fbpx
ROME - ITALY
info@asilonelbosco.com

“Quando ti emozioni, il cervello si attiva”: la migliore insegnante di scuola primaria in Spagna condivide la sua strategia…

“Quando ti emozioni, il cervello si attiva”: la migliore insegnante di scuola primaria in Spagna condivide la sua strategia…

La professoressa Alicia Tojeiro insegna in una scuola pubblica a Oleiros (A Coruña) ed è stata appena riconosciuta come la migliore insegnante di scuola primaria in Spagna per la metodologia e l’approccio che applica agli studenti di 10 anni in classe, che consiste nell’ascolto con il cuore e nell’ insegnamento dell’essere e del sapere “.

“I bambini vanno in classe felici, si divertono a imparare, sono di supporto, indagano, imparano facendo, sentendo e condividendo”, spiega Tojeiro in un’intervista in cui sottolinea che il suo premio “è stato vinto dalla scuola del cuore e dimostra che i bambini vanno a lezione felici e che si impara giocando, che è divertente e che non c’è educazione senza famiglie ”.

Tuttavia, Alicia Tojeiro (Vigo, 1978) chiarisce che “il primo che deve andare a scuola felice è l’insegnante , in modo che possa trasmettere quella sensazione”. “Devi credere in quello che fai prima, hai bisogno di umanità , essere aperto alla comunicazione, al rispetto”, dice questa professoressa del Plurilingual CEIP Isidro Parga Pondal, dove mantiene un rapporto “orizzontale” con genitori e figli.

Proprio i genitori dei suoi studenti sono stati quelli che hanno presentato la sua candidatura per il Premio Educa Abanca , in questa quarta edizione per la terza volta, in cui Alicia si è imposta agli insegnanti di tutta la Spagna e in cui ha ottenuto un diploma di riconoscimento, una statuetta e 1.000 euro, che destinerà ai suoi progetti educativi.

I genitori dei suoi 17 alunni di quinta elementare, a cui insegna attraverso progetti, scienze naturali e sociali, matematica, linguaggio e valori, contribuiscono con i compiti di cui la classe ha bisogno ed interagiscono con Alicia ogni giorno, soprattutto per telefono, “alla fine ti amano” è una modalità di comunicazione costante con i bambini.

In un dato giorno di un mese gli scolari entrano in classe e ballano, scelgono la musica, poi uno di loro funge da “cardiologo” e chiede agli altri come si sentono ,in questo modo si immedesimano e sviluppano le loro capacità intra e interpersonali.

Lo spruzzo di gioia o la gomma da cancellare dei cattivi pensieri sono alcuni degli strumenti che questi bambini usano e che la pandemia di coronavirus li ha costretti a mettere in un cassetto , quindi “quest’anno ci limitiamo ad ascoltare e parlare”. Semplicemente.

La professoressa Alicia Tojeiro

L’orario di questa lezione viene modificato a seconda di variabili come le priorità dei bambini stessi, ma “inizia sempre parlando, ballando e ascoltando”. Poi viene il contenuto, i materiali, che Alicia traduce dall’astratto al pratico, ad esempio, nella progettazione di un ricovero per animali devono calcolare il perimetro e l’area, e prima manipolano una corda, parlano di superficie e poi arrivano i calcoli.

La creatività, il talento, i molteplici momenti in questa classe per insegnare e anche per inventare, creare, individualmente, in coppia e in gruppo, hanno un’unica premessa, “l’idea è sempre quella di toccare il cuore, di commuoverti, perché una volta che ti emozioni , il cervello è attivato. “

Questi bambini condividono la preoccupazione per un obiettivo comune con le loro varie capacità di cercare uno scopo sociale, aiutare qualcuno, pensando all’istruzione come un trasformatore del mondo , come un progetto incentrato sul fare del bene alla comunità .

L’aula deve adattarsi a questo approccio ma, aggiunge, “non tutti gli insegnanti sono disposti, molti sono messi sotto pressione dal contenuto , prevale la paura, la rigidità dei test standardizzati, ecco perché la gente non rischia così tanto”.

Come madre di un bambino iscritta a una scuola privata, Alicia ammette di soffrire perché “mi sento come se stessi remando da sola”. “Quando tuo figlio non soddisfa lo schema stabilito dal sistema educativo, a volte voga da solo, gli insegnanti dovrebbero pensare che stiamo costruendo e che è un processo lungo”.

Infonde forza nei suoi studenti ed è per questo che il COVID non li ferma, “devi essere resiliente”, assicura, e agire come un “pulitore del mondo” , la sua opportunità per aiutare a superare questa situazione, e con umorismo hanno lanciato lo sciroppo della risata per aiutare gli altri bambini ad affrontare quel momento. “Ti incoraggio a sfruttare ogni giorno in classe, ogni minuto, devi dar loro potere e non devi aver paura”, dice l’insegnante.

fonte: https://cadenaser.com/ser/2021/01/15/sociedad/1610708117_133782.html?fbclid=IwAR3BkqI56Fe-czL_eucw__dpITT091v793eDSokPCOkQP5M3HlWWx_o9S70

Nessun commento

Aggiungi il tuo commento