fbpx
ROME - ITALY
info@asilonelbosco.com

Le migliori tecniche di apprendimento basate sulla Neuroscienza

Le migliori tecniche di apprendimento basate sulla Neuroscienza

Una delle più importanti applicazioni della ricerca in neuropsicologia è l’apprendimento basato sul cervello. Questo concetto ci permette di trarre vantaggio dalla ricerca su come il cervello apprende per creare una nuova serie di principi guida sul processo di insegnamento-apprendimento e sulla didattica.

Fu innanzitutto Gehard Preiss, specialista in didattica della matematica, a proporre nel 1990 di dotare la pedagogia di basi neurologiche, dando il nome a una nuova disciplina: la neurodidattica .

Da allora sono aumentati gli studi, le pubblicazioni e la formazione accademica in questo campo: l’OCSE (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico) nel 1999 ha affrontato il progetto ” Scienze dell’apprendimento e ricerca sul cervello “, il cui obiettivo era valutare l’impatto delle conoscenze neuroscientifiche su contenuti educativi come imparare a leggere e aritmetica; Nel 2002, l’Università di Harvard ha offerto il primo corso post-laurea in neuroeducazione intitolato ” Mind, Brain, and Education “. Nel 2005, il Center for Neurosciences in Education ha inaugurato il corso presso l’Università di Cambridge; e attualmente ci sono diplomi post-laurea completi in questo campo in Spagna, comeMaster in Neuropsicologia e Educazione .

E’ necessario che il gruppo docente acquisisca una formazione neuropsicologica di qualità per poter valutare criticamente le possibili applicazioni della neuroeducazione, poiché, secondo studi dell’Università di Oxford (IM Devonshire) e della Open University of United Kingdom ( Eleanor Dommett), esistono importanti differenze culturali tra le discipline legate alle neuroscienze e all’educazione che non utilizzano lo stesso linguaggio, lo stesso corpus teorico o lo stesso approccio metodologico allo studio dei processi di apprendimento. Queste differenze tendono a rendere difficile la collaborazione in team.

D’altra parte, ma non meno importante, nel 2013 Hook e Farah hanno richiamato l’attenzione sulla particolare vulnerabilità della comunità degli insegnanti intorno alla proliferazione dei «neuromiti» (persone che non conoscono le funzioni base del proprio cervello). Queste sono convinzioni sbagliate sul funzionamento del cervello ampiamente diffuse in contesti non scientifici, che a volte condizionano la conoscenza e le pratiche degli insegnanti, senza che vi siano prove scientifiche a supporto. Tra queste convinzioni, identificate da P. Howardjones dell’Università di Bristol (2014), c’era, ad esempio, che usiamo solo il 10% del nostro cervello, che le persone apprendono meglio se usano il proprio stile di apprendimento preferito (uditivo, visivo o cinestetico ), o che semplici esercizi di coordinazione chiamati ginnastica cerebrale, aiuterebbero a migliorare l’integrazione tra gli emisferi cerebrali, tuttavia nessuna di queste pratiche ha un riconoscimento scientifico.

Pertanto, la maggior parte dei neuromiti sono visioni riduzioniste della funzione cerebrale, che non tengono conto della complessità di questo organo e del fatto che la sua funzione rimane sconosciuta per alcuni aspetti alla comunità scientifica.

Che cos’è e quali prove scientifiche ha l’apprendimento basato sul cervello?

L’apprendimento basato sul cervello è un paradigma di apprendimento che affronta il modo in cui gli studenti apprendono e i risultati di apprendimento dal punto di vista di come funziona il cervello umano. Si tratta di progettare strategie di apprendimento specifiche basate su ciò che i neuroscienziati sanno sul funzionamento fisiologico (non solo comportamentale) dell’attenzione , della memoria , della motivazione , dell’inibizione e dell’acquisizione della conoscenza concettuale umana.

Il cuore delle prove scientifiche riguardanti questo paradigma è il concetto di plasticità cerebrale . È stato stabilito che le differenze comportamentali tra gli individui sono principalmente dovute alle differenze nelle connessioni tra i neuroni che costituiscono la loro anatomia cerebrale, e l’apprendimento è ancora un comportamento più o meno cosciente.

Tutte le abilità acquisite sono dovute al modo in cui i nostri neuroni comunicano tra loro, risultato sia di come il cervello era cablato nel periodo neonatale, sia delle connessioni che da allora si sono formate nei processi di apprendimento.

Il funzionamento delle connessioni neurali è noto sin dai primi anni ’70, T. Bliss e T. Lømo hanno applicato brevemente la stimolazione elettrica ad alta frequenza nei circuiti ippocampali e hanno scoperto che la forza della comunicazione tra i neuroni è aumentata. L’hanno chiamato PLP ( Potenziamento a Lungo Termine ) e oggi non c’è dubbio che sia alla base dei meccanismi cellulari e molecolari coinvolti nella formazione della memoria e dell’apprendimento. .

Sebbene la complessità dei meccanismi di plasticità sinaptica non ci consenta di approfondire qui dettagli specifici che riflettono il loro intervento nell’apprendimento, possiamo riassumere che tali meccanismi si dividono in due gruppi fondamentali: da un lato, i meccanismi che ne consentono la formazione o eliminazione delle sinapsi e rimodellamento della sua struttura e, dall’altra, quelle che modificano la forza delle connessioni esistenti. Si tratta di processi in grado di produrre cambiamenti a lungo termine nei circuiti neurali , che generano modifiche nel comportamento delle persone, che identifichiamo come esperienze di apprendimento.

I neuroscienziati hanno anche concluso che il cervello umano ha diversi modi di apprendere le informazioni, ciascuno utilizzando diverse combinazioni di regioni del cervello. Ad esempio, l’ ippocampo è coinvolto nell’apprendimento di informazioni spaziali e contestuali, mentre l’esecuzione di qualsiasi sport produce cambiamenti nel cervelletto e nei gangli alla base mentre nell’apprendimento che coinvolge i ricordi emotivi, interviene la regolazione dell’amigdala .

D’altra parte, non dobbiamo dimenticare il ruolo molto importante che la memoria gioca nell’apprendimento; qui dobbiamo parlare piuttosto di “ricordi”:

  • La memoria di lavoro ci mantiene consapevoli e manipola attivamente un’informazione percepita, per un breve periodo. La corteccia prefrontale interviene nella sua elaborazione, ed è fondamentale filtrare e organizzare le informazioni che verranno successivamente codificate e consolidate nella memoria a lungo termine.
  • La memoria a lungo termine , che innesca i meccanismi di espressione genica e la sintesi proteica che causano alcune modifiche strutturali nel neurone e portano alla stabilizzazione dei cambiamenti nell’attività sinaptica.

Infine, sappiamo che man mano che immagazziniamo più conoscenza su un determinato argomento, l’apprendimento diventa più facile ed efficace: il nostro cervello cerca ogni volta che è possibile mettere in relazione le informazioni che stiamo gestendo con alcune altre informazioni che abbiamo già memorizzato. Quindi più significativamente abbiamo imparato qualcosa, più facile sarà per noi imparare cose nuove.

Strategie di apprendimento basate sul cervello

Quando gli studenti tentano consapevolmente di imparare, può esserci una notevole differenza tra ciò che sperano di imparare e ciò che effettivamente imparano. Ecco alcune strategie progettate tenendo conto dei principi del funzionamento del cervello spiegati sopra. Queste strategie potrebbero aiutare gli studenti a ridurre queso gap, oltre a migliorare la loro capacità di apprendimento in modo significativo .

Ripetizione distanziata e pratica distribuita:

Ripetizione distanziata e pratica distribuita sono due tecniche che impiegano l’effetto spaziatura: brevi sessioni di apprendimento (meno di 30 minuti) distribuite su un lungo periodo di tempo sono migliori di una singola sessione di studio lungo. Avere 4 sessioni di apprendimento di 30 minuti distribuite su 4 ore sarà più efficace di una singola sessione di studio di 4 ore. 

La spaziatura migliora la memoria a lungo termine nell’apprendimento di nuovi concetti. La ricerca mostra che distribuire l’apprendimento nel tempo e ripetere le informazioni su periodi crescenti rafforza la memoria e protegge dall’oblio. Ad esempio, un gruppo di fatti può essere appreso in 3 minuti. Possono essere ripetuti dopo 10 minuti, poi 30 minuti, poi 2 ore … poi 7 giorni. Questo aiuta a ottimizzare la memoria per gli eventi da ricordare.

Interleaved:

Supponiamo che lo studente abbia 3 argomenti (A, B, C) pianificati per i prossimi 5 giorni. Una tecnica di studio inefficiente ma comune è quella di dedicare molto tempo a un argomento e poi tornare all’argomento successivo e successivamente a quello successivo. L’interleaving accumula prove forti a favore di un’opzione migliore.

Interleave significa apprendere diversi concetti correlati in modo misto. Per prima cosa prendiamo l’argomento A e studiamo i ‘mini-blocchi’ di 20 minuti in A, 20 in B, 20 in C. È conveniente pianificare lo studio facendo diverse combinazioni di blocchi: ad esempio, come ABC BAC CAB o ABC, ACB, BCA. In ogni caso, dovrebbero essere sempre brevi sessioni “intervallate” e il modello di studio dovrebbe essere ripetuto per un lungo periodo di tempo. 

Questa tecnica di studio è utile per argomenti correlati, non disparati. Più A, B, C sono correlati, meglio è. Fondamentalmente, si tratta di studiare in parallelo e non in serie  . L’interleaving migliora principalmente la comprensione di concetti simili, aiutando a distinguerli meglio. Ed è stato dimostrato molto efficace per l’apprendimento della matematica: se abbiamo 3 tipi di problemi matematici correlati A, B e C, praticare variazioni come ABC BAC CAB è più utile che passare ore a fare AAAAA BBBBBB e CCCCC.

Frammentazione:

La strategia di raggruppare le informazioni in pezzi piccoli e facilmente digeribili, preferibilmente con un argomento generale, è stata studiata dagli psicologi cognitivi per più di mezzo secolo; È noto come frammentazione delle informazioni. Le informazioni possono essere suddivise in base ad attributi superficiali come colore, categoria, somiglianza, relazioni, ecc. sebbene sia sempre conveniente che ci sia un filo immaginario che collega le informazioni all’interno di un frammento.

Più frammenti sono più facili da ricordare rispetto a più elementi singoli perché il cervello utilizza reti di informazioni. Quindi, le cose che possono essere raggruppate insieme formano una piccola unità e ogni unità diventa un mucchio di informazioni che il cervello può gestire in modo costruttivo e ordinato. D’altra parte, se le informazioni sono disperse, il cervello tenderà a confondersi nella sua elaborazione e conservazione.

Apprendimento generativo:

L’apprendimento generativo include attività come creare arte, insegnare qualcosa agli altri, sperimentare l’apprendimento in contesti del mondo reale, blog, discussioni nei forum, ecc. Ciò rafforza l’apprendimento e scopre le lacune nascoste nella conoscenza. Migliora la memoria, la comprensione, la profondità e l’ ampiezza dell’apprendimento

Pratica di recupero ed effetto del test:

Il test di apprendimento consiste nella capacità di dimostrare l’apprendimento in modo autonomo. Include il richiamo e il richiamo di informazioni, esercitazioni e attività di autovalutazione deliberate . La pratica di recupero può essere eseguita, ad esempio, utilizzando questionari e test.

Sebbene non contrastino necessariamente con l’oblio (perché l’oblio e il ricordare non sono opposti), la pratica e il test correttivo rafforzano l’apprendimento esistente e creano un’opportunità per adattarsi al nuovo apprendimento esplorando gli errori .

La pratica del recupero rende l’apprendimento significativo. Utilizzando una combinazione di pratica di recupero e spaziatura, è possibile diffondere la pratica di recupero nel tempo e massimizzare i benefici di entrambe le tecniche di studio. Una grande quantità di ricerche attuali ha dimostrato i vantaggi della pratica del recupero: può migliorare la memoria accelerando il richiamo, rendendolo meno dipendente dal contesto. Il cervello ottimizza l’apprendimento per la memoria perché quando si tratta di applicare ciò che hai imparato, la capacità di ricordare le informazioni è importante.

Metafore:

Agli umani piacciono le narrazioni e le analogie, che possono essere utilizzate per migliorare l’apprendimento. Una metafora può creare un’analogia tra un processo noto e un processo sconosciuto. Una volta usata la metafora, diventa più facile per il cervello astrarre e comprendere l’essenza del processo sconosciuto.

Questa strategia migliora la comprensione e la visualizzazione delle relazioni tra le idee.

Metacognizione:

La metacognizione è pensare al pensiero, riflettere sulle informazioni e sull’uso che possiamo farne. Si tratta di porre domande, scoprire risposte, adottare nuove prospettive, approfondire un argomento e affrontare ipotesi, conclusioni e ripercussioni.

Questo processo è molto importante per un apprendimento significativo perché può aiutare a ottimizzare le idee ed esplorarle in modo più approfondito. Riflettendo sulle informazioni, gli studenti hanno l’opportunità di darle un senso, inserendole nel contesto o trovando un certo livello di applicazione nella vita reale.

Approccio di neuroeducazione alle difficoltà di apprendimento

Lo studio dei correlati neuropsicologici di alcuni tipi di apprendimento scolastico, come la lettura, il calcolo o le lingue, hanno portato la comunità scientifica ed educativa a mettere in discussione le strategie didattiche tradizionali che si sono rivelate inefficaci. Tra questi possiamo citare, come esempio, l’insegnamento dell’alfabetizzazione mediante il metodo di lettura globale anziché quello fonologico . Attualmente è dimostrato che il cervello ha solo la capacità di decodificare la lettura secondo la corrispondenza fonema-grafema, sequenzialmente o in parallelo, ma non è in grado di interpretare la parola globalmente. (A. Carballo)

Risultati attesi nell’approccio di apprendimento basato sul cervello:

Tenendo conto che questo approccio si basa su cosa e quanto sappiamo del cervello umano e della sua interazione con l’ambiente, possiamo definire solo in termini generali alcuni possibili obiettivi da raggiungere con questo tipo di apprendimento:

  • Massimizza il potenziale di apprendimento degli studenti
  • Riduci al minimo le perdite di apprendimento e lo spreco di sforzi
  • Attiva meccanismi noti per migliorare abilità , base di conoscenza, memoria e flessibilità mentale .
  • Migliora la produttività di studenti e insegnanti.

fonte:https://neuropsicologiayaprendizaje.com/lo-que-la-neuropsicologia-nos-dice-sobre-aprendizaje-basado-en-el-cerebro/?fbclid=IwAR3rOF-cd0xKiqhw8wKBVOAm0B38r9MSSGCeKgSR2SbJB9gXb1OEQGwlNdg

Nessun commento

Aggiungi il tuo commento