ROME - ITALY
info@asilonelbosco@gmail.com

Per apprendere bisogna emozionarsi

Per apprendere bisogna emozionarsi

Il ricercatore di neuroscienze Francisco Mora afferma che l'elemento essenziale nel processo di apprendimento è l'emozione perché puoi solo imparare ciò che ami, ciò che dice qualcosa di nuovo alla persona, che è significativo. In "Neuroeducacion", il libro che ha appena pubblicato in Editorial Alliance, dice: "Senza emozione", dice, "non c'è curiosità, non c'è attenzione, non c'è apprendimento, non c'è memoria".

 

Ciò concorda pienamente con l'approccio della pedagogia Waldorf, in cui l'intero curriculum della scuola elementare si basa sul legame emotivo dei bambini con ciò che apprendono. Proprio come il motto principale dell'educazione all'asilo è "il bambino impara attraverso il fare", cioè attraverso esperienze fisiche e sensoriali reali, nella scuola elementare il motto "il bambino impara attraverso sentire " Ecco perché le arti sono incluse così tanto in questa pedagogia, non perché il bambino sia un artista, ma perché è, tra le altre cose, attraverso la musica, la danza, la pittura, il disegno, il teatro e la poesia, che il bambino si connette emotivamente con contenuto accademico A ciò si aggiunge un tutor che ti accompagnerà per tutto il ciclo, creando un vero legame emotivo. Rudolf Steiner sottolinea anche, poiché a quell'età i bambini imparano da chi amano, e quindi è necessario che amino il loro insegnante per imparare da esso.

 

Francisco Mora (Granada, 1945), dottore in Neuroscienze presso l'Università di Oxford e professore di Fisiologia presso l'Università Complutense, ha pubblicato Neuroeducation (Alleanza), un volume con il quale intende sviluppare “le questioni centrali che sono di interesse e preoccupazione nel mondo dell'insegnamento a qualsiasi livello e contribuendo a svelare le chiavi di come rispondere alla luce delle più recenti conoscenze delle neuroscienze cognitive. "

LA GIOIA COME BASE DELL'APPRENDIMENTO

Lo scienziato sottolinea che "oggi i bambini imparano molto presto concetti astratti in stanze con finestre prive di molta luce o luce artificiale, con il rigore e la serietà degli insegnanti che si allontanano da quel" gioco "primitivo che ha generato l'apprendimento e la memorizzazione il diretto sensoriale, "con gioia", la base dell'attenzione e il risveglio della curiosità ".

 

Comprenderlo oggi dalla prospettiva di come funziona il cervello e trarne vantaggio - afferma - è un primo principio di base dell'insegnamento con il quale si può imparare e memorizzare meglio. questi principi possono essere estesi nella sua applicazione non solo all'istruzione di base o durante l'adolescenza, ma anche ai più alti studi universitari o studi applicati, che si tratti di ricerca commerciale o scientifica ”.

 

Aggiunge inoltre che "la neuroscienza cognitiva ci indica già, attraverso lo studio dell'attività delle diverse aree del cervello e delle loro funzioni, che solo qualcosa che ti dice qualcosa può essere veramente appreso, cosa attira l'attenzione e genera emozione, cosa È diverso e si distingue dalla monotonia. "

 

“L'attenzione, finestra della conoscenza, si risveglia quando c'è qualcosa di nuovo nell'ambiente. Quel "qualcosa di nuovo" fa appello, come milioni di anni fa, alla sopravvivenza come ultimo significato ", aggiunge. "L'attenzione nasce da qualcosa che può significare ricompensa (piacere) o punizione (pericolo) e quindi ha a che fare con la nostra stessa vita". “Ma con l'evoluzione evolutiva e la stessa civiltà - avverte Mora -, l'apprendimento e la memorizzazione sono meccanismi che li hanno portati a livelli così astratti e un progetto sociale così elevato da sfuggire e si stanno allontanando da radici inviolabili, genetiche ed evolutive. , di quella gioia che originariamente significava veramente imparare e memorizzare ”.

Sapere come funziona il cervello rivitalizzerebbe l'insegnamento

A suo avviso, per rivitalizzare oggi l'insegnamento e l'apprendimento in questo nuovo contesto di una cultura avanzata, "è necessaria una conoscenza di come il cervello lavora in questi processi e lo porta agli insegnanti  affinché possano finalmente applicare in classe" . Dice che "questo è stato recentemente riconosciuto da prestigiosi pensatori e istituzioni come il Centro di Neuroscienze per l'Istruzione di recente creazione presso l'Università di Cambridge o l'International Mind-Brain and Education Society attraverso la sua rivista Mind, Brain and Education" . Tuttavia, afferma che "è m vero che, fino ad ora, la conoscenza estratta dalle neuroscienze non è stata facile da mostrare agli insegnanti e  trasferirla come metodo per insegnare ai bambini o agli studenti delle scuole superiori".


tratto da
https://www.tamarachubarovsky.com/2014/03/14/sin-emociones-no-puede-haber-atencion-aprendizaje-ni-memoria-francisco-mora-neuroeducacion/?fbclid=IwAR0qr-257BnG__Yu7fALixfVil8glGIU8ify15c06N-FgkDn7uAZcPHkHV0

 

Nessun commento

Aggiungi il tuo commento