fbpx
ROME - ITALY
info@asilonelbosco.com

Senza educazione emotiva, sapere come risolvere le equazioni è inutile

Senza educazione emotiva, sapere come risolvere le equazioni è inutile

Rafael Guerrero è uno dei pochi professori dell’Università Complutense di Madrid che insegna ai suoi studenti di Teaching tecniche di educazione emotiva. Lo fa volontariamente perché il programma accademico dei corsi di laurea in Insegnante della Prima Infanzia e della Formazione Primaria – non include alcuna materia con tale nome. “Molti dei problemi degli adulti sono dovuti a difficoltà nel regolare le emozioni e questo non viene insegnato a scuola”, spiega Guerrero.

Si tratta di insegnare ai futuri insegnanti a comprendere e regolare le proprie emozioni in modo che siano in grado di dirigere bambini e gli adolescenti nello stesso scopo. “I miei studenti mi dicono che nessuno ha insegnato loro a regolarsi emotivamente e che sin da piccoli, quando hanno affrontato un problema, si sono chiusi in camera a piangere, era il loro modo per calmarsi”, dice l’insegnante. Insicurezza, bassa autostima e comportamenti compulsivi sono alcune delle conseguenze della mancanza di strumenti per gestire le emozioni. “Quando raggiungono l’età adulta, hanno difficoltà ad adattarsi all’ambiente, sia lavorativo che relazionale. Dobbiamo iniziare a formare insegnanti con la capacità di formare i bambini a padroneggiare i loro pensieri ”.

L’intelligenza emotiva è la capacità di sentire, comprendere, controllare e modificare il proprio stato d’animo e quello degli altri, come definito da coloro che hanno coniato il termine all’inizio degli anni ’90, gli psicologi della  Yale University Peter Salovey e John Mayer. L’intelligenza emotiva si traduce in abilità pratiche come la capacità di sapere cosa succede nel proprio corpo e ciò che sentiamo, oltre all’empatia e alle abilità sociali.

Dopo aver esaminato i programmi accademici delle lauree in Insegnamento, Pedagogia, Psicologia e Psicopedagogia delle università pubbliche spagnole nel 2016, il Grup de Recerca en Orientació Psicopedagògica (GROP) dell’Università di Barcellona (UB) ha concluso che in Spagna c’è solo un’università che offre un corso di studi in educazione emotiva , l’ Università di La Laguna a Tenerife. “Quando pensiamo al sistema educativo, per tradizione crediamo che l’importante sia la trasmissione della conoscenza da insegnante a studente, il 90% del tempo è dedicato a questo. E l’equilibrio emotivo? Chi ne parla a scuola? ”, Afferma Rafael Bisquerra, direttore delPost-laurea in Educazione Emozionale presso l’UB e ricercatore presso il GROP.

I giovani con un maggior controllo delle proprie emozioni presentano un rendimento scolastico migliore, una maggiore capacità di prendersi cura di se stessi e degli altri, una predisposizione a superare le avversità e una minore probabilità di assumere comportamenti a rischio -come il consumo di droghe, secondo i risultati di diversi studi pubblicato da GROP. “L’educazione emotiva è un’innovazione educativa che risponde a bisogni che le normali materie accademiche non coprono. Lo sviluppo delle competenze emotive può essere più importante del saper risolvere le equazioni di secondo grado ”, sottolinea Bisquerra.

Secondo i dati Eurostat , gli alti tassi di insuccesso scolastico, le difficoltà di apprendimento o lo stress di fronte agli esami provocano stati emotivi negativi, come apatia o depressione, e tutto questo è legato, secondo Bisquerra, a carenze di equilibrio emotivo. “Concentrare le lezioni esclusivamente sulle abilità linguistiche e logiche può essere considerato una truffa del sistema educativo”, critica l’insegnante, che ha pubblicato più di 15 libri sull’argomento.

Bisquerra è uno dei precursori in Spagna dell’applicazione dell’educazione emotiva al campo accademico. Quando iniziò la ricerca nel 1993, quel termine non esisteva ancora. Ciò che manca, secondo l’esperto, affinché i diversi livelli educativi non contemplino questi contenuti è la mancanza di consapevolezza, sia da parte della pubblica amministrazione che dei docenti. “La regolazione delle emozioni fa sì che gli stimoli che ci circondano ci influenzino il meno possibile. Il nostro comportamento dipende, in larga misura, da come ci sentiamo e né gli insegnanti né le autorità lo prendono sul serio ”.

Secondo lui, il cambiamento deve iniziare con la formazione dei docenti, con la trasformazione del titolo di insegnamento . “In UB non abbiamo convinto il numero di docenti necessario per modificare il piano degli studi. Purtroppo i processi di cambiamento educativo sono molto lenti ”, aggiunge Bisquerra, che nel 2005 ha pubblicato L’educazione emotiva nella formazione degli insegnanti , dove propone un modello disciplinare per gli insegnanti della prima infanzia, primaria e secondaria con attività teoriche e pratiche.

Gli obiettivi dell’educazione emotiva, secondo le linee guida di Bisquerra, sono acquisire una migliore conoscenza delle proprie emozioni e di quelle degli altri, prevenire gli effetti dannosi delle emozioni negative che possono portare a problemi di ansia e depressione e sviluppare la capacità di generare emozioni positive e per motivarsi. Nel 2002 l’UB ha lanciato il suo primo diploma post-laurea in Educazione emotiva, che oggi è offerto anche da altre università pubbliche come Malaga, Cantabria o UNED, tra gli altri.

Una delle esperienze pilota nella formazione degli insegnanti nell’educazione emotiva è stata condotta in Spagna dal Consiglio provinciale di Guipúzcoa che, tra il 2006 e il 2010, ha formato più di 1.500 insegnanti delle scuole pubbliche e degli istituti della provincia. Bisquerra è stato uno degli incaricati di coordinare i corsi, oltre a preparare 14 manuali a disposizione di qualsiasi docente con decine di attività da applicare in classe. L’ Università dei Paesi Baschi era incaricata di valutare i risultati. “La comprensione e la regolazione delle emozioni da parte degli insegnanti ha ridotto i livelli di ansia e burnout , Indica Aitor Aritzeta, professore presso la Facoltà di Psicologia dell’Università dei Paesi Baschi. Negli studenti, il conflitto in classe è stato ridotto.

In uno studio parallelo condotto da Aritzeta, in cui un gruppo di 200 studenti universitari sono stati formati alle tecniche di intelligenza emotiva, è stato dimostrato che dopo due anni di istruzione gli studenti che avevano ricevuto questi insegnamenti hanno migliorato i loro risultati agli esami in media di 1, 5 punti rispetto al resto degli studenti. “Hanno imparato a gestire lo stress e i livelli di ansia sono stati ridotti del 18%”, dice l’insegnante.

Insegnare agli insegnanti a guardare, ascoltare e comprendere le esigenze di uno studente è l’obiettivo principale di Rafael Guerrero, professore del Complutense con cui è iniziata questa storia. “Può sembrare ovvio, pensare che tutti gli insegnanti trattano i bambini in questo modo, ma non tutti lo fanno. Nessuno è disposto a riconoscere l’abbandono emotivo”, dice. Insegna ai giovani ad affrontare i problemi nella fase iniziale e sviluppa la tolleranza per la frustrazione, è una sciocchezza, iniziare dal fare i compiti” è la massima che Guerrero vuole per i suoi studenti e futuri insegnanti.

fonte: https://elpais.com/economia/2017/01/27/actualidad/1485521911_846690.html?fbclid=IwAR19vSU44Dk3zn1kgDp00oNS27rcXG99Hyc83rx1AMMl2nTjvq3ikUWdSEY

Nessun commento

Aggiungi il tuo commento