per la vita in generale.

Le funzioni esecutive sono abilità complesse e superiori che ci consentono di pianificare, prendere decisioni , controllare gli impulsi, partecipare, autoregolarsi e avere flessibilità mentale. L’ attenzione , la memoria di lavoro e la motivazione sono fortemente influenzate dall’uso eccessivo degli schermi, situazione che condiziona qualsiasi processo di apprendimento. Allo stesso modo, nei bambini in età prescolare è stato riscontrato un deficit nell’empatia (capacità di comprendere i pensieri e i sentimenti degli altri).

LO STILE DI VITA SEDENTARIO È AUMENTATO CON L’USO DI SCHERMI
Uno dei maggiori problemi è causato da uno stile di vita sedentario. Il maggiore è l’uso di schermi, maggiore è il livello di stile di vita sedentario . Questo può influenzare lo sviluppo fisico, sociale, emotivo e cognitivo della popolazione infantile. I bambini hanno bisogno di muoversi , correre, saltare, arrampicarsi, toccare cose, provare sensazioni diverse. È attraverso e grazie al movimento che i bambini creano connessioni neurali che consentono loro di apprendere, avere uno sviluppo ottimale in tutte le aree ed essere pronti per entrare a scuola.

I TASSI DI OBESITÀ INFANTILE STANNO AUMENTANDO
Guardare la televisione per più di 1,5 ore al giorno è risultato essere un fattore di rischio per l’ obesità nei bambini di età compresa tra 4 e 9 anni (AAP Council, 2016).

Trascorrere più tempo davanti a uno schermo toglie al bambino il tempo necessario per muoversi e bruciare le calorie necessarie. Associato allo stile di vita sedentario, è stato dimostrato che quando i bambini sono davanti alla televisione hanno una maggiore frequenza di consumo di cibo, indipendentemente dal loro appetito. Il problema è aggravato perché questi alimenti sono per lo più malsani.

IL SONNO È INFLUENZATO DALL’USO DEGLI SCHERMI
Un’altra conseguenza dell’uso degli schermi nei bambini è la quantità e la qualità del sonno . L’uso diffuso di schermi e la standardizzazione dei dispositivi elettronici nelle camere da letto è associato alla mancanza di sonno, una situazione che colpisce il 30% dei bambini piccoli, dei bambini in età prescolare e dei bambini in età scolare.

Ogni ora trascorsa sugli schermi nei bambini è nota per essere associata a 3-8 minuti di sonno notturno in meno e livelli più bassi di coerenza. La luce blu dei dispositivi mobili influisce sulla produzione di melatonina, una sostanza necessaria per dormire.

È importante controllare le ore di sonno dei nostri bambini poiché durante il sonno viene secreto l’ormone della crescita, avviene la potatura sinaptica e avvengono vari processi necessari all’apprendimento. Nello specifico, il consolidamento della memoria .

L’UTILIZZO DEI MEDIA DIGITALI DA PARTE DEI GENITORI INFLUISCE NOTEVOLMENTE
Le abitudini di utilizzo dello schermo da parte dei genitori sono strettamente correlate all’uso dello schermo da parte dei bambini. Ricorda che i bambini imparano dalle nostre azioni, non da quello che diciamo loro di fare. I genitori o gli operatori sanitari sono i responsabili della modellazione dei comportamenti e, in questo caso, del corretto utilizzo degli schermi.

È NECESSARIO UN CAMBIAMENTO DI COSCIENZA NEI GENITORI
È stato dimostrato che gli schermi distraggono e influenzano le interazioni genitore-figlio , il tempo di connessione e il tempo di gioco . L’uso frequente del telefono cellulare da parte di un genitore è associato a un minor numero di interazioni verbali e non verbali con i propri figli. Queste interazioni sono molto importanti per la connessione emotiva, che è un protettore della salute del bambino. Le interazioni sono il motore principale dello sviluppo precoce del linguaggio, della cognizione, delle abilità sociali e della regolazione emotiva .

RACCOMANDAZIONI PER L’UTILIZZO DI DISPLAY E DISPOSITIVI ELETTRONICI
Questi sono alcuni consigli per un migliore utilizzo degli schermi:

  • Evita di utilizzare schermi e supporti digitali prima dei 2 anni di età.
    Tenere tutti i dispositivi di visualizzazione fuori dalla camera dei bambini .
  • Evita di utilizzare i media digitali come unico modo per rassicurare o distrarre i bambini. Non usiamo gli schermi come “pacificatori emotivi”.
  • Evita di fargli passare del tempo davanti allo schermo durante i pasti e un’ora prima di andare a letto.
  • Imposta limiti adeguati all’età per il tempo trascorso davanti allo schermo del bambino.
  • Imposta luoghi “senza schermo ” applicabili a tutti coloro che vivono in casa, compresi i genitori.
    NON TUTTO VA MALE
    Anche la tecnologia, come ogni altra cosa, ha i suoi vantaggi. È stato rilevato che, grazie ai social network e ai media digitali, i bambini e gli adolescenti sono esposti a nuove idee e conoscenze . Inoltre, aumentano le opportunità di contatto sociale, soprattutto quando la distanza fisica si intromette. Ci sono nuove opportunità per accedere a informazioni e messaggi che promuovono la salute. La tecnologia può essere utilizzata negli interventi con bambini e adolescenti con qualche disabilità. In altre parole, tutto dipende dall’intenzione dell’uso che gli diamo, dal tempo impiegato e dal momento giusto.

CONCLUSIONE
La tecnologia e i media digitali sono qui per restare. Le strutture che abbiamo grazie ad essa sono innegabili, ma sono innegabili anche gli effetti negativi che hanno sui diversi aspetti della vita dei bambini. Grazie alle ricerche condotte nell’ultimo decennio, è noto che l’uso eccessivo degli schermi porta con sé ritardi a livello cognitivo, linguistico, socio-emotivo, accademico e fisico.

È importante che i genitori siano consapevoli dell’uso che viene fatto degli schermi. In altre parole, rifletti sul fatto che quell’uso interferisca nelle relazioni genitore-figlio, togliendo momenti e tempo di qualità e, quindi, connessione. Promuovere un uso responsabile dei dispositivi digitali sin dalla tenera età è fondamentale, imparare a convivere con la tecnologia senza dimenticare l’importanza di interagire con il nostro ambiente.

fonte:https://neuro-class.com/uso-excesivo-de-pantallas-consecuencias-en-el-desarrollo-infantil/

Nessun commento

Aggiungi il tuo commento