fbpx
ROME - ITALY
info@asilonelbosco.com

Il potere della musica nell’educazione

Il potere della musica nell’educazione

Inutile dire che la musica è stata una delle grandi conquiste dell’uomo, non solo per la sua complessità come disciplina artistica, ma anche per i molti modi in cui può arricchire la vita di una persona. I benefici neurologici e psicologici della musica vanno di pari passo con le forti emozioni che un brano musicale può scatenare in chi lo ascolta, ma non si può prescindere dal valore e dall’efficacia della musica come strumento didattico. Ottimo alleato per gli insegnanti nella classe.

L’inizio del rapporto tra musica ed educazione

Nel corso della storia delle diverse culture, la musica è stata collegata in un modo o nell’altro all’educazione e diversi studi hanno dimostrato gli effetti positivi che può avere sullo sviluppo intellettuale ed emotivo dei bambini. Nell’antica cultura greca Pitagora ei suoi seguaci sono descritti come i creatori della teoria musicale greca poiché collegavano i suoni alla matematica e all’astronomia. In questo periodo troviamo anche la sua opera “La Repubblica”, che contiene brani in cui Platone sottolinea l’importanza e la necessità di una prima educazione musicale, con tutti i suoi benefici, considerando la musica essenziale per una vera educazione completa.

La musica non è stata utilizzata solo come risorsa educativa dall’inizio del tempo umano, esiste anche una teoria relativa al modo in cui un adulto parla a un bambino. I bambini di un mese riconoscono prima i modelli di suono, parola, tono di voce e inflessioni che vengono usati prima delle parole, questo è un riflesso di come si è evoluto il cervello umano.

La musica come strumento didattico

Come risorsa didattica, la musica facilita l’acquisizione della conoscenza e la memorizzazione, e non è un caso che se visiti un asilo nido o una scuola che lavora con i bambini, vedrai come la maggior parte delle attività che svolgono sono accompagnate dalla musica. L’ideale sarebbe inserire direttamente l’educazione musicale come materia nel programma scolastico, a partire dalla scuola materna, il che implicherebbe un programma sviluppato con criteri pedagogici ben definiti e specialistici. Va anche notato che la musica è l’unico stimolo al mondo che accede contemporaneamente alla maggior parte del cervello.

Generi musicali

Nell’educazione musicale ci sono tre colonne principali: sviluppo ritmico, melodico e timbrico, e in esse è essenziale l’uso del canto, così come esercizi prescritti e altri che favoriscono la creatività personale. L’età degli studenti è anche un fattore determinante per il corretto utilizzo di esercizi e brani ritmici. Mentre i più piccoli preferiscono i giri e le canzoni per bambini con più temi, per i giovani c’è una selezione diversificata di recite scolastiche tradizionali. Tutti possono ascoltare musica folk, selezionare esempi di generi popolari come il jazz e opere classiche. Spetterà agli insegnanti scegliere che tipo di musica utilizzare a seconda dell’occasione o degli esercizi da eseguire.

Inoltre, l’apprezzamento della musica è un’esperienza molto personale e la stessa canzone può avere significati diversi per persone diverse. Questo può essere qualcosa da tenere in considerazione quando si consiglia la musica correlata all’apprendimento, ma è importante che la musica piaccia alla persona che la ascolta e non si distragga dal compito a portata di mano.

Benefici della musica nell’educazione

In generale, la musica ha un grande impatto su tutte le dimensioni della vita di un essere umano ed essere esposti alla musica in un ambiente educativo aiuta a socializzare, stimola la parte cognitiva, attiva le capacità motorie per organizzare il movimento “a ritmo” e ci insegna riconoscere le emozioni. Questi sono solo alcuni dei vantaggi dell’educazione musicale:

1 Porta un’atmosfera molto positiva in classe.

2 Favorisce l’integrazione tra i compagni di classe.

3 Insegna a respirare correttamente.

4 Migliora l’attenzione.

5 Promuove il ragionamento spazio-temporale e aiuta con la memoria.

6 Migliora l’apprendimento della lettura, della matematica e di altre materie.

7 Arricchisci il vocabolario.

8 Insegna a valorizzare il silenzio personale e ambientale.

9 Rafforza lo sviluppo motorio.

10 Aumenta la creatività e la capacità di memoria.

11 Aumenta l’autostima personale e incoraggia e canalizza il libero flusso di emozioni e sentimenti.

Età più adatta per iniziare a suonare

La musica e la matematica sono intimamente legate al punto che per alcuni la musica è matematica con l’aggiunta dell’emozione dell’essere umano . Una canzone normale di solito ha una certa forma e la sua struttura è matematica e logica. D’altra parte, la musica, oltre ad essere un’arte, è anche una scienza basata sull’acustica, poiché il musicista deve comprendere leggi fisiche e matematiche per utilizzare al meglio ciò che crea e interpreta. La storia, la geografia e le scienze naturali sono altre materie che possono trarre vantaggio dalla musica, ma questo strumento non si limita a queste opzioni.

Il potere della musica è tale che, indipendentemente dall’età, può avere un profondo effetto sull’ascoltatore, ma nel contesto dell’educazione la realtà è che, prima la musica entra fa parte della vita di uno studente, maggiore saranno i suoi benefici. Questo è molto importante durante i primi dieci anni di vita di uno studente poiché il suo cervello è molto più ricettivo e può essere molto più vantaggioso per lo sviluppo accademico e personale dell’individuo.

Fonte : https://www.diariolibre.com/estilos/buena-vida/el-poder-de-la-musica-en-la-educacion-DI10810030?fbclid=IwAR2upx0va9ZkKbvTcoeD_zGHqQEmvZZWE1gO5xFjwmegrEGvAHlt5fK-AVk

Nessun commento

Aggiungi il tuo commento