fbpx
ROME - ITALY
info@asilonelbosco.com

Uno studio sul cervello dei bambini ha dimostrato che più usano tablet o telefoni, minore è la loro capacità di esprimersi.

Uno studio sul cervello dei bambini ha dimostrato che più usano tablet o telefoni, minore è la loro capacità di esprimersi.

Un nuovo studio , che ha utilizzato una sofisticata tecnologia di imaging per analizzare il cervello di 47 bambini di età compresa tra i tre ei cinque anni , ha rilevato cambiamenti strutturali associati alla quantità di tempo che ogni bambino trascorre davanti agli schermi . I bambini che giocavano più ore con tablet o telefoni hanno una minore strutturazione della materia bianca del cervello, in particolare nelle aree legate allo sviluppo del linguaggio . Anche altre abilità di alfabetizzazione sono state influenzate negativamente, come la funzione esecutiva, il processo di controllo e l’autoregolamentazione .

“Tablet e smartphone prevalgono sempre più nelle case, negli asili e nelle scuole “, ha detto Cincinnati.com John Hutton , autore dello studio e direttore del Centro per la scoperta di Reading e alfabetizzazione del Children ‘s Hospital di Cincinnati. Questi risultati, ha aggiunto, mettono in guardia “sugli effetti sul cervello del tempo di esposizione allo schermo nella prima infanzia , in modo che professionisti, legislatori e genitori possano stabilire limiti salutari”.

Il lavoro di Hutton si unisce ad altri studi che hanno trovato le conseguenze negative sullo sviluppo dei bambini di tablet, telefoni, computer e televisori . Uno di questi, pubblicato nell’aprile 2019, ha mostrato che maggiore è il tempo di esposizione dello schermo, minore è la capacità di attenzione nei bambini in età prescolare . Un mese prima, un’altra ricerca ha scoperto che l’uso del telefono cellulare ha ritardato l’inizio del linguaggio espressivo nei bambini di 18 mesi.

“Questo studio solleva interrogativi sul fatto che almeno alcuni aspetti dell’uso dei media sullo schermo nella prima infanzia possano far sì che la stimolazione del cervello, in questa fase di sviluppo rapida e formativa, non sia ottimale “, ha detto Hutton a Science Daily . Non è ancora possibile determinare se il tempo di esposizione agli schermi implichi “rischi a lungo termine per lo sviluppo neurale”, ha aggiunto, quindi è necessario continuare la ricerca per “comprendere e stabilire limiti appropriati all’uso della tecnologia “.

Il gruppo su cui Hutton ha lavorato era composto da 27 ragazze e 20 ragazzi di età compresa tra i tre ei cinque anni , accompagnati dai genitori. I più piccoli hanno fatto prima test standard per misurare lo sviluppo cognitivo e poi scansioni MRI a diffusione , che hanno permesso di stimare l’integrità del cervello. Il ricercatore ha fornito ai genitori un questionario per valutare il tempo trascorso dai loro figli con telefoni e tablet , basato sui criteri dell’Accademia Nazionale di Pediatria ( AAP ) sul tempo di esposizione agli schermi, il test ScreenQ.

Più alto è lo ScreenQ, ovvero più tempo un bambino trascorre con uno schermo, minore è il livello di linguaggio espressivo, la capacità di nominare gli oggetti e le abilità di alfabetizzazione . Si è riscontrata anche a una minore integrità della sostanza bianca del cervello, che influisce sull’organizzazione e sulla formazione dello strato di mielina attorno ai nervi (che consente una mobilità più rapida degli impulsi nervosi) in parti legate alla funzione esecutiva del linguaggio .

Lo studio di Cincinnati potrebbe segnare l’inizio di cambiamenti nelle raccomandazioni dell’AAP. Ogni ora, si consiglia ai bambini di età inferiore a 18 mesi di evitare completamente l’esposizione dello schermo , ad eccezione delle videochiamate. I genitori di bambini dai 18 mesi ai due anni che desiderano iniziare uno spettacolo programmato possono scegliere i media digitali con una programmazione di alta qualità e guardarli con i loro figli per aiutarli a capire ciò che vedono. E tra i due ei cinque anni, si consiglia un limite giornaliero di un’ora con una programmazione di alta qualità.

L’AAP suggerisce anche che spazi e momenti siano designati per interagire, o semplicemente vivere, senza schermi.

fonte: infobae.com

Nessun commento

Aggiungi il tuo commento