fbpx
ROME - ITALY
info@asilonelbosco@gmail.com

Jordi Musons: “L’insegnamento non è al passo con la scienza”

Jordi Musons: “L’insegnamento non è al passo con la scienza”

L’insegnante e direttore della scuola Sadako di Barcellona crede che memorizziamo molto, ma non trasferiamo ciò che impariamo ai nostri contesti reali

Come tanti altri innovatori, Jordi Musons (53 anni) crede che il sistema educativo europeo sia ancora ancorato al passato. Questo insegnante e direttore della scuola Sadako di Barcellona, ​​uno dei centri di riferimento in Catalogna per la pedagogia trasformativa, sottolinea che sebbene il mondo sia cambiato drasticamente e la ricerca punti alla necessità di un modello molto più flessibile adattato alle competenze nel 21 ° secolo, il paradigma “è ancora basato più su credenze che su prove scientifiche o sui dati che abbiamo su come apprendere”.

Musons, che ha appena pubblicato Reinventing the school (ARPA), dove sperimenta un insegnamento personalizzato, di seguito la sua intervista a “El Pais”:

Domanda. Quali sono le maggiori difficoltà che una scuola deve affrontare oggi?

Risposta. La cosa più complessa è rompere con l’inerzia e con la resistenza al cambiamento che è molto presente nelle dinamiche didattiche. Le difficoltà sono più in noi che nel sistema. È vero che la struttura è molto rigida, con poca autonomia dei centri, ma la difficoltà principale è lo stress delle équipe docenti.

D. Queste resistenze sono una questione di paura?

R. Suppongo che siano generate dalla routine. Mi piace il paragone col sistema sanitario. Nessuno può immaginare che in una pandemia, gli operatori sanitari smetterebbero di usare i vaccini e gli attuali strumenti medici per affidarsi a tecniche e alle risorse di 100 anni fa. Nell’educazione questo accade, siamo troppo lontani dalla scienza: tutto si basa più su credenze e opinioni che su prove scientifiche o dati che abbiamo su come apprendere. È urgente fare qualcosa. Oserei dire che esiste un consenso internazionale su quali metodologie funzionano meglio.

D. Il nostro sistema è pronto per quel cambiamento?

R. Siamo più preparati che mai. Viviamo in un momento di trambusto educativo locale ed internazionale molto interessante. O ne approfittiamo o forse stiamo parlando della prima generazione di bambini che avrà un futuro peggiore dei loro genitori. Dobbiamo educare in modo che nessuno venga lasciato indietro e con gli strumenti della scuola tradizionale non ce la faremo.

D. La società sta prendendo seriamente la questione?

R. Il sistema educativo dipende troppo dagli interessi politici e dalle ideologie. È vero che, al di là dei governi, ci sono molti centri che osano cambiare. Ma, in generale, in Spagna ed in molte altre nazioni siamo rimasti bloccati.

D: Cosa significa reinventare la scuola?

R. Scommetti su un cambiamento sistemico attraverso il quale si valorizzino molte competenze e abilità che sono essenziali nel 21 ° secolo, come la capacità di risolvere problemi complessi, imparare a lavorare con le persone e in contesti diversi o essere resilienti. È necessario valorizzare le competenze sociali e combinarle con quelle più accademiche. Abbiamo bisogno di insegnanti che siano in grado di collegare questi due mondi: quello della conoscenza e quello dell’azione. Abbiamo un modello educativo basato sulla trasmissione di informazioni, ma con pochissima capacità di azione.

P. Il pedagogo Gregorio Luri afferma che il problema fondamentale dell’educazione in Spagna è che non siamo ancora molto chiari sul suo fine.

R. Sono completamente d’accordo. Alcune scuole stanno testando altri metodi di valutazione. Abbiamo avviato test interni per analizzare altre competenze. Possiamo valutare empatia, creatività, flessibilità? Possiamo valorizzare i talenti? Queste competenze saranno utili nei contesti di lavoro? Sappiamo che esistono nuove competenze che devono essere insegnate e valutate e che possono coesistere con i contenuti tradizionali.

È inutile sapere molto di ecologia se non ho un comportamento ecologicamente sostenibile

D. Lei dice che l’attuale programma è ampio e superfluo e che non si adatta alle esigenze degli studenti. Quali cambiamenti è necessario apportare per adattarlo a queste esigenze?

R. Qualche giorno fa mi sono imbattuto in ragazzi di un centro vicino che stavano preparando un test. Sembrava fosse un test sulle abitudini sane e stavano recitando i loro criteri di classificazione. Poi ho visto che avevano tutti sacchetti di patatine e soda in mano. Questo è il nostro modello educativo. Memorizziamo molto, ma non siamo in grado di trasferire ciò che apprendiamo ai nostri contesti reali. È inutile sapere molto di ecologia se non ho comportamenti ecologicamente sostenibili, così come è inutile conoscere le donne più importanti della storia se non sono in grado di promuovere l’uguaglianza nel mio ambiente.

D. Nel libro hai menzionato molto la necessità di incorporare metodologie incentrate sullo studente e sulla personalizzazione del suo apprendimento. Perché è importante?

R. È l’unico modo per dare a tutti gli studenti l’opportunità di imparare. Tempo fa ero con uno studente, con un disturbo piuttosto significativo. Parlando con lui, mi ha mostrato tutti i disegni che realizza. Questo ragazzo è un potenziale pittore. Tuttavia, in un sistema rigido e chiuso come il nostro sarà escluso perché non ha i talenti accademici convenzionali. Questo ragazzo ha un talento, ma se gli diciamo che è inutile perché non soddisfa i nostri standard, finirà per essere un cittadino escluso. Dobbiamo passare da un modello educativo unico per tutti a un’istruzione su misura. Abbiamo bisogno di un’istruzione più aperta.

P. I ripetenti sono un esempio di quell’ ingiustizia?

R. Il tasso di ripetenti in Spagna è il doppio della media europea. Molti scienziati hanno scoperto che il miglioramento garantito con la ripetizione dell’anno è molto basso. È vero, la paura può essere un’emozione che incoraggia l’apprendimento, ma è emotivamente restrittiva e non è positiva per gli studenti con maggiori difficoltà.

D. Lei parla nel libro del modello competitivo e cooperativo nell’educazione. Quali vantaggi ha un modello rispetto a un altro?

R. Se voglio promuovere che questi studenti, domani, siano cittadini più flessibili, con più empatia e che si adattino facilmente a contesti diversi, un modello cooperativo sarà più efficiente. Come se volessi che l’apprendimento tra pari rendesse tale apprendimento più duraturo e significativo. L’apprendimento competitivo favorisce gli studenti più talentuosi, lasciando il resto alle spalle. È più esclusivo. Penso che siano due prospettive sociali ed educative opposte.

D. È possibile applicare questo nel sistema pubblico?

R. Non sono affatto favorevole al vittimismo, che porta solo all’immobilità. Le condizioni potrebbero essere migliori? Ovviamente. Ma con quello che abbiamo possiamo andare avanti anche nel pubblico. Che tu promuova un modello competitivo o cooperativo dipende da te, hai 10 studenti o 30. Logicamente, più efficienti saremo, più risorse, rapporti bassi e tempo abbiamo per pensare,

In ogni caso, non sono favorevole a ridurre i rapporti con meno studenti in classe. Avere un gruppo più piccolo di studenti impoverisce le relazioni sociali positive. È più interessante mantenere il numero di studenti aumentando i modelli per promuovere il lavoro di squadra tra gli insegnanti.

fonte: https://elpais.com/educacion/2021-04-07/jordi-musons-en-educacion-estamos-demasiado-alejados-de-la-ciencia-de-los-datos-de-como-se-aprende.html?fbclid=IwAR1yJV4ct3yp5sT7yDL7593RYlBGqgKmHrY2uuTYXniurlm4BLrIfNWqku0

Nessun commento

Aggiungi il tuo commento