fbpx
ROME - ITALY
info@asilonelbosco.com

Rafael Bisquerra: “L’autentica educazione emotiva è anticipare la comparsa di problemi con misure preventive”

Rafael Bisquerra: “L’autentica educazione emotiva è anticipare la comparsa di problemi con misure preventive”

Direttore del RIEEB  (International Network for Emotional Education and Well-being), Rafael Bisquerra è considerato uno dei massimi esperti di educazione emotiva. Inoltre, è Professore Emerito presso l’Università di Barcellona (UB), Dottore in Scienze dell’Educazione, Bachelor of Education and Psychology, fondatore e primo direttore del GROP (Grup de Recerca en Orientació Psicopedagògica) dell’UB. Dagli anni ’90 ha concentrato la sua ricerca sull’educazione emotiva ed è autore di numerose pubblicazioni in questo settore.

In che modo l’educazione emotiva influenza la crescita di un bambino?

L’educazione emotiva, quando messa in pratica nel rispetto dei requisiti di qualità, ha effetti sulla riduzione dei problemi e dei conflitti; problemi di comportamento; aggressività e violenza; ansia e stress. Si osserva anche un miglioramento delle competenze sociali ed emotive; miglioramento degli atteggiamenti verso se stessi, verso gli altri e verso la scuola; miglioramento del comportamento propositivo in classe; miglioramento del clima in classe; riduzione del comportamento distruttivo e anche un miglioramento del rendimento scolastico. Tutto ciò ha l’effetto di migliorare il benessere emotivo generale della classe.

Perché è così importante introdurre l’educazione emotiva nelle scuole fin dalla giovane età?

I primi sei anni di vita sono essenziali per il futuro di una persona. Durante questa fase ci sono cambiamenti molto importanti nel comportamento, nel linguaggio e nel pensiero che riflettono profonde trasformazioni nel cervello. Ciò non significa che l’apprendimento importante non avvenga in seguito. Ma guardiamo un dettaglio, la lingua che si impara nei primi anni è la lingua madre che si pronuncia perfettamente per tutta la vita, mentre con l’avanzare dell’età l ‘”accento” è sempre più evidente quando una persona parla una lingua straniera. I modelli di comportamento acquisiti durante la prima infanzia e l’istruzione primaria tendono a rimanere stabili per lungo tempo. Quindi, se un bambino impara a comportarsi con rispetto per gli altri invece che in modo aggressivo,

“I modelli di comportamento che si acquisiscono durante la prima infanzia e l’istruzione primaria tendono ad essere stabili per lungo tempo”

Quali conseguenze negative può avere un bambino che non riceve un’educazione emotiva sin dalla tenera età?

Nella prima risposta sono stati commentati alcuni effetti che possono manifestarsi in maggiore instabilità emotiva, ansia, stress, uso di droghe, violenza, ecc., Che sono manifestazioni di analfabetismo emotivo. Va tenuto presente che molti problemi personali e sociali hanno un importante substrato emotivo.

A livello internazionale, come si colloca l’educazione emotiva nei sistemi educativi?

Sta cominciando Negli Stati Uniti, budget generosi sono dedicati alla ricerca sull’educazione emotiva e si ottengono risultati spettacolari nei centri educativi in ​​cui viene svolta. La ricerca è in corso in Europa e c’è una consapevolezza crescente di alcune organizzazioni dell’Unione Europea. In molti paesi dell’America Latina c’è un risveglio di interesse per l’argomento. Ad esempio, in Messico nel 2018 è stata implementata una materia di “Tutoraggio ed educazione socio-emotiva”; in Argentina è stata approvata una legge sull’educazione emotiva. In sintesi, c’è una sensibilizzazione progressiva, ma manca la formazione degli insegnanti per un’implementazione informata e di qualità.

Qual è il paese che ha maggiormente incorporato l’educazione emotiva nelle aule scolastiche?

Probabilmente negli Stati Uniti. Soprattutto a causa della pandemia, nella maggior parte delle scuole sono stati adottati protocolli di cura emotiva per gli studenti. Ciò è accaduto anche in molti altri paesi. Curiosamente, il coronavirus, forse, ha contribuito a sensibilizzare sull’importanza di prestare attenzione alla dimensione emotiva. Ma in questo contesto si attende un approccio “reattivo” al problema che si è presentato, e non come dovrebbe essere: “preventivo”.

Quali sono le principali differenze tra la Spagna e il resto dei paesi in termini di educazione emotiva?

Se ci confrontiamo con il gruppo di paesi nel mondo, potremmo dire che la Spagna è uno dei paesi in cui ci sono più pubblicazioni sull’educazione emotiva; Si può dire che questa espressione sia nata in Spagna a metà degli anni novanta. In Spagna ci sono abbondanti ricerche sull’argomento. È qui che nel 2002 è emerso il primo Master in educazione emotiva presso l’Università di Barcellona. È qui che molti professionisti dell’educazione sono stati formati in programmi post-laurea di educazione emotiva promossi da varie università spagnole, da cui è derivata l’applicazione di programmi di educazione emotiva, in molti centri educativi, e questo è stato un fattore importante per la progressiva implementazione dell’ educazione emotiva. Numerose sono state anche le conferenze, i congressi,i cicli di conferenze e varie azioni di formazione per contribuire alla sua diffusione e attuazione. È in Spagna che nasce il RIEEB (International Res of Emotional Education and Well-being), che si sta diffondendo principalmente in tutti i paesi dell’America Latina. Tutto questo è una prova dello sviluppo dell’educazione emozionale in Spagna. Ma questo non significa che sia una realtà generale. C’è ancora molta strada da fare. Principalmente, c’è una mancanza di consapevolezza e formazione degli insegnanti per un’implementazione di qualità ed efficace. Proprio per contribuire alla sensibilizzazione e alla formazione delle persone coinvolte nell’istruzione, si sta svolgendo una serie di conferenze denominate EmocionalTalks, in collaborazione tra RIEEB ed EduCaixa, che le persone interessate possono seguire gratuitamente.

Tutto questo è la prova dello sviluppo dell’educazione emotiva in Spagna. Ma questo non significa che sia una realtà generale. C’è ancora molta strada da fare. Principalmente, c’è una mancanza di consapevolezza e formazione degli insegnanti. Proprio per contribuire alla sensibilizzazione e alla formazione delle persone coinvolte nell’istruzione, si sta svolgendo una serie di conferenze denominate EmocionaTalks, in collaborazione tra RIEEB ed EduCaixa che le persone interessate possono seguire gratuitamente. e varie azioni di formazione per contribuire alla sua diffusione e implementazione. In Spagna nasce il RIEEB (International Res of Emotional Education and Well-being), che si sta diffondendo principalmente in tutti i paesi dell’America Latina. Tutto questo è una prova dello sviluppo dell’educazione emotiva in Spagna. Ma questo non significa che sia una realtà generale. C’è ancora molta strada da fare. Principalmente, c’è una mancanza di consapevolezza e formazione degli insegnanti per un’implementazione di qualità ed efficace. Proprio per contribuire alla sensibilizzazione e alla formazione delle persone coinvolte nell’educazione, si sta svolgendo una serie di conferenze denominate EmocionaTalks, in collaborazione tra RIEEB ed EduCaixa che le persone interessate possono seguire gratuitamente.

“Principalmente vi è una mancanza di consapevolezza e formazione degli insegnanti per un’implementazione di qualità ed efficace”

Ritieni che gli insegnanti siano sufficientemente preparati per incorporare l’educazione emotiva in classe?

C’è una mancanza di consapevolezza tra gli insegnanti, la direzione dei centri educativi e i responsabili della politica educativa del paese per procedere con una formazione di qualità per gli insegnanti di educazione emotiva. Ciò è stato chiaramente evidente ai tempi del coronavirus, dove “l’accompagnamento emotivo” è stato promosso come misura palliativa e reattiva, senza che gli insegnanti si sentissero preparati. Ma un’autentica educazione emotiva non è una reazione ai problemi che sorgono, ma anticipare la comparsa di problemi con misure preventive e lo sviluppo di competenze emotive, che migliorano la convivenza, il rendimento scolastico e il benessere.

In che modo dovrebbe essere trattata l’educazione emotiva in classe alla Primaria?

“È importante lavorare sull’empatia, l’autostima, le emozioni sociali e morali, come la vergogna, il senso di colpa, l’umiliazione, ecc.”

Per rispondere a questa domanda è necessario almeno un libro. Per dare qualche tocco, possiamo sottolineare l’importanza del vocabolario emotivo, come la distinzione tra ansia e paura, frustrazione e delusione, gioia e felicità, amore e infatuazione, rabbia e indignazione, ecc. Impara a identificare le emozioni, riconoscerle, nominarle e prendere coscienza della relazione tra emozioni, pensieri e comportamenti. Distinguere tra emozioni, sentimenti e stati d’animo. Per questo puoi utilizzare varie risorse come ritagli di giornale, foto, filmati, romanzi, storie, ecc. È importante che gli studenti imparino a esprimere le proprie emozioni e a condividere le proprie esperienze emotive; la verbalizzazione emotiva è un fattore di coscienza e sviluppo. Conoscere le tue emozioni è il modo per conoscere te stesso. È importante riconoscere le risposte fisiologiche delle emozioni (tachicardia, ipertensione, vampate di calore, secrezioni ormonali, neurotrasmettitori, ecc.). È importante lavorare sull’empatia, l’autostima, le emozioni sociali e morali, come la vergogna, il senso di colpa, l’umiliazione, ecc. La cosa più importante è che dalla consapevolezza emotiva impari a regolare le emozioni. Solo lo sviluppo della competenza di regolazione della rabbia per la prevenzione della violenza dovrebbe essere uno degli obiettivi prioritari in tutti i sistemi educativi del mondo. Ma devi essere consapevole che questa è una delle abilità più difficili da sviluppare, che richiede anni di pratica e formazione. Ma ne vale la pena. La pratica efficiente e fondata dell’educazione emotiva contribuisce in modo significativo al miglioramento della convivenza e del benessere personale e sociale.

fonte: https://www.eleconomista.es/ecoaula/noticias/10869200/11/20/Rafael-Bisquerra-La-autentica-educacion-emocional-es-anticiparse-a-la-aparicion-de-los-problemas-con-medidas-preventivas.html

Nessun commento

Aggiungi il tuo commento