fbpx
ROME - ITALY
info@asilonelbosco.com

L’AUTOCONTROLLO E SUA RELAZIONE CON L’APPRENDIMENTO

L’AUTOCONTROLLO E SUA RELAZIONE CON L’APPRENDIMENTO

Tra studiare per un esame di matematica o andare in campeggio per il fine settimana, cosa sceglieresti? Sicuramente ci sono diverse idee che ti passano per la testa in questo momento. Prendere questa decisione può sembrare complicato e sì … ancora una volta sono le nostre emozioni che giocano un ruolo chiave nella decisione che prenderemo. Scegliere tra una ricompensa immediata e un’altra che non lo è, è difficile. Tutto è legato al modo in cui gestiamo le nostre decisioni. Parliamo della nostra capacità di autocontrollo.

IL TEST MARSHMALLOW: COMPRENSIONE DELL’AUTOCONTROLLO
Fonte: Fenster, J. A – University of Rochester (2020)
Negli anni ’60, Walter Mischel e i suoi collaboratori, psicologo austriaco e professore alla Stanford and Columbia University (Stati Uniti), condussero un’indagine per misurare la capacità dei bambini in età prescolare di ritardare i processi di gratificazione . L’ esperimento di Stanford è stato sviluppato in un laboratorio e aveva uno slogan molto semplice: se i bambini potevano aspettare e non mangiare un marshmallow che era sul tavolo di fronte a loro per un certo tempo (circa 15 minuti senza la supervisione di un adulto), potevano ricevere una ricompensa doppia o maggiore. Altrimenti non riceverebbero nulla. Circa 16 ragazzi e 16 ragazze locali, di età compresa tra 3 e 6 anni, hanno partecipato a questo esperimento (Mischel et al., 2011).

RISULTATI E IMPATTO DELL’ESPERIMENTO
Questo test è stato valutato nel tempo (studio longitudinale), tanto che quasi quattro decenni dopo sono stati valutati più di 500 bambini. Tra i risultati che sono stati trovati, è stato rilevato che i bambini che erano in grado di aspettare i due marshmallow hanno ottenuto punteggi SAT significativamente più alti 10 anni dopo. Si è così definito come il potere della situazione ceda il passo alla capacità dell’individuo di cambiare il proprio comportamento (Gianessi, 2012). Da questa ricerca sono state estrapolate varie situazioni da cui è stato possibile osservare questo tipo di comportamento.

COS’È L’AUTOCONTROLLO?
Si tratta della funzione cognitiva che ci consente di inibire alcune risposte automatiche che si verificano nel nostro corpo di fronte a una determinata situazione . Questo, soprattutto nelle risposte emotive, ma anche in quelle che abbiamo imparato e automatizzato (frenare al semaforo rosso) o quelle geneticamente programmate (guardare quando sentiamo un forte rumore). Tuttavia, non stiamo solo parlando della nostra capacità di regolare l’esperienza e il modo in cui esprimiamo le nostre emozioni , stiamo parlando della capacità che abbiamo di affrontare e superare determinati impulsi motivazionali in modo da poter valutare meglio la situazione in cui ci troviamo. Pertanto, cerchiamo di garantire che la risposta che diamo a questa situazione sia il più vantaggiosa possibile per noi. Questo è un costrutto psicologico che è strettamente legato all’autoregolazione emotiva .

LA CAPACITÀ DI AUTOCONTROLLO È CORRELATA AL RENDIMENTO SCOLASTICO?
Gli studi affermano che esiste una correlazione positiva tra il successo accademico e la capacità di autocontrollo. Si afferma persino che può essere un predittore delle prestazioni future (Ruiz Martín, 2020). Questo perché è stato rilevato che l’autodisciplina è un migliore predittore della media dei voti rispetto ad altri aspetti come l’intelligenza. Ciò dimostra che la capacità di impegnarsi per obiettivi a lungo termine è essenziale per il successo scolastico (Gianessi, 2012).

Lo stesso autore afferma che l’autocontrollo può essere utilizzato per cambiare le cattive abitudini . Ciò, attraverso la presa di coscienza del comportamento abituale, ma allo stesso tempo, aumentando l’impegno per obiettivi a lungo termine e immaginando soluzioni ai problemi prima che si verifichino.

PUOI PROMUOVERE L’AUTOCONTROLLO IN CLASSE?
Secondo gli studi, è stato riscontrato che gli insegnanti possono avere un impatto significativo su quegli studenti che non hanno sviluppato capacità di autocontrollo a casa . Questi studi hanno anche alluso al fatto che se gli studenti lo hanno, l’impatto dell’insegnante è minimo. Tuttavia, l’insegnante può supportare fornendo un ambiente di apprendimento ben organizzato, con limiti chiari ma con affetto e rispetto, promuovendo l’autonomia degli studenti e incoraggiandoli a continuare.

STRATEGIE DI AUTOCONTROLLO
Resistere alla tentazione di ottenere una ricompensa implica immediatamente l’uso di determinate strategie. A livello generale, possiamo dire che queste strategie comportano il reindirizzamento del focus attentivo o il cambiamento della rappresentazione cognitiva dell’oggetto che ci tenta . Ad esempio, distogliere lo sguardo dall’oggetto che distrae può ridurre il nostro livello di frustrazione. D’altra parte, un’altra strategia è ripensare la situazione e rimuovere quelle caratteristiche che consideriamo più attraenti dall’oggetto della tentazione. Ad esempio, immagina il marshmallow come un batuffolo di cotone invece di una deliziosa caramella (Mischel et al., 2011).

D’altra parte, Gianessi (2012) afferma che la strategia del contrasto mentale è molto utile. Si concentra sul tentativo di raggiungere un maggiore impegno per l’obiettivo a lungo termine. Come? Immaginare il futuro desiderato e poi confrontarlo con la realtà presente, immaginare tutto ciò che ostacola il raggiungimento di quel futuro. Di conseguenza, pensare agli ostacoli che potrebbero impedirti di raggiungere un obiettivo potrebbe aumentare le prestazioni rispetto al solo pensare positivamente al futuro desiderato. D’altra parte, l’autore raccomanda di integrare questa strategia con l’implementazione della Mindfulness in quanto può migliorare la consapevolezza dei modelli di pensiero che sono controproducenti per il raggiungimento degli obiettivi.

ALCUNE CONSIDERAZIONI SULLA CAPACITÀ DI AUTOCONTROLLO IN CLASSE
Ruiz Martín (2020) fa una metafora molto interessante sul controllo inibitorio. Indica che è come un muscolo che, se esercitato intensamente, può affaticarsi . Questo perché è un’attività che richiede impegno da parte dello studente e che richiede riposo. Ad esempio, se l’aula è piena di decorazioni alle pareti e ci sono molte informazioni, gli studenti richiederanno una maggiore capacità di autocontrollo. Ciò, a seguito di detti stimoli visivi, può generare interferenze con lo sforzo compiuto dallo studente per focalizzare la propria attenzione sui compiti. Pertanto, è importante ridurre al minimo tali stimoli (siano essi visivi o uditivi).

PERCHÉ GLI ADULTI HANNO UNA MIGLIORE CAPACITÀ DI AUTOCONTROLLO?
La nostra capacità di autocontrollo migliora con l’età . Man mano che cresciamo, ci adattiamo meglio all’ambiente, tendiamo a rispettare di più le regole e le norme sociali. Insomma, cresciamo e con esso si sviluppano alcune aree del nostro cervello legate anche a questa funzione. Come ben sappiamo, le funzioni esecutive dipendono dalla corteccia prefrontale. Quest’area è una delle ultime a maturare nel processo di sviluppo neurologico (Ruiz Martín, 2020) . Di conseguenza, i bambini e gli adolescenti potrebbero non avere questa abilità al momento, ma, come abbiamo visto, possono addestrarla.

CONCLUSIONE
Come indica Gianessi (2012), un buon autocontrollo predice molti risultati adattivi a lungo termine, tra cui l’idoneità fisica, la salute mentale e il rendimento scolastico. La capacità di autocontrollo implica che abbiamo a che fare con impulsi cognitivi ed emotivi derivati ​​da una situazione specifica. Pertanto, decidere tra una cosa o l’altra può essere complesso. Tuttavia, dobbiamo anche capire che questa capacità può essere sviluppata in tenera età, a casa. Di conseguenza, insegnare ai nostri figli che non possono sempre ottenere ciò che vogliono e che è essenziale decidere in modo responsabile, è un piccolo slogan che aiuterà a sviluppare questa capacità che è fondamentale per l’apprendimento.

FONTE: https://neuro-class.com/autocontrol-emociones-aprendizaje/?fbclid=IwAR0ABYhg41H6aJ2Li6fmu1Y32RbrYZATDvNjpSYVGQtGJ_KCVaF9yLyXVM0

Nessun commento

Aggiungi il tuo commento