fbpx
ROME - ITALY
info@asilonelbosco.com

GRINTA E RESILIENZA NELL’ISTRUZIONE: PERSEVERARE PER RAGGIUNGERE L’OBIETTIVO

GRINTA E RESILIENZA NELL’ISTRUZIONE: PERSEVERARE PER RAGGIUNGERE L’OBIETTIVO

“Tutto quello che ho ottenuto nella mia carriera è stato grazie al sacrificio, per dare il massimo e grazie al supporto della mia famiglia”. Fin da piccolo Leo Messi sapeva che il calcio era la sua passione. Quando si è recato a Barcellona, ​​ha affrontato, tra le altre cose, la lontananza dai suoi cari, le cure mediche per un problema di crescita, l’adattamento a un’altra cultura e vita … Perché? Perché sapeva che doveva perseverare per arrivare a giocare professionalmente. Il resto, ovviamente, è storia! Questo rinomato atleta che ha ispirato molte persone, è un esempio di determinazione, coraggio, resilienza e grinta .

L’URLO E LA RESILIENZA

Angela Lee Duckworth , accademica e psicologa dell’Università della Pennsylvania, ha studiato la relazione tra determinazione e raggiungimento degli obiettivi.

Da un lato, intendiamo la resilienza come la capacità umana di superare una situazione avversa. Essere resilienti non significa non provare dolore, al contrario, di solito è una sensazione che comporta stress e disagio. Tuttavia, nonostante il dolore, successivamente passiamo attraverso un processo di riflessione che ci spinge ad andare avanti. Pertanto, la resilienza è un costrutto che possiamo sviluppare mentre affrontiamo varie sfide.

D’altra parte il ” coraggio” implica la capacità di essere resilienti di fronte al fallimento, ma anche di mantenere un forte impegno che rimane nel tempo. In altre parole, la combinazione di passione e perseveranza che caratterizza.

Allo stesso modo, questo costrutto è inquadrato in tenacia . Quindi, si dice che è una miscela di due componenti:

a) la perseveranza dello sforzo e

b) la coerenza rispetto all’interesse per il raggiungimento dell’obiettivo

DUCKWORTH E IL SUO STUDIO SULLA SABBIA

Nell’intervista condotta da Perkins-Gough (2013), Duckworth commenta una delle sue prime indagini su questo argomento. Era all’Accademia militare di West Point , un’accademia militare da cui si diploma circa il 25% degli ufficiali dell’esercito americano. Per diplomarsi in una tale istituzione, i cadetti devono ottenere un buon punteggio su vari risultati. Questi includono i risultati , il grado di rendimento, l’abilità di leadership e l’idoneità fisica.

Attraverso un questionario progettato dal suo team per misurare queste variabile, sono state analizzate ed osservate le performance durante il periodo estivo. Si è stabilito che urlare ad esempio è uno dei migliori predittori del successo perché, secondo l’autore, non basta solo essere presenti ma avere determinazione per raggiungere un obiettivo, la grinta predice il successo molto più del talento .

Secondo le osservazioni di questo autore, l’ educazione deve avere una prospettiva motivazionale e psicologica . È così che afferma che il QI non è il fattore più importante di cui dobbiamo tenere conto per imparare meglio. Questa premessa sarebbe estesa a vari campi di studio (Duchworth, 2013).

URLA, MOTIVAZIONE E METACOGNIZIONE?

La passione con cui facciamo le cose per raggiungere i nostri obiettivi è, secondo Duckworth (2016), quella che ci permette di perseverare e di non arrenderci. Secondo Von Coulin et al. (2014), se gli obiettivi che ci motivano implicano che ci impegniamo a lungo termine, abbiamo maggiori probabilità di sviluppare una maggiore grinta.

Allo stesso modo, gli studi affermano che la grinta richiede che diventiamo consapevoli di quegli ostacoli che ci consentono di sviluppare strategie per raggiungere i nostri obiettivi. In altre parole, implica un processo di metacognizione che ci consente di determinare i passaggi che dobbiamo seguire per raggiungere i nostri obiettivi.

Questa analisi diventa essenziale per poter identificare quei successi ed errori che ci permetteranno di riflettere sulle nostre azioni. Quindi, possiamo configurarli per essere in grado di andare verso il successo. Indubbiamente, questo concetto di sicurezza è legato all’autocontrollo , per lo stesso motivo e come abbiamo spiegato in precedenza, la grinta aumenta man mano che maturiamo.

POSSIAMO SVILUPPARE LA NOSTRA GRINTA?

La Haka è una danza tipica del popolo Māori,
che i giocatori eseguono per motivarsi prima di ogni partita

Secondo le nostre esperienze di successo e fallimento man mano che cresciamo, la nostra grinta può svilupparsi. Questa capacità è collegata alle convinzioni di autoefficacia , quindi la promozione di una cultura dello sforzo è fondamentale . Tuttavia, non solo questo è necessario, è essenziale che gli studenti possano vivere l’esperienza del successo come risultato dello sforzo che fanno.

È così che Ruiz Martín (2020) suggerisce che, a livello di istruzione, gli insegnanti possono supportare gli studenti in due modi:Grinta – apprendimento.

Aiutando a migliorare le loro strategie di apprendimento . Cioè insegnare tecniche di studio e strategie di metacognizione.
Misurare e adattare il livello di difficoltà delle attività in base alle proprie esigenze. Implica la definizione di attività che non sono né troppo facili né troppo difficili.
Tuttavia, questo non implica impedire agli studenti di avere momenti di frustrazione o fallimento, poiché queste esperienze sono ciò che ci consente di sviluppare la nostra capacità di resilienza. Al contrario, gli adulti dovrebbero mantenere un atteggiamento fermo ma incoraggiarli ad andare avanti , senza intervenire direttamente sul problema o cercare di evitarlo per lo studente.

CRITICI

Questo concetto si è rafforzato oggi, tuttavia, una delle critiche più frequenti che vengon mosse è legata al fatto che non si tratta di un nuovo contributo. Inoltre, secondo vari studi, si dice che il livello di impatto dell’urlo sia minimo .

D’altra parte, è indicato che, rispetto ad altri fattori come le convinzioni, la grinta non sembra essere un predittore del successo accademico, cioè non è correlata ai risultati accademici .

Di conseguenza, è importante considerare che questo fattore può essere influente ma non è l’unico. Ci sono altri concetti come emozione, resilienza, motivazione, tra gli altri (Ruiz Martín, 2020). Seguendo questa linea, Bonfiglio (2017) sostiene che, sebbene la grinta e la resilienza siano elementi importanti da coltivare, ce ne sono altri come la consapevolezza sociale che ci permette di valorizzare il nostro ruolo nella società per raggiungere una maggiore coesione.

CONCLUSIONE

Trentaquattro titoli, settantasette premi e quasi seicentocinquanta gol dopo, Lionel Messi è senza dubbio uno dei migliori calciatori della storia. Come abbiamo visto all’inizio dell’articolo, la sua carriera professionale si è sviluppata dalla scoperta della sua passione, il calcio. Facile, non lo era. Mentre il suo talento è innegabile, la sua carriera mediata dalla dualità di successo e fallimento gli ha permesso di andare avanti e rimanere fedele al raggiungimento dei suoi obiettivi. Questa piccola storia, aggiunta a tutto ciò che abbiamo visto, ci incoraggia a capire che, tra molti altri elementi, la resilienza e la grinta sono la chiave per guidarci giorno dopo giorno.

FONTE: https://neuro-class.com/grit-y-resiliencia-en-educacion-perseverar-y-alcanzar-la-meta/

 

Nessun commento

Aggiungi il tuo commento