fbpx
ROME - ITALY
info@asilonelbosco.com

Senza voti, senza materie, senza esami? Si può!

Senza voti, senza materie, senza esami? Si può!

Le pedagogie innovative non sono più monopolio delle scuole private e sempre più scuole pubbliche, soprattutto in Spagna, optano per queste iniziative, nonostante le difficoltà

Nella scuola pubblica Trabenco, a Leganés (Madrid), scuola elementare e materna, il tempo non è organizzato in materie : hanno un loro metodo che non è governato da esami, libri di testo o compiti a casa. Trabenco è uno dei quasi cento centri pubblici distribuiti in tutta la Spagna che sviluppano pedagogie alternative, lontane dal sistema tradizionale,ma all’interno del sistema stesso.

In Spagna ci sono un centinaio di centri che si impegnano nell’insegnamento incentrato sul bambino, più attivo e sperimentale

“Crediamo in un modo di educare che abbia il bambino come centro dell’attività, che non sia imposto dall’adulto, ma piuttosto consideri le sue capacità, interessi e ritmi ” , spiega David Fernández, direttore del centro. Questa scuola applica da 40 anni questa filosofia che accomuna tutte le scuole innovative, ispirata a pedagogie come Montessori, Gardner o altri riferimenti di un insegnamento tradizionalmente accessibile solo a chi può permettersi una scuola privata .

“C’è sempre più interesse, sia da parte dei genitori che degli insegnanti, per questo tipo di iniziativa”, dice Almudena García, di Ludus, un direttore di istruzione alternativa in Spagna. Crede inoltre che la crisi abbia avuto molto a che fare con questo cambio di orientamento: “Negli ultimi anni, cose che prima erano date per scontate hanno iniziato a essere messe in discussione. Si è visto che il sistema “vai a scuola, vai all’università e trova un lavoro” non funziona più .

Progetti invece che soggetti

La maggior parte dei centri innovativi condivide la metodologia: insegnamento per progetti. Invece di materie distribuite dall’orario, sviluppano progetti trasversali proposti dagli studenti in cui i docenti incorporano i concetti delle diverse aree. “Ad esempio, se hai scelto di studiare il Brasile, ti occuperai di geografia, musica, natura …”, spiega Miguel Ángel Galindo, padre di due studenti di Trabenco. “Dipende dal progetto scelto, alcuni soggetti o altri possono essere inclusi. L’idea è che venga fuori un argomento che li interessa, e poi si applichi il metodo scientifico : vediamo quello che sappiamo, quello che vogliamo scoprire e le ipotesi di partenza da indagare in seguito ”, dice David Fernández.

L’ingresso di due bambini di circa cinque anni nella sala da pranzo dove si svolge l’intervista interrompe la sua spiegazione. Arrivano con un elenco di tutti i compagni che rimarranno a mangiare per darlo al cuoco. La distribuzione dei compiti è un altro dei principi del centro, poiché la responsabilità , come spiegano, gioca un ruolo molto importante affinché si sviluppino in modo autonomo e il sistema funzioni.

Ambienti invece di classi

Le porte delle aule di Trabenco non sono mai chiuse ed è normale vedere bambini di corsi diversi mescolati tra loro , fare laboratori di robotica, giardino o cucina, spesso guidati dai genitori, che hanno anche libero accesso. I laboratori occupano un’altra parte del palinsesto, che si completa con “le zone”: spazi in cui le proposte dei docenti vengono sviluppate dai gruppi. Puntano sulla comprensione del concetto piuttosto che sulla sua memorizzazione, tipica dell’insegnamento tradizionale. L’obiettivo è coprire tutte le aree: non solo educativa, ma anche espressiva, sociale, fisica …

Nel centro di Es Puig, a Palma di Maiorca i libri di testo vengono messi da parte e sono governati maggiormente dall’iniziativa e dalla motivazione dei minori. Scelgono tra trascorrere il loro tempo in spazi come “Playing to be”, “The restaurant”, “Experimentation” o “Media library”. Ognuno di loro ha un’estetica e dei materiali diversi e il bambino va dall’uno o dall’altro secondo il suo interesse o diretto dall’insegnante, a seconda dell’ età.

Rapporti qualitativi invece di note

In queste scuole non puoi ottenere un dieci. Né essere sospeso. Non ci sono voti , un altro dei punti comuni delle scuole alternative. “Siamo persone e non siamo quantificabili, abbiamo molte sfumature e non c’è capacità che debba essere migliore di un’altra”, dice Fernández. Alla fine del semestre, gli insegnanti preparano un rapporto qualitativo sulle conoscenze e abilità acquisite . “La differenza con gli appunti che ci hanno dato è abissale: invece della croce in ‘sa scrivere’ o ‘sa differenziare sinistra o destra’, hai un report di diverse pagine in cui ti dicono se tuo figlio capisce a cosa serve “Spiega Sara Rodríguez, un’altra delle madri.

A Es Puig hanno un sistema simile: “Guardiamo più all’evoluzione personale, al progresso individualizzato, non che tutti raggiungano gli stessi obiettivi allo stesso tempo”, spiega Muñoz. “Che sviluppino le loro capacità senza pressioni, senza creare ‘bambini buoni’ o ‘bambini cattivi'”.

Non credono nei compiti a casa come obbligo , o nei libri di testo, che usano come strumento di riferimento in più e sono comuni a tutta la classe, come il resto dei materiali. “Qui nessuno ha il suo astuccio, tutto appartiene a tutti perché si paga una quota”, spiega David Fernández, direttore di Trabenco, che ha la particolarità di definirsi una scuola “assembleare e democratica”, dove si prendono tutte le decisioni tra genitori, figli e gruppo docente.

più piccoli , infatti, ogni giorno prima di iniziare la giornata tengono un’assemblea , dove si discutono compiti, problemi o iniziative quotidiane. Durante la scuola elementare, questa pratica viene mantenuta un paio di volte a settimana. “Riteniamo che il modello gerarchico di ‘gruppo dirigente, facoltà e consiglio scolastico’ non funzioni, puntiamo su assemblee e commissioni di lavoro, dove vengono svolti determinati compiti relativi a tutti i settori della scuola: dai trasporti alle nuove tecnologie” dice il Preside.

Questo modo di lavorare ha i suoi pro e contro, come riconoscono alcuni insegnanti: “A volte i bambini impiegano più tempo per acquisire le conoscenze rispetto a quelli tradizionali, ma notiamo che hanno migliori capacità sociali e autonomia ” , confessano due insegnanti Trabenco. Tutti i centri riconoscono di aver incontrato famiglie che non condividevano i principi della scuola . Alcuni decidono di andarsene, altri finiscono per convincersi. È anche comune, al contrario, che vengano le famiglie di altri quartieri perché cercano questo sistema.

Il centro è la Catalogna

Dei 109 centri innovativi che Ludus stima ci siano in Spagna, la maggioranza, di gran lunga, si trova in Catalogna. Il motivo, secondo Almudena García, è la sua maggiore tradizione e “consapevolezza sociale” con questo tipo di iniziative, che hanno cominciato ad emergere una decina di anni fa, dando forma a quello che è noto nel settore come “il modello catalano”.

Per quanto riguarda i centri, il grosso si concentra solitamente nelle scuole materne ed elementari, dove per le peculiarità dell’istruzione è più facile da implementare, e con l’avanzare dell’età il numero dei centri diminuisce : “È come se si stessero preparando per quello che sta arrivando, per il sistema tradizionale, ma è un cane che si morde la coda, perché se hai quella paura, non vengono implementate alternative ”, sostiene García.

Ci sono pochi istituti

L’arrivo alla scuola secondaria è una delle maggiori incertezze dei genitori che decidono di portare i propri figli in centri innovativi, poiché le opzioni per continuare con questo tipo di formazione sono poche. “L’istituto ha bisogno di più risorse e anche per essere un insegnante di scuola secondaria non c’è formazione pedagogica, né didattica o su come lavorare con i bambini di quell’età ”, dice Fernández. Infatti, a causa del cambio di modello, gli studenti Trabenco tendono a soffocare all’inizio dell’ESO, fino a quando non si adattano. “Molti sono un po ‘persi durante il primo trimestre e possono persino sospendere il corso, perché non sono abituati a quel tipo di istruzione, ma alla fine se la cavano tutti bene”, dice Fernández. “Durante la scuola elementare sono stati dati gli strumenti per essere autonomi, per sapere come organizzarsi, così non possono sbagliare”, spiega la madre Sara Sábate. L’istituto Creu de Saba, a Barcellona, ​​è uno dei pochi centri in cui è possibile trovare metodologie alternative nella scuola secondaria. .

I problemi: consulenza e insegnanti assegnati

Ma la continuità al liceo è solo una delle sfide che questo tipo di istruzione deve affrontare. Il principale è avere insegnanti che condividano il modo di lavorare e che siano disposti a dedicare il loro tempo libero alla formazione su queste metodologie. A differenza di un centro privato, dove vengono assunti insegnanti che corrispondono al profilo, in quelli pubblici dipende da chi “gioca” secondo un sistema a punti. “A volte trovi compagni di classe molto aperti, desiderosi di cambiare il sistema tradizionale ancorato e talvolta hai insegnanti molto conservatori e tradizionali e non c’è nessuno che li separi dai loro libri”, spiega Esther Zarrias, direttrice della scuola pubblica Rosa dels Vents (Maiorca) e esperto in pedagogie alternative.

La legge consente la libertà di insegnamento, ma la pratica non è così semplice

La legislazione riconosce la libertà dell’insegnamento di scegliere il metodo, a condizione che includa i contenuti del curriculum stabilito dalle comunità, ma non sempre i ministeri lo facilitano. Ad esempio, anche se va contro la propria filosofia, la scuola deve compilare report sui propri studenti , cosa che accade anche con gli orari. “Il problema più grande che abbiamo avuto è che quando si tratta di allestire ambienti non è possibile compilare un programmaa”, dice Muñoz. La soluzione, concordano gli amministratori, è sensibilizzare l’amministrazione.

Aumentano le richieste

Per questo aiuta anche il fatto che sia un’opzione sempre più richiesta. “In questo momento ci sono più genitori che vogliono questi sistemi di quanti i centri possano assorbirne; molti hanno una lista d’attesa ”, dice Almudena García, di Ludus. A Barcellona, ​​ad esempio, 300 famiglie si sono organizzate quest’anno per protestare contro la possibilità di entrare nell’innovativa scuola Congrés Indians.

Jesús Martín Cordero, professore di Psicologia evolutiva e dell’educazione all’UNED, vede questa nuova tendenza nell’istruzione pubblica come positiva, ma raccomanda cautela quando la si avvia : “Qualsiasi innovazione nell’istruzione è positiva, ma nessuna né i progetti né gli ambienti sono di per sé una bacchetta magica, il cambiamento deve essere graduale perché il sistema educativo è molto complesso ”.

Anche Esther Zarrias concorda con questa idea: “Il problema che trovo spesso è che alcune scuole, invece di abbracciare l’intera metodologia, prendono solo poche parti, lasciando che l’essenza del metodo svanisca tra gli scaffali Ikea pieni di materiali Montessori. Ciò è inutile, perché tra pochi anni fallirà e saremo d’accordo con chi ha dubitato e criticato questa educazione.

In ogni caso, tutti concordano sull’importanza che questa tendenza si attui, appunto, all’interno della pubblica istruzione e che si promuova la varietà tra i centri: “Vogliamo essere pubblici perché crediamo che debba esserci equità e pari opportunità. Se per accedere a questo tipo di istruzione si pagano 500 euro al mese, può accedere solo a un certo status sociale ”, difende Fernández. “Non può essere che le famiglie lasciano i loro stipendi nelle scuole private perché l’istruzione non è in grado di rispondere alle richieste di queste famiglie”, condanna Zarrias.

Nessun commento

Aggiungi il tuo commento