fbpx
ROME - ITALY
info@asilonelbosco.com

Bambini piccoli, emozioni e cervello

Bambini piccoli, emozioni e cervello

Negli ultimi anni, uno dei grandi temi nell’ambito dell’educazione e della genitorialità è stato “gestire le emozioni”, ma sembra che non si finisca mai di capirle, anche se abbiamo fatto dei grandi passi in avanti.

Una parte fondamentale della comprensione delle emozioni è capire come funziona il cervello. Perché? Perché è lì che hanno origine ed è li che impariamo a gestirle.

Il dottor Gordon Neufeld, nel corso di Science of Emotion, descrive le emozioni come un’energia che ci spinge ad agire.  

Le emozioni si verificano nel sistema limbico, noto anche come cervello emotivo, una parte del cervello che è primitiva, inconscia e irrazionale. Quindi, quando proviamo un’emozione, non ne siamo consapevoli, semplicemente “ci commuove”, ci fa reagire automaticamente e involontariamente.  

Imparare a gestire le emozioni, essere in grado di controllarle è qualcosa che viene fatto nella corteccia prefrontale, la parte cosciente del cervello. Cioè, abbiamo bisogno che il cervello raggiunga un certo sviluppo per essere in grado di gestire le emozioni, inoltre, le emozioni sono ciò che ci guida, ciò che possiamo fare è, a poco a poco, prendere coscienza di ciò che sentiamo e quindi impariamo a nominare ogni emozione trasformandola in una sensazione, questo “apprendimento” è una funzione esecutiva della corteccia prefrontale. Quindi, quando diventiamo consapevoli di ciò che sentiamo, è allora che possiamo agire, piuttosto che limitarci a reagire.

Diventare consapevoli delle nostre emozioni, riuscire a darle un nome, identificare ciò che proviamo e perché lo proviamo, imparare ad agire in modo razionale e consapevole, richiede tempo e richiede maturità.

Spesso osserviamo che i bambini piccoli reagiscono alle emozioni che provano, lo fanno in modo impulsivo, poiché sono governati dal cervello emotivo, che ripeto, è una parte inconscia del nostro cervello. Se un bambino piccolo viene colpito da un giocattolo: può spingere, piangere, reagire … il suo comportamento dipenderà dalla sua emozione, sarà una reazione impulsiva e irrazionale.

La corteccia prefrontale, è ciò che rende gli esseri umani diversi dal resto dei mammiferi, è l’ultima parte del cervello che si sviluppa, ed è lì che si verificano le funzioni esecutive, dove impariamo a controllare gli impulsi, dove è possibile rendere coscienti quello che sentiamo, dove possiamo ragionare, risolvere i conflitti, bilanciare le nostre idee e pensieri, tra le altre cose. Le neuroscienze ci mostrano che la corteccia prefrontale raggiunge il suo sviluppo ottimale tra i 24 ei 27 anni di età Riuscite a immaginare come è il suo sviluppo nei bambini in età prescolare?

Sebbene i nostri bambini piccoli non abbiano sviluppato la loro corteccia prefrontale, hanno bisogno di noi: genitori, insegnanti o qualsiasi adulto che si occupi di loro, per aiutarli a controllare le loro emozioni a poco a poco. Per fare questo, dobbiamo essere adulti nel controllo delle nostre emozioni, la nostra temperanza sarà la temperanza dei nostri figli.

Se cresco, mi arrabbio quando il mio piccolo piange o reagisce in modo aggressivo, non sarò in grado di aiutarlo a trovare la calma tanto necessaria. È importante capire che il bambino “trasportato” da questa energia e che non può controllarla, sta a noi aiutarlo a prenderne coscienza in modo che in seguito possa gestirla. Al bambino a cui viene portato via un giocattolo, posso dire con amore e tenerezza: “Sei frustrato, ma non c’è bisogno di ferire, eccomi qui con te”.

Permettere al bambino di esprimere la sua emozione è assolutamente necessario affinché quell’energia possa uscire, non possiamo controllare ciò che sente, ma possiamo aiutarlo a esprimerla in un modo diverso, perché se non permettiamo che questa emozione venga fuori, sarà repressa per un po ‘, ma sicuramente uscirà in un altro momento, e questa è la cosa più salutare per lo sviluppo dei nostri figli: permettere loro di esprimere le proprie emozioni.

Prima che il bambino possa gestire adeguatamente le sue emozioni, deve essere in grado di viverle liberamente, cioè sentirle. Così, a poco a poco le identificherà, si renderà conto che non è la stessa cosa essere nervoso ed eccitato, essere triste ed arrabbiato, provare gioia e incertezza … ha bisogno di provare ogni emozione per differenziarle.

Riuscire a raggiungere questo equilibrio o equilibrio emotivo, è quindi un processo che compete alla corteccia prefrontale, prima di raggiungerlo, il bambino ha bisogno di passare attraverso un processo di adattamento, che sarà molto più facile da affrontare se ha almeno un amorevole e adulto empatico, che può supportarlo nelle sue esperienze emotive, che lo aiuta a identificare ciò che sta provando, che gli offre parole che corrispondono a quell’esperienza emotiva e che gli consente un’espressione che faciliti uscite sicure.

La gestione delle emozioni non ha nulla a che fare con l’imparare a tollerare la frustrazione, a gestire la rabbia, a sviluppare tecniche o a frequentare un corso, è un processo che richiede maturazione, quindi, richiede tempo. Il ritmo sarà stabilito da ogni bambino, e noi adulti possiamo offrire loro quello spazio sicuro per esprimersi e possiamo sostenerli mentre imparano a gestire da soli le loro emozioni, nel frattempo possiamo anche offrire loro qualche spunto su come fare, in questo modo risparmiamo tempo perché maturino e siano in grado di gestirle da soli.

fonte:https://publicacionapoyo.com/ninos-pequenos-emociones-y-cerebro?fbclid=IwAR2pHT_0qhuFU98epRDvCrPIahIq77fvWSYdiv8MQ2ZuXftwXhAuJBsonFI

Nessun commento

Aggiungi il tuo commento