fbpx
ROME - ITALY
info@asilonelbosco@gmail.com

Le neuroscienze ci stanno dicendo che il cervello non impara ripetendo , ma che l’informazione si consolida facendo e muovendosi

Le neuroscienze ci stanno dicendo che il cervello non impara ripetendo , ma che l’informazione si consolida facendo e muovendosi

Cosa dice la neuroscienza sull’apprendimento?

Sappiamo tutti cosa significa imparare, ma a volte è difficile per noi insegnare “come imparare” o “come imparare a imparare”. Per fare questo, negli ultimi anni, le neuroscienze hanno reso le persone consapevoli dei processi cognitivi che si mettono in moto nell’acquisizione della conoscenza.

In questo articolo vedremo cosa ci dice la ricerca focalizzata sul cervello su come impariamo ad apprendere.

Come apprende il cervello umano?
La neuroscienza ci dice che il cervello non impara ripetendo , ma che l’informazione si consolida “facendo”, muovendoci e creando. La corteccia cerebrale richiede gioco e movimento per scoprire, esplorare e, quindi, imparare. Allo stesso modo, consolidiamo meglio le informazioni, quando interagiamo con gli altri e c’è un’implicazione emotiva.

Come ha detto Jan Amos Comenius; “Tutto ciò che quando si tratta di apprendimento produce gioia, rinforza la memoria”.

L’istruzione dovrebbe mirare a valorizzare il meglio di ogni individuo, aiutandoci ad essere più creativi, mettendo passione e anima in ciò che facciamo e sviluppandoci socialmente ed emotivamente . E per questo, è importante che sia gli insegnanti che le famiglie tengano conto dei seguenti punti.

  1. Conoscenza del cervello
    Conoscere e comprendere il funzionamento delle diverse strutture corticali che lavorano nel processo di apprendimento aiuterà i genitori e gli insegnanti ad accompagnare i nostri bambini e studenti nel miglior modo possibile.

Insegnare loro a riposare durante lo studio ogni 15-20 minuti per fare esercizi di Brain Gym o un’attività di una certa intensità fisica per 5 minuti li aiuterà a riattivare il loro sistema di attenzione esecutivo. Inoltre dinamiche come la mindfulness o lo yoga in classe migliorano molti fattori associati alle cosiddette funzioni esecutive. Questi ultimi sono responsabili dei sistemi cognitivi fondamentali per la scuola, come l’attenzione, l’autocontrollo, la memoria di lavoro o la flessibilità cognitiva, tra gli altri.

Cooperazione
È essenziale avere una visione del lavoro di squadra tra la scuola e la famiglia. Migliorare i contatti tra insegnanti e genitori attraverso incontri o caffè, può promuovere una comunicazione più fluida e promuovere una comprensione più profonda degli studenti. Un altro aspetto interessante potrebbe essere quello di affidarsi ai familiari come facilitatori o collaboratori all’interno delle dinamiche della classe, che potrebbe diventare una grande risorsa per gli insegnanti.

All’interno della classe, questa collaborazione può essere possibile anche tra studenti , attraverso il supporto dell’altro.

Motivazione
Creare in loro la scintilla di curiosità è importante per loro per andare avanti e mantenere il loro interesse. Far capire loro perché studiano ciò che studiano , quali implicazioni ha nella loro quotidianità e per questo utilizzare l’apprendimento contestualizzato, con pratiche in laboratorio, all’aperto o con centri di interesse che risveglino il loro desiderio di apprendere. Sostenere l’apprendimento con materiale audiovisivo, documentari, escursioni e giochi, promuoverà il loro entusiasmo e la loro voglia di imparare.

Connessione

Connettersi ed entrare in empatia con nostro figlio o studente è la base per sentirsi al sicuro nel percorso della loro formazione. Poterli vedere, sentirli, capirli, renderà più facile accompagnarli in ambito accademico. Se abbiamo un bambino che sta avendo difficoltà, e gli facciamo vedere che capiamo come si sente, lo calmiamo e raccogliamo il suo disagio, lo aiuterà a sentire un significato e sarà più facile per lui iniziare a fidarsi di se stesso , con il nostro aiuto.

Ander è un bambino di 10 anni con diagnosi di ADHD . La famiglia riferisce che a scuola ha molti problemi a mantenere la calma, infastidendo anche i loro compagni. Non mette mai i compiti all’ordine del giorno e dimentica metà del materiale . Tutto ciò genera continui rimproveri a casa ea scuola, influenzando negativamente la sua motivazione ad andare a scuola ed il suo stato d’animo.

Ragazzi come Ander sono, in molte occasioni, bambini incompresi, classificati come pigri, incapaci o dirompenti. È importante capire che questi bambini si regolano attraverso il movimento e che ne hanno bisogno per calmarsi. A volte si sforzano veramente di rimanere fermi e silenziosi, ma quando non riescono si sentono molto frustrati .

Consentire loro un movimento adatto alla classe, come inviarli alla segretaria per del materiale, incaricarli della distribuzione dei libri o lasciare che ordinino lo spazio di lettura durante la lezione, può essere una buona soluzione per questi bambini per svolgere il movimento di cui hanno bisogno. Collaborando tra la famiglia e la scuola per mantenere le stesse linee guida in entrambi gli ambienti e all’interno della classe. Ander ora ha un compagno di viaggio ed entrambi ripassano l’agenda alla fine della giornata, questo lo aiuta a strutturarsi e organizzarsi meglio .

Generare dinamiche in classe che richiedono la partecipazione di Ander e dei suoi compagni, lavorando su progetti da loro scelti. Combinando queste sessioni con video, esperimenti e giochi, renderà più facile aumentare la loro capacità di attenzione. Se, inoltre, questo bambino riceve la comprensione dell’insegnante e della sua famiglia che lo aiuta a reindirizzare le sue energie, ciò lo porterà a Ander e molti altri come lui ad avere un futuro promettente.

fonte: https://psicologiaymente.com/desarrollo/aprender-a-aprender

Nessun commento

Aggiungi il tuo commento