fbpx
ROME - ITALY
info@asilonelbosco@gmail.com

SE COLLABORIAMO SI APPRENDE MEGLIO

SE COLLABORIAMO SI APPRENDE MEGLIO

In quanto esseri umani, la nostra capacità di socializzare è inerente alla nostra natura. Da una prospettiva istintiva, gli esseri umani hanno sviluppato il linguaggio, un’abilità necessaria per la comunicazione con la loro specie. Dal piano più evolutivo, le caratteristiche che abbiamo ci hanno permesso di sviluppare un livello di pensiero più elevato rispetto agli altri animali. Pertanto, godiamo del privilegio di interagire con gli altri e di convalidare le esperienze come parte del nostro apprendimento. Di conseguenza, grazie al fatto che abbiamo promosso attività di insegnamento – apprendimento, le nostre conoscenze possono essere apprese in modo formale o informale.

IL RUOLO DELLE EMOZIONI NELL’APPRENDIMENTO SOCIALE
L’apprendimento sociale è un concetto inteso come un processo di base che
supporta la trasmissione culturale (Ojeda Martínez et al., 2018). Di conseguenza, coinvolgendo gli aspetti culturali, viene valorizzato dall’ambiente sociale che ci circonda.

Abbiamo analizzato come la motivazione sia un elemento indispensabile nell’apprendimento, aggiunto a varie pratiche educative che sono necessarie nel processo, come la valutazione o il feedback . Certamente, la percezione dello studente delle proprie prestazioni e del proprio apprendimento ha anche una forte influenza emotiva . Cioè, se lo studente percepisce che l’ambiente è favorevole, che lo sostiene e lo incoraggia, il livello di motivazione sarà più alto.

L’EFFETTO PIGMALIONE: L’INSEGNANTE E L’APPRENDIMENTO SOCIALE
Abbiamo parlato di questo effetto in un precedente articolo , anche se ricorderemo brevemente di cosa si tratta. La premessa dell’effetto Pigmalione è che il modo in cui trattiamo i nostri studenti influisce sul loro livello di motivazione. Questo accade inconsciamente e dipende dalle aspettative che riponiamo sui nostri studenti il che, di conseguenza, contribuisce al fatto che questi preconcetti possono essere rafforzati e persino soddisfatti. Pertanto, parliamo del fatto che le convinzioni dell’insegnante possono influenzare (anche se non sempre in larga misura) il livello di autoefficacia e motivazione degli studenti. Diventando così un fattore emotivo nell’ambiente che li influenza. Di conseguenza, l’ambiente, uno spazio di cui fa parte anche l’insegnante, influenza il modo in cui gli studenti apprendono (Ruiz Martín, 2020).

APPRENDIMENTO SOCIALE ATTRAVERSO L’INTERAZIONE CON GLI ALTRI
Nel corso della storia, diversi autori hanno studiato l’apprendimento sociale attraverso l’interazione con gli altri. Alcune delle teorie più influenti sono brevemente menzionate di seguito :

TEORIA DELL’APPRENDIMENTO SOCIALE DI BANDURA
Albert Bandura, uno psicologo canadese, ha sollevato questa teoria cognitivo comportamentale con l’esperimento chiamato ” Bobo Doll ” sui comportamenti aggressivi appresi dai bambini. In questo esperimento, i bambini hanno guardato un video in cui un adulto è stato mostrato colpire una bambola gonfiabile che ha chiamato Bobo. Da quel momento in poi, quando i bambini sono stati presentati alla stessa bambola, i loro comportamenti sono stati simili a quelli precedentemente presentati dagli adulti. In conclusione, Bandura spiega che sia i fattori esterni dell’ambiente che i fattori interni di ogni persona intervengono nell’apprendimento. In molte occasioni, possono essere limitati all’osservazione di un determinato comportamento. L’interazione tra questi fattori ha una relazione dinamica rispetto al comportamento (Woofolk, 1999).

LA PROSPETTIVA DI PIAGET
Jean Piaget , un epistemologo e biologo svizzero, ha affermato che le interazioni sociali avvengono attraverso lo scambio di idee . Quando questo scambio produce conflitti cognitivi (discrepanza tra ciò che il bambino sa e ciò che viene detto), il bambino si sposta a un livello progressivo di comprensione. Cioè, attraverso il dialogo, si verifica un cambiamento concettuale nella mente del bambino e quindi incorpora le nuove idee nei suoi precedenti schemi cognitivi. Successivamente, queste nuove idee si manifesteranno attraverso i comportamenti.

LA PROSPETTIVA DI VYGOSTKY
Lev Vygotsky, uno psicologo russo, ha affermato che l’apprendimento è sociale. Cioè, attraverso la collaborazione e l’interazione sociale che avviene tra le persone, si dà il via a una comprensione condivisa e collaborativa. Inoltre, nella sua proposta teorica parla di un concetto chiamato ” zona di sviluppo prossimale (ZPD) “. La ZPD è intesa come la capacità dello studente di risolvere i problemi da solo in relazione a ciò che può realizzare con la compagnia di una guida, adulto o partner. Di conseguenza, in questa relazione, lo studente sarà in grado di apprendere da una prospettiva collaborativa (Ruiz Martín, 2020).

L’IMPORTANZA DELL’INTERAZIONE SOCIALE NELL’APPRENDIMENTO
Attraverso la breve analisi delle precedenti teorie, si mostra al lettore l’influenza che l’ambiente e l’interazione con gli altri hanno su di noi. Spicca senza dubbio l’ importanza dell’apprendimento collaborativo, con esempi positivi e mediato attraverso il dialogo . Come rendere efficace questo apprendimento? Ruiz Martín (2020) sottolinea l’importanza che lo studente acquisisca un ruolo dinamico e partecipativo. Quando dialoghiamo, ci sforziamo di evocare le nostre idee, analizzarle, rifletterle e metterle in relazione con la nostra realtà.

STRATEGIE DI CLASSE CHE MIGLIORANO L’APPRENDIMENTO SOCIALE
Come è stato ben indicato in tutto l’articolo, l’interazione con gli altri risulta essere molto utile per dare il via ad un processo di apprendimento più dinamico e meglio consolidato. Ecco due strategie di apprendimento chiave per renderlo possibile:

APPRENDIMENTO COOPERATIVO
Per Guillén (2017), l’apprendimento cooperativo può essere utile per incoraggiare l’apprendimento sociale. Cioè, quando l’insegnante offre la possibilità agli studenti di interagire tra loro, si ottengono grandi benefici. Questo autore indica che i circuiti di ricompensa cerebrale associati alla motivazione cedono il passo al desiderio di cooperazione negli studenti. Affinché questo insegnamento tra pari sia possibile, pone due condizioni: – –

  • Che la persona che insegna metta alla prova le proprie conoscenze , il che consente di rilevare gli errori e prendere coscienza del proprio apprendimento.
  • Chi insegna deve stabilire relazioni con i diversi concetti attraverso la narrazione.
    In questo modo si sviluppano capacità di metacognizione e la ricerca di nuove strategie di apprendimento . Inoltre, la cooperazione è evidenziata come una competenza fondamentale per raggiungere l’ inclusione educativa.

APPRENDIMENTO COLLABORATIVO
L’obiettivo principale di questa metodologia è che attraverso la collaborazione degli studenti del gruppo e, attraverso ciascuno dei suoi membri, vengano raggiunti gli obiettivi di apprendimento. Tuttavia, questa strategia non è equivalente al lavoro di gruppo. Cioè, in questo caso, tutti gli studenti imparano perché devono aiutarsi a vicenda. Di conseguenza, oltre a un prodotto finale, si cerca di contribuire all’apprendimento di tutti. Per renderlo possibile, devono essere considerate tre condizioni importanti (Slavin, 2013 in Ruiz Martín, 2020):Apprendimento sociale – apprendimento collaborativo.

I gruppi devono essere eterogenei rispetto alle loro conoscenze e abilità iniziali; si raccomanda che siano formati dall’insegnante.
È importante che i membri del gruppo sappiano che tutti riceveranno lo stesso voto per il lavoro svolto.
Il successo del gruppo dovrebbe essere valutato in base alle prestazioni individuali e all’apprendimento ottenuto da ciascun membro separatamente. Evitando che sia limitato al prodotto finale.
Affinché questo tipo di apprendimento venga applicato in modo efficiente, è importante che sia guidato dall’insegnante. Di conseguenza, è importante fornire linee guida per la comunicazione, la risoluzione dei conflitti e l’apprendimento autoregolato in modo che gli studenti abbiano una migliore guida su come lavorare con gli altri.

CONCLUSIONE
Senza dubbio, la nostra dimensione sociale è molto importante quando si tratta di apprendimento. Non possiamo separarci dall’ambiente e, certamente, abbiamo bisogno di interagire con esso per poter funzionare giorno dopo giorno. Capire che questa relazione dinamica può spingerci a imparare meglio è essenziale per promuovere l’apprendimento sociale come un’esperienza arricchente e benefica.

Nessun commento

Aggiungi il tuo commento