fbpx
ROME - ITALY
info@asilonelbosco.com

“Dobbiamo smetterla di insegnare con la paura”: Germán Doin

“Dobbiamo smetterla di insegnare con la paura”: Germán Doin

“Abbiamo tutti subito le molteplici forme di costrizione che la scuola formale esercita sui nostri corpi e sulle nostre menti. Ecco perché è importante promuovere altre forme di conoscenza, altri modi di avvicinarsi alla scuola, non solo quello che tradizionalmente abbiamo implementato nel paese in cui gli studenti sono passivi e l’insegnante è il grande esperto. Ecco perché dobbiamo cercare alternative a questo modello educativo “, dice Julián Gómez, un insegnante di Bogotá, che si sta preparando a partecipare alla Settimana internazionale dell’educazione alternativa (SEA) che si svolgerà in varie tappe nella capitale del Paese, dal 23 al 30 agosto, organizzato dal Ministero dell’Istruzione, e da “The Alternative Education Network”. L’impegno pedagogico includerà la partecipazione di ricercatori, esperti e insegnanti internazionali come Teresita del Niño Jesús Garduño Rubio dal Messico, Martin Macwan dall’India e Jerry Mintz dagli Stati Uniti. Condivideranno con i loro coetanei colombiani e studenti interessati all’istruzione, le loro esperienze in metodi pedagogici alternativi. El Espectador ha consultato Germán Doin, regista, videomaker e rappresentante de “La Red de Educación Alternativa”. 

Domanda: “Hai diretto il progetto e il film “La Educación Prohibida”, una scommessa visiva diventata virale tre anni fa. Cosa è successo da allora alle persone che hanno partecipato al progetto?”

R. “La Educación Prohibida” è stato un successo sui social media. Dall’anno di lancio fino ad oggi, continua ad essere visto con grande interesse in diversi paesi dell’America Latina, tra cui Perù, Cile e Argentina. Da allora, nel nostro collettivo “The Alternative Education Network” ci dedichiamo alla costruzione, al rafforzamento e alla diffusione di forme di educazione. Indaghiamo le forme alternative di educazione del sistema tradizionale; l’istruzione popolare, l’istruzione domestica, l’istruzione contadina, l’istruzione senza scuola, solo per citarne alcune, poiché sono molte le correnti che si sono rafforzate negli ultimi anni in America Latina.”

D:”Raccontaci come è nata l’idea di organizzare questo evento a Bogotà?”

R:” Ho partecipato a centinaia di convegni ed eventi specializzati in ambito educativo. In molti di loro ho concordato con il Segretario all’Istruzione di Bogotá, Óscar Sánchez, con il quale abbiamo parlato molto del modo in cui l’istruzione educa il cittadino. Così, dopo diverse discussioni risalenti all’ottobre dello scorso anno, insieme a varie organizzazioni sociali della città, è nata l’idea dell’evento.”

D :”Quanto le agenzie governative responsabili dell’istruzione in America Latina supportano queste iniziative? 

R :”È molto complesso e ovviamente non sono gli unici responsabili. Ci sono esperienze di governi che, utilizzando le politiche pubbliche, hanno cercato di rafforzare l’educazione alternativa, alcuni non ci sono riusciti perché la cultura scolastica è molto forte, ed è difficile innovare o cambiare questa rigidità. Nella maggior parte degli stati della regione c’è poco interesse a sostenere l’istruzione popolare, ma ci sono molti luoghi in cui esiste questa ricerca, in città come San Paolo e Buenos Aires, ci sono esperienze molto interessanti. Potremmo anche sottolineare l’interesse del Segretario dell’Istruzione di Bogotá, Óscar Sánchez, nella ricerca di promuovere un modo migliore per insegnare e imparare.”

D: “Perché i metodi di istruzione alternativi hanno acquisito grande forza in America Latina?”

R: “Perché i cittadini sono interessati a superare i limiti della scuola tradizionale. È lì che c’è la scommessa, non bisogna solo lavorare dall’alto, dalle stanze del potere, ma anche da altre parti.

D: “Raccontaci di più sull’evento …”

R: “La Settimana internazionale dell’educazione alternativa (SEA) va dal 23 al 30 agosto. Circa 50 ospiti internazionali verranno a Bogotá, da diverse parti del mondo e lavorando su diversi metodi pedagogici. Vengono anche diversi ex ministri dell’Istruzione di paesi come Brasile, Porto Rico e Uruguay. Quello che cerchiamo è un confronto anche nella diversità, conoscere le esperienze di Bogotá e imparare gli uni dagli altri. Ci sono diversi referenti di quella che è conosciuta come “educazione democratica”, dove la logica del potere all’interno della scuola è messa in discussione. Ci sono esperienze in cui gli studenti prendono decisioni sugli standard e hanno comitati organizzativi. Si potrebbe anche individuare la “scuola senza dirigenti scolastici”, modello che si sta rafforzando nel mondo. In effetti, l’evento mostra molte correnti e una grande diversità.”

D: “In qualità di produttore video, come metti in relazione il cinema e le forme di educazione alternativa?”

R: “Molte forme di educazione alternativa cercano di avere forme di apprendimento più attive, è lì che l’aspetto visivo assume un posto importante. In molte delle esperienze di educazione alternativa, c’è un dialogo costante. Ho invitato la SEA ad includere la visita di registi e nei suoi primi giorni, avremo la proiezione di film e documentari presso il Memory Center, che mostrano le scommesse esistenti sull’istruzione alternativa. “

D: “Quale relazione può esistere tra istruzione e giustizia sociale?”

R: “L’educazione democratica e l’educazione popolare hanno in comune la ricerca della giustizia sociale. Comprendiamo la posta in gioco dell’educazione alternativa come quella di costruire un altro mondo possibile e diverso, dove non c’è violenza, iniquità o sfruttamento reciproco. C’è un impegno a costruire relazioni diverse a scuola, a smettere di negare agli studenti la loro personalità, i loro desideri, la loro creatività, il loro essere. Dobbiamo smettere di insegnare dalla paura come si fa nella scuola formale, perché stiamo solo riproducendo la logica del potere convenzionale, che finisce per aiutare a riprodurre l’ingiustizia sociale. Una delle strade da intraprendere – ce ne sono molte altre – è quella di iniziare a promuovere l’educazione alla convivenza, al lavoro di squadra, in modo che non sorgano competizione e negazione dell’altro.”

Avremo il piacere di avere con noi Germán Doin alla Festa Internazionale di Pedagogia Viva. Clicca qui per tutte le info

Fonte: https://www.elespectador.com/noticias/educacion/debemos-dejar-de-ensenar-desde-el-miedo-german-doin/ù

Nessun commento

Aggiungi il tuo commento