fbpx
ROME - ITALY
info@asilonelbosco.com

Rafael Bisquerra: “I grandi problemi dell’umanità nel 21 ° secolo saranno emotivi”

Rafael Bisquerra: “I grandi problemi dell’umanità nel 21 ° secolo saranno emotivi”

Con oltre 25 anni di ricerca e lavoro su questioni di educazione emotiva, Rafael Bisquerra, presidente della Rete internazionale per l’educazione emotiva e il benessere (Rieeb), laureato in psicologia e psicopedagogia, presenta il suo nuovo libro Educazione emotiva, 50 domande e risposte , che ha scritto insieme a Èlia López-Cassá. Gli autori presentano le 50 domande nate dai bisogni delle professioni, le cui risposte combinano fondamenti teorici e applicazioni pratiche.

Dalla sua casa di Barcellona, questo catalano di 71 anni e con diverse pubblicazioni al suo attivo anticipa che “i grandi problemi dell’umanità nel 21 ° secolo saranno problemi emotivi “. E avverte: “Nella misura in cui insegniamo la conoscenza puramente cognitiva, possiamo formare macchine per uccidere altamente efficienti; questo è ciò che faceva anche il nazismo”.

-Nel tuo libro dici che non viene data l’importanza necessaria all’educazione emozionale, potrebbero essere insegnati ad aiutare a regolare Le emozioni?

-Sono sempre stato riluttante a seguire corsi a distanza sull’educazione emotiva perché il contatto faccia a faccia è una caratteristica essenziale. L’esperienza della pandemia ce lo ha imposto perché non abbiamo avuto scelta ed ora stiamo esplorando, indagando e sperimentando. Ci sono cose che in questo momento online non si possono fare ma non dobbiamo essere così chiusi.

-In quale percentuale ritieni che le scuole diano importanza all’educazione emotiva dei loro studenti?

-Non abbiamo dati a livello generale. C’è un settore del corpo docente che comincia ad essere sensibilizzato e formato ma che è ancora una minoranza; gli insegnanti in generale non hanno ricevuto alcuna formazione . Sono grato che da questa intervista possa derivare un passo in più nella sensibilizzazione di insegnanti, famiglie, società e, se possibile, politici perché dobbiamo tenere presente che i grandi problemi dell’umanità nel 21 ° secolo saranno i problemi emotivi legati ad un’elevata prevalenza di ansia, stress, depressione, suicidi, uso di droghe, violenza e che tutto questo è un problema di analfabetismo emotivo.

-I problemi emotivi del 21 ° secolo sono peggiorati con la pandemia?

Vengono da prima, ma la pandemia è stata l’innesco per prendere coscienza. La maggior parte dei problemi degli studenti al momento sono problemi emotivi, ma gli insegnanti sono consapevoli di non essere formati, non sono sensibilizzati, non sanno come farlo, quindi, abbiamo bisogno di un insegnante che nel XXI secolo riceva una seria, profonda formazione iniziale, ben fondata nella ricerca scientifica, per mettere in pratica l’educazione emotiva.

Quando si parla di basi di una buona società, si sottolinea l’importanza dell’educazione, ma perché l’educazione emotiva non viene considerata all’interno delle materie?

E’ sempre stato così, ad esempio, negli anni ’30 le università tedesche erano le migliori al mondo, i laureati in queste università occupavano posti chiave nel nazismo, Heidelberg a quel tempo era considerata una delle migliori università del mondo e sappiamo cosa è successo. Era una formazione eminentemente tecnica, di conoscenza, non c’era assolutamente alcuna dimensione emotiva.

-Se l’educazione emotiva viene applicata alla pratica educativa, quali cambiamenti potremmo vedere nella società?

Abbiamo potuto vedere una significativa riduzione di ansia, stress, depressione e suicidi. Una significativa diminuzione del consumo di droghe, comportamenti a rischio e atti di vandalismo. Anche un miglioramento del rendimento scolastico e, soprattutto, un miglioramento del benessere personale.

-Quando la pandemia Covid-19 finirà, avremo una società con una psiche più debole a causa di una vasta quarantena?

Ci saranno due settori, alcuni molto più vulnerabili e altri molto più resilienti. Se l’uno o l’altro predomineranno, non oso dirlo, ma forse se dovessi scommettere, scommetterei che dopo la pandemia ci sarà una maggioranza che sarà molto più vulnerabile flagellata da una serie di fattori, tra questi, la crisi economica. E ‘molto importante tenerlo presente e se non facciamo un’analisi approfondita su questo non avremo imparato nulla dalla pandemia.

fonte: https://www.lanacion.com.ar/sociedad/rafael-bisquerra-los-grandes-problemas-humanidad-siglo-nid2392879

Nessun commento

Aggiungi il tuo commento